Home ATTUALITÀ Monte Mario – Arrestato rapinatore, era ricercato da tempo

Monte Mario – Arrestato rapinatore, era ricercato da tempo

Aveva 24 anni e già seminava terrore al quartiere Aurelio. L’uomo, oggi 37enne, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Monte Mario, al termine di una mirata e complessa attività d’indagine. Nei suoi confronti pendeva un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Roma poiché ritenuto responsabile di rapina. In particolare, nell’ultimo episodio, il 37enne è accusato di aver rapinato un “Rolex” nell’agosto dello scorso anno, ad uno studente romano, in via Campo Catino, a Trionfale.

In quella circostanza il malvivente, armato di una pistola, si era avvicinato al giovane mentre stava parcheggiando la propria autovettura e, puntandogli l’arma alla nuca si fece consegnare il prezioso orologio ed un telefono cellulare. Il rapinatore, dopo aver infranto il finestrino dell’autovettura della vittima, con il calcio della pistola, fuggì a bordo di una moto.

I Carabinieri, sulla base delle descrizioni fornite dalla vittima nell’immediatezza del fatto, hanno immediatamente avviato le ricerche del rapinatore. Così, tra i controlli effettuati nei luoghi del quartiere frequentati da delinquenti e con l’ininterrotta attività di indagine è stato individuato il rapinatore.
Rinchiuso presso il carcere di Regina Coeli, da oggi è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

M.M., ha un “curriculum” di tutto rispetto. E’ colui, infatti, che a novembre dello scorso anno aggredì gli agenti della Polizia di Stato, intervenuti presso il Residence “Bastogi” per effettuare dei controlli, per poi fuggire armato di pistola, ma venne subito catturato e arrestato. Inoltre, tredici anni fa, dopo un inseguimento partito da Via Ottaviano, degenerato con una sparatoria fu arrestato per aver commesso l’ennesimo scippo ai danni di una donna nel quartiere Prati. Tuttora, sono in corso le indagini volte ad accertare la responsabilità dell’arrestato in ordine ad altri analoghi episodi delittuosi.(fonte IrisPress.it)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome