Home ATTUALITÀ Maria Gemma Azuni scrive ai cittadini del XX Municipio

Maria Gemma Azuni scrive ai cittadini del XX Municipio

“Le vostre osservazioni ci aiuteranno a prendere decisioni migliori per voi”. E’ questo il messaggio alla base di una lettera che la consigliera capitolina Maria Gemma Azuni, componente del Gruppo Misto – SEL e vicepresidente della Commissione delle Elette, invia ai cittadini di Roma Nord tramite le nostre pagine, avendo ritenuto VignaClaraBlog.it il miglior strumento per raggiungere il maggior numero di destinatari. Nei prossimi giorni in Campidoglio si discuterà di urbanistica ed alcune decisioni riguardano il territorio del XX Municipio. Volete dire la vostra sugli argomenti citati nella lettera?

Così scrive Maria Gemma Azuni.

“Carissimi concittadini, l’Assemblea Capitolina ha calendarizzato numerose proposte riguardante l’urbanistica; tre di queste, da sottoporre prossimamente al voto dell’Assemblea Capitolina, coinvolgono il territorio del vostro Municipio di appartenenza. A tale proposito si trasmettono, con ordine cronologico di presentazione, copia delle sopracitate proposte, concernenti rispettivamente :

50° Proposta ( Dec.G.C. del 20 aprile 2011, n. 40) avente ad oggetto: ” Adozione variante di PRG di Roma Capitale, ai sensi del combinato disposto dell’art. 19, c. 3, del D.P.R. n. 327/2001 e dell’art. 50 bis della L.R.L. n. 38/1999, per il “Raddoppio della tratta Montebello-Sacrofano-Riano” della ferrovia Regionale Roma – Civita Castellana – Viterbo.”; (clicca qui)

110° Proposta ( Dec. G.C. del 16 settembre 2011, n. 93) avente ad oggetto: ” Adozione variante agli artt. 13, 52 e 53 delle NTA del PRG vigente, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 12 febbraio 2008 ai sensi dell’art. 10 della legge n. 1150/1942.”; (clicca qui)

59° Proposta ( Dec.G.C. dell’11 maggio 2011, n. 48) avente ad oggetto : “Adozione di varaianti i PRG ai Piani di Zona : B41 (Settecamini Casal Bianco); C1 (Torraccia); C26 (Via di Tor Cervara); C22 (Casale Nei); B34 (Casale Rosso); B20 (Cesano); 20 (Ponte di Nona); B5 (Rocca Fiorita); C2 (Lunghezza); B4 (Castel Verde); D5 (Romanina); B36 (Acilia Saline); C10 (Malafede); B38 (Muratella); B25 (Massimina); C25 (Borghesiana Pantano); D6 (Osteria del Curato 2); B50 (Monte Stallonara); B51 (Via Ponderano); 24 (Cerquetta), in base alla normativa vigente.” (clicca qui)

le quali, attraverso la cortese collaborazione della Redazione del quotidiano online VignaClaraBlog.it vengono poste all’attenzione della cittadinanza con il proposito di dare l’opportunità ai cittadini ed ai comitati di quartiere di contribuire, attraverso note o suggerimenti, al miglioramento delle proposte sopracitate per una più ampia rappresentanza della collettività presso le sedi istituzionali.

In considerazione che, la pianificazione urbanistica è, nella nostra città, sempre più calibrata sulle esigenze della speculazione edilizia e degli interessi privati e sempre meno sulle necessità dei suoi cittadini, appare quanto mai imprescindibile, per ognuno di noi, la rivendicazione del diritto a pretendere un’organizzazione del territorio ponderata che ponga, al centro delle sue scelte, la vivibilità dei luoghi da parte dei suoi abitanti.

Si rimane a disposizione per qualsiasi approfondimento in proposito e per, ulteriori ed eventuali, segnalazioni riguardanti altre criticità presenti sul territorio.

RingraziandoVi anticipatamente per eventuali suggerimenti, giungano a tutti Voi i miei più cordiali auguri per un nuovo anno pieno di salute e serenità.
Maria Gemma Azuni.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Se non ci sono i soldi é inutile sognare. Basterebbe eliminare i passaggi a livello
    incustoditi ed utilizzare un solo binario (raddrizzando le curve che hanno un raggio inferiore ai 200 metri).
    In Val Venosta ed in Val Pusteria con un solo binario transita un treno ogni trenta minuti (con possibilità di frequenza anche maggiori).

    http://www.ferroviaromanord.altervista.org

  2. A quando la chiusura dell’anello ferroviario?

    Deve avere la priorità assoluta rispetto a tante opere inutili.

    Diminuirebbe il traffico, l’inquinamento, si eviterebbero tanti incidenti stradali, si

    risparmierebbe tempo e denaro.

    Fatti, non parole.

  3. La consigliera dovrebbe spiegarci qual è l’impatto delle norme in discussione sul nostro territorio. Leggendo le proposte, non essendo un tecnico, non riesco a comprenderne il significato. Sarebbe utile una breve sintesi in un linguaggio accessibile a tutti.
    Sarebbe poi utile sapere se le proposte sono state accettate o meno
    grazie

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome