Home ATTUALITÀ La tradizione della musica Romana sbarca all’Auditorium

La tradizione della musica Romana sbarca all’Auditorium

Il concerto “Identità e tradizione nella musica romana” organizzato il prossimo mercoledì 25 gennaio alle ore 21, nella Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica, rappresenta indubbiamente la rivincita della musica popolare dedicata a Roma. Lo spettacolo, voluto da Roma Capitale ed in particolare dal consigliere delegato allo sport, Alessandro Cochi,  rappresenta in qualche modo la rivalutazione di un genere troppo spesso trascurato rispetto ad altre tradizioni culturali del Centro Sud e non solo.

La musica legata alla storia e alla cultura della nostra città non ha infatti avuto in passato la dovuta valorizzazione e diffusione che meriterebbe.

Importanti sono gli interpreti che parteciperanno alla kermesse canora come Enrico Montesano, Ambrogio Sparagna e l’Orchestra Popolare Italiana, Renzo Renzetti, Maurizio Francisci con i Cerchi Magici, Ezio Baiocco, Fabrizio Amici, Velia Donati e quel Giorgio Onorato, voce storica di Roma, che sarà premiato alla carriera alla presenza del Sindaco Gianni Alemanno.

Insieme alla canzone, anche la poesia grazie a interpreti come Renato Merlino, Angelo Blasetti, Giorgio Roberti con il Centro Romanesco Trilussa. L’evento costituisce dunque un momento di grande rilevanza che coinvolge alcuni dei migliori rappresentati della cultura popolare romana. Non era facile mettere insieme un numero di artisti così ampio e dalle specificità eterogenee, ma il successo dell’iniziativa svolgerà la funzione di trampolino di lancio per progetti futuri volti a riscoprire un repertorio ampio e affascinante.

La serata vuole anche celebrare l’Unità d’Italia attraverso un momento alto di aggregazione e cultura all’interno di una cornice suggestiva e si può inquadrare come un secondo appuntamento dopo quello di qualche mese or sono quando, sempre all’Auditorium, il Maestro Sparagna diede vita a un concerto con musiche popolari di tutte le Regioni d’Italia.

Sparagna fu anche in quella occasione accompagnato dall’Orchestra Popolare Italiana. Un’Orchestra unica nel suo genere, composta prevalentemente da giovani musicisti provenienti da varie regioni scelti nel panorama della musica popolare e residente all’interno delle attività della Fondazione Musica per Roma. L’OPI si caratterizza per la presenza importante di strumenti musicali tipici della tradizione popolare italiana ed è finalizzata alla produzione di programmi originali dedicati sia ai repertori regionali, sia alle forme e ai generi del folklore nazionale.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome