Home ATTUALITÀ XX Municipio – Cozza (PD): Giacomini non fugga dal Consiglio

XX Municipio – Cozza (PD): Giacomini non fugga dal Consiglio

“Questa mattina all’ordine del giorno del consiglio municipale c’èra una mozione, presentata dall’intero gruppo del Partito Democratico, che chiede al presidente di revocare una sua direttiva che ha dato il via libera alla realizzazione degli ormai famosi “marciapiedi fai-da-te”. Il documento, però, per mancanza del numero legale non si è potuto discutere.” Così, in relazione a quanto accaduto oggi, si esprime Alessandro Cozza, consigliere PD del XX Municipio

“Vogliamo che il presidente si assuma la responsabilità di quello che ha fatto e che dimostri almeno la forza di discutere con noi del tema. Vogliamo capire se dietro queste autorizzazioni esiste uno studio di quello che potrebbe succedere in futuro quando potremmo ritrovarci senza parcheggi ma con tante sedie e tavolini.
Nel ricordare che è oltre un mese che aspetto una risposta alla mia interrogazione e ad una successiva question time dalle quali il presidente Giacomini sta scappando, mi preme sottolineare – incalza Cozza – che un comportamento così è veramente inqualificabile. Comportamento reso ancora più grave dal fatto che il presidente non solo ha ordinato alla sua maggioranza di non rispondere all’appello di questa mattina, ma ha dimostrato la sua assoluta mancanza di rispetto verso il consiglio facendosi vedere nei corridoi del municipio e giustificando la sua assenza con un classico impegno istituzionale in mattinata.”

“Il consiglio non è un organo alle dipendenze del presidente Giacomini che quando gli fa comodo difende a spada tratta tanto da scomodare il sindaco e mezza stampa nazionale riuniti su Ponte Milvio e quando non gli serve sdegna senza interesse. Qualora giovedì, giorno in cui è stato riconvocato il consiglio, non avremmo possibilità di discutere il documento – conclude Cozza – potremmo decidere di utilizzare i lucchetti che saranno tolti da Ponte Milvio per chiudere le porte ed occupare il municipio, tanto i problemi non si affrontano.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome