Home ATTUALITÀ Al Teatro Olimpico occhio alla seconda G

Al Teatro Olimpico occhio alla seconda G

Il Teatro Olimpico di piazza Gentile da Fabriano ospiterà giovedì 1 dicembre, con inizio alle ore 21, “PaGAGnini”, uno spettacolo organizzato dall’Accademia Filarmonica Romana in collaborazione con l’Ambasciata di Spagna, uno show assai particolare che promette di connotarsi come una parodia esilarante dei riti, dei tic e degli stereotipi della musica classica: sul palco inizierà un normale concerto di musica da camera, ma poi qualcosa andrà storto…

Sulla scena ci sarà un quartetto d’archi formato dal violoncellista Gartxot Ortiz e dai tre violinisti Eduardo Ortega, Fernando Clemente e Ara Malikian, lo straordinario e talentuoso artista che ha ideato questa singolarissima rappresentazione: i musicisti, rigorosamente in frac, inizieranno a suonare da professionisti quali sono, ma ben presto l’esibizione prenderà una piega del tutto inaspettata e con umorismo verranno passati in rassegna i rituali, i luoghi comuni e le gerarchie che caratterizzano il mondo della musica classica. Oltretutto, uno dei quattro si innamorerà di una ragazza del pubblico, che sarà chiamata sul palco ad interpretare un brano di musica contemporanea. Riportare l’ordine in sala sarà davvero una missione impossibile…

Sfrontato, geniale, comico, esilarante: sono queste le caratteristiche che questo spettacolo (che è “molto più di un concerto!”) garantisce per la sua unica rappresentazione al Teatro Olimpico. “PaGAGnini” presenterà e combinerà in un unico show la musica classica e quella popolare, il virtuosismo di Malikian e dei suoi compagni di strada e l’umorismo farsesco di Yllana, un collettivo artistico che vanta quasi un ventennio di permanenza sulla scena internazionale.

Quindi, ascolteremo le sublimi musiche di Mozart, Pachelbel e Chopin, le splendide composizioni di Boccherini e Sarasate, oltre ai brani di Serge Gainsbourg e degli U2. E naturalmente avrà un ruolo di primo piano la musica di Niccolò Paganini, il cui genio è stato un riferimento di particolare importanza, non soltanto per il titolo, ma anche per tutto il processo creativo dello spettacolo.

Infatti le complesse composizioni del violinista, il suo carattere spericolato e le sue interpretazioni indimenticabili rifletteranno lo spirito di “PaGAGnini”, uno spettacolo che coniugherà un’eccentrica prospettiva del mondo dei concerti con un’ elegante e virtuosa interpretazione da parte dei quattro musicisti; uno show che è destinato agli spettatori di tutte le età, anche a quelli non necessariamente in confidenza con la musica classica, ma che promette altresì di soddisfare anche i palati più esigenti.

Ara Malikian, nato in Libano nel 1968 da famiglia armena, ha collaborato con importanti artisti, tra i quali Joaquin Cortés e Belén Maya, e con i compositori di colonne sonore cinematografiche Pascal Gainge ed Alberto Iglesias, con cui ha inciso la colonna sonora del film di Pedro Almodòvar “Parla con Lei”, premio Oscar nel 2003 per la miglior sceneggiatura originale.

Giovanni Berti

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome