Home ATTUALITÀ XX Municipio – Ariola, Mori (PdL): Lucchetti più importanti dei disabili

XX Municipio – Ariola, Mori (PdL): Lucchetti più importanti dei disabili

“Nella giornata in cui il Presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, è stato costretto ad incontrare il Sindaco per disinnescare la grana “lucchetti a Ponte Milvio”, solo un’ora prima e col minimo del numero legale, aveva approvato ad urgenza e con delibera, il Piano Regolatore Sociale di zona nonostante l’assenza del parere tecnico favorevole del Dipartimento ed esautorando, di fatto, il Consiglio di ogni potere di indirizzo politico nel merito”. Così, in una nota, il  Presidente del Consiglio del XX Municipio, Simone Ariola, e il Consigliere Giorgio Mori.

“Proprio alla luce di tali evidenti incongruità, il cons. Mori si era peraltro dimesso alcuni giorni prima da Presidente della Commissione Politiche Sociali. Se il Presidente Giacomini ritiene che il Consiglio del Municipio debba solo ratificare le decisioni sui “lucchetti” o altre amenità, non ha ben compreso il progetto voluto sin dall’inizio del comune percorso politico nel Popolo delle Libertà.”

“Invece di inseguire i riflettori delle telecamere, agendo in stile puramente veltroniano – proseguono Ariola e Mori – peraltro proprio il giorno successivo a quello in cui i parlamentari confermano i propri maxistipendi, rimborsi ed indennità, non ci sembra opportuno togliere quasi 70.000 euro di risorse per i disabili, senza nemmeno chiedere l’opinione del Consiglio.”

“Alla luce anche dell’assordante e imbarazzante silenzio delle opposizioni chiediamo a tutti i colleghi del municipio un segnale forte che dimostri che non abbiamo abdicato al nostro ruolo di politici per vestire quello più luccicante di giullari mediatici. Rimettano anche loro tutte le deleghe – concludono – per dimostrare che non sono più interessati alla poltrona e alle indennità che all’amministrazione e al bene dei cittadini”.

Visita la nostra pagina di Facebook

8 COMMENTI

  1. Non capisco una cosa, chi ha votato il piano e in che occasione??
    Beh adesso per coerenza mi aspetto che i consiglieri mori e Ariola votino con l’opposizione (mi auguro!!) contro questo piano regolatore sociale….
    Ps. Mori e Ariola, ma voi cosa ci fate ancora nel Pdl?

  2. Signor Sensi l’opposizione sulla questione ha sempre votato contro, sia il PRS del Comune di Roma in commissione e in Consiglio, sia il PRS municipale in commissione. Non abbiamo mai votato contro a priori, ma sempre motivando ampiamente le nostre ragioni, perchè siamo convinti che “l’opposizione” non debba essere strumentale e soprattutto non si fa a giorni alterni.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it

  3. In merito all’articolo “ XX Municipio – Ariola, Mori ( PDL ) lucchetti più importanti dei disabili
    Ritengo opportuno segnalare che la giunta non ha approvato il Piano Regolatore Sociale , che sarà sottoposto all’approvazione dell’aula consiliare , come del resto è sempre avvenuto, ma ha semplicemente espresso un parere in merito all’indirizzo politico dello stesso sulla base di ciò che era stato approvato dalla Commissione Politiche Sociali confermando la volontà di rispettare gli indirizzi espressi da una commissione formata da consiglieri; pertanto il Consiglio del Municipio “ non andrà a ratificare decisioni prese dalla Giunta” ma a discutere l’indirizzo espresso da Consiglieri e dalla Commissione competente . Tale procedura, richiesta per le vie brevi dal Dipartimento V, si è resa necessaria per rispettare le scadenze dello stesso Dipartimento rispetto alla presentazione del Piano Sociale cittadino che include ovviamente anche i Piani Municipali. Personalmente colgo l’occasione per ringraziare la Giunta ed Il Presidente Giacomini , in merito alla decisione assunta che è stata quella di dare seguito a quanto già deciso dalla Commissione Politiche sociali e dai Consiglieri senza apportare modifiche in merito alla progettualità ed impostazione del PRS . “ In questo modo il Presidente Giacomini , non soltanto ha dato un ulteriore valore al parere già espresso dalla maggioranza dei membri di Commissione , ma ha dimostrato di tutelare il ruolo e le decisioni dei cons. Municipali fino in fondo.”
    In quanto ai Cons. Mori e Ariola, ci chiediamo invece, viste le continue e numerose critiche da loro espresse pubblicamente , critiche a mio avviso, spesso pretestuose, se i sottoscritti si sentano o meno parte della maggioranza in cui sono stati eletti. Certo è che il loro comportamento appare alla sottoscritta ed alla maggioranza dei consiglieri del PDL , quantomeno incoerente !
    Personalmente mi dissocio dalle dichiarazioni dei Consiglieri Mori ed Ariola, e sentiti i miei colleghi di maggioranza posso affermare che anche gran parte degli altri sono concordi nel dissociarsi da chi sembra cercare pretesti per criticare la propria maggioranza, tenendosi ben saldi però i benefici di appartenere alla stessa, benefici in termini sicuramente di cariche istituzionali !
    “ E’ troppo comodo usufruire dei privilegi politici di appartenere ad una maggioranza, salvo poi cercare consensi anche nell’elettorato di opposizione ! ! questo è il pensiero più diffuso tra molti consiglieri del Municipio XX

    Cons. Clarissa Casasanta
    Delegata alle Politiche Sociali
    Municipio Roma XX

  4. Purtroppo gli atti contraddicono la consigliera Casasanta.
    La giunta ha infatti “approvato il Piano Regolatore Sociale” come si legge in questo atto (vedi allegato), in data 14 Dicembre 2011, nonostante “non fosse stata concessa la congruità tecnica” come si evince da questo documento (vedi allegato)
    Farei molta cautela ad affermare che si tratta di una “decisione assunta che è stata quella di dare seguito a quanto già deciso dalla Commissione Politiche sociali e dai Consiglieri senza apportare modifiche in merito alla progettualità ed impostazione del PRS”, in quanto, è proprio solo con l’esperienza e la professionalità di altri dirigenti e soltanto successivamente alla votazione della delibera, che è stato ottenuto un “parere di congruità tecnica a condizione però di effettuare le necessarie modifiche promesse per rispettare le indicazioni di U.O. Azioni di Sistema e Attuazione PRS, Cabina di Regia 285 e Ufficio Bilancio”, ma se si dicono queste cose si rischia di vanificare tutto.
    Sui profili politici, preferirei calare un pietoso velo di silenzio limitandomi a riportare le importanti parole del Presidente Giacomini che condivido pienamente: “è solo un caso di dialettica interna, nei partiti dove c’è democrazia c’è dibattito e discussione”.
    https://www.vignaclarablog.it/200911258340/xx-municipio-calato-un-velo-sulla-mozione-di-sfiducia-a-simone-ariola/
    Infine una piccola precisazione.
    E’ sempre opportuno, se non si è capogruppo, parlare a titolo personale, altrimenti si rischia di delegittimare chi ha un importante ruolo che peraltro io riconosco nel PDL al Cons. Antoniozzi e si usano metodologie argomentative sleali che hanno invece solo il senso di intimidazione verso i più deboli.
    Io, invece, in questo commento ho parlato a titolo personale.
    G.Mori
    Cons. Municipio Roma XX

  5. La cons casasanta parla prima a nome della giunta,ma non è un assessore, poi anome di alcuni cons Pdl,ma non è capogruppo! Ma allora consigliera perchè parla a vanvera?
    Complimenti ai cons. Mori ed Ariola,gli unici che dimostrano di avere ‘gli attributi’ in questa Pdl municipale davvero umiliata e silente di fronte al ‘padrone’ giacomini!

  6. Per fortuna del PDL locale ,lei consigliera CAsasanta non’è la capogruppo, non capisco pertanto perchè parla al plurale, delegittimando il Capogruppo.
    Comunque sia, se le sue affermazioni sono vere faccia nomi e cognomi, così che gli stessi possano confermare o smentire!
    Come già dichiarato dal Cons. Mori gli atti ufficiali contraddicono le sue dichiarazioni.
    Per il resto cara consigliera, purtroppo faccio politica da quando avevo circa 12 anni, la faccio per passione e spiccato senso civico e alla Politica ho dato tanto, più di quanto ho ricevuto.
    Sono un uomo di destra, destra sociale, ma soprattutto sono un uomo libero, senza ‘padroni’!! …Non so se Lei può dire (ma si, forse a parole si può dire , tanto di cavolate se ne dicono tante!) la stessa cosa!!
    Simone Ariola.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome