Home ARTE E CULTURA I tesori di Veio nel Museo nazionale etrusco di Villa Giulia

I tesori di Veio nel Museo nazionale etrusco di Villa Giulia

Con gli spazi espositivi che sono stati presentati al pubblico il 19 gennaio, tova conclusione  un progetto avviato nel 1995 teso alla realizzazione di un grande polo museale etrusco a Roma che vede affiancarsi alla storica sede di Villa Giulia la contigua Villa Poniatowski, definitivamente acquisita al Demanio nel 1988 e fatta oggetto di lunghi e delicati restauri tra il 1997 e il 2010.

Dopo il completamento nel 2010 degli allestimenti dell’ala sinistra dedicata ai centri di Vulci, Cerveteri e Tarquinia, il percorso topografico si completa con l’esposizione, nell’ala destra, delle testimonianze restituite da Veio, per lo più confinate da oltre sessant’anni nei depositi.

Accanto a documenti eccezionali della coroplastica templare etrusca quali il ciclo delle celebri statue del tempio di Portonaccio, si propongono ora al pubblico alcuni ricchissimi corredi appartenuti ai re di quel centro, giustamente definito in antico l’altera Roma.

Integra le nuove esposizioni la sala di Venere al piano nobile della Villa, riservata ai capolavori restituiti all’Italia da Musei e collezionisti stranieri. Finalmente aperto al pubblico anche il salone al piano terreno a destra dell’atrio, decorato con stucchi attribuiti a Francesco Brandani da Urbino e affrescate da Prospero Fontana e Taddeo Zuccari, che viene ora destinato a spazio per conferenze o mostre temporanee.

Villa Poniatowski è accessibile al pubblico dal 20 gennaio, con ingresso dalla usuale biglietteria di Villa Giulia, solo su prenotazione telefonando al numero 0644239949.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome