Home ATTUALITÀ Fleming – Imago XX: due progetti per riqualificare Piazza Monteleone di Spoleto

Fleming – Imago XX: due progetti per riqualificare Piazza Monteleone di Spoleto

“Domenica 18 settembre, alle ore 10, presso il Grand Hotel Fleming, Piazza Monteleone di Spoleto 20, si terrà l’incontro di presentazione dei due progetti di riqualificazione della Piazza elaborati dall’ingegner Emanuele Silvestri e dall’architetto Valerio Addi”. Lo comunica Vincenzo Leli, coordinatore dell’associazione Imago XX, spiegando che l’iniziativa “si propone come un efficace esperimento di cittadinanza attiva che, come analoghe iniziative sorte negli ultimi anni a Roma e in altre città italiane, si propone di affiancare il lavoro dei poteri pubblici e municipali”.

“E’ ormai frequente – continua il comunicato – che le amministrazioni, alle prese con bilanci sempre insufficienti, non riescano a intervenire con la dovuta efficacia e tempestività nella complessa stratificazione della metropoli. In questo scenario le capacità di autorganizzazione e coordinamento fra cittadini, associazioni ed enti territoriali sono e saranno il vero presidio che potrà rimediare all’inevitabile degrado, senza risolversi in una fatalistica attesa del prodigo, ma improbabile, affacciarsi della mano pubblica”.

Nel corso della manifestazione saranno gli stessi autori ad illustrare al pubblico le caratteristiche dei progetti. Il primo prevede la realizzazione di una nuova struttura per il mercato esistente nel rispetto dell’architettura del quartiere e della vegetazione presente.
“La sua realizzazione, mediante costruzione in doghe di legno ad intervalli sfalsati dal basso verso l’alto e viceversa, si contrappone pienamente ai volumi pieni offerti dai palazzi che si affacciano sulla piazza, esaltando in questo modo la leggerezza e la trasparenza dell’organismo.”

“Il secondo – spiega ancora la nota – contempla invece lo spostamento dell’area mercatale in luogo idoneo, e alla trasformazione della piazza in area a verde pubblico, sulla base della considerazione che allo stato di fatto la piazza ospita un mercato che conta qualche decina di banchi per la vendita, caratterizzati da un’uniformità nella struttura; coperture in lamiera e rivestimenti fanno di questo mercato un posto fatiscente e non valorizzato. La nuova sistemazione permetterebbe di esaltare le caratteristiche degli otto grandi esemplari di pinus pinea, e di restituire all’area la funzione di spazio pubblico di incontro e passeggio di cui il quartierino Fleming, con le sue tortuose e strette vie, ha senz’altro bisogno.”

All’incontro saranno presenti esponenti politici, dei media e delle associazioni territoriali.

“Tutti gli interessati a partecipare – conclude il comunicato – a causa dei posti limitati in sala conferenza, possono prenotarsi entro il 13 settembre al 393.0639.414, o inviare una mail con i propri dati a segreteria@imagoxx.it”

Visita la nostra pagina di Facebook

25 COMMENTI

  1. Ma chi è sto ‘Drago’ ? A Leli, ma i soldi necessari li metti tu di tasca tua?
    ….e poi sei arrivato tardi! Il Municipio XX che de scienziati ne ha tanti, ha già pure Lelli, con due ELLE!!! E allora, che stai a fa? A perde tempo? In attesa delle prossime elezioni, sperando che il tuo quasi omonimo (Lelli) non si ricandida, te poi fa sempre dà na deleguccia dal buon Giacomini! In XX c’è na delega pe’ tutti!!
    Beh, proprio pe’ tutti no, ma pe’ tutti quelli che osannano er Padrone si!!!!

  2. Ottima iniziativa!
    Nel merito si potrà giudicare solo vedendo i progetti, ma già nel metodo si intravede un cambio di direzione giusto (a mio avviso) e incoraggiante per il futuro. Dare la possibilità ai cittadini di conoscere, di partecipare e di esprimersi sulle modifiche all’ambiente urbano in cui vivono è un segno di civiltà e di maturità sociale. L’attuale prassi invece vede il cittadino subire e/o nel migliore dei casi contrastare ( grazie a Comitati e Associazioni), le scelte calate dall’alto, spesso dissennate, onerose e poco utili (o meglio, utili a pochi…).

    Spero che la piazza venga riqualificata presto e spero che i lavori siano a carico nostro, dei contribuenti. Mi piace l’idea di pagare le tasse per rendere più vivibile il posto dove abito; mi piace meno pagarle per opere inutili e per i privilegi dei politicanti.
    Mi auguro che non ci sia di mezzo il temuto project financing, che in Italia – ahimé -significa svendita di beni collettivi e colate di cemento.

  3. Tutto ciò mi fa ridere….anzi paura….L’Hotel Fleming aveva messo l’occhio su quel mercato per farci il parcheggio per i suoi pulman, ora mi si invita (l’invito mi è arrivato nella cassetta delle lettere) a partecipare “all’Hotel Fleming” alla discussione per la riqualificazione dell’area”……

    Mi gioco le pa…ll.. che non faranno mai un parco…..al Fleming non ci possono essere parchi, al massimo ci metteranno un’altra banca…. e scusatemi, ma ultimamente la Coldiretti sta organizzando il suo mercato li una volta al mese e tutte le volte vedo tanta gente, ma ci sono solo 6-7 stand…….

    Dare la possibilità a Coldiretti di mettercene uno fisso??? Visto che i prodotti che si comprano in quel mercato sono gli stessi del supermercato…..

  4. vedo finalmente possibile la realizzazione della mia proposta!
    antefatti: proprio per favorire la circolazione dei pullman dell’hotel fleming, tempo fa (10 ANNI CIRCA) sono state fatte diventare senso unico via città della pieve e via città di castello causando il caos TOTALE su via flaminia vecchia e di riflesso in tutto il fleming.
    proposta: perchè non far diventare senso unico il tratto di via flaminia vecchia che scende da via nitti a via bevagna così da creare un mini circuito “fluidificante”?
    risposta: non è possibile per via degli autobus di linea che nella curva tra via bevagna e piazza monteleone da spoleto si incastrerebbero per via dei parcheggi selvaggi dei residenti. (un conto sono i pullman privati..altra faccenda è ostacolare un servizio pubblco)
    ORA CHE SI RIDISEGNA LA PIAZZA SI POTREBBE DARE UN’ALLARGATINA ALLA CURVA E SBLOCCARE FINALMENTE L’INTERO QUARTIERE, NO?

  5. cara cecilia, molto più semplicemente, si potrebbe impedire il parcheggio selvaggio e in doppia fila su via flaminia vecchia. In più si dovrebbe obbligare l’istituto gesumaria ad aprire i suoi cancelli e i suoi ampi spazi interni, per far parcheggiare quei suv giganteschi (si sa, a scuola i bimbi si portano col suv, se no vanno in depressione..) che bloccano la circolazione, nonché i marciapiedi, proprio nelle ore più di punta. Poi ancora si potrebbe impedire ai vari furgoni dei bancarellari di sostare da mattina a sera in mezzo agli incroci e/o sulle strisce pedonali… a cominciare da quello all’incrocio con via nitti.
    Sono tutte operazioni a costo zero. Anzi, una bella vagonata di multe aiuterebbe le casse comunali.
    saluti

  6. Caro Prof. Paolo,
    il problema del Gesù e Maria è irrisolvibile! Abito in Via Bevagna 3, proprio davanti ai Suv parcheggiati in 3-4 fila……. Non so se ha notato che i vigili urbani passano in quel tratto di Via Flaminia Vecchia alle 11:00 del mattino e alle 15:00 di pomeriggio….Ci chiediamo come mai????? Ma forse ci sara’ la scuola di mezzo???Forse la scuola si è messa d’accordo con i vigili urbani?????

    MI SEMBRA PALESE……..

    e caro Prof. Paolo,
    il problema della curva su via Bevagna/Piazza Monteleone, dove giornalmente si incastrano gli AUTOBUS PRIVATI dell’Hotel Fleming è un problema GRAVISSIMO….1- perchè la polizia/vigili urbani passano di li in continuazione e tutti i giorni ci sono macchine parcheggiate davanti Fiocchetti ( poi mi devo chiedere come ha fatto Fiocchetti a prendersi un pezzo di marciapiede????) e nessuno dice nulla…
    2- perchè un autobus non può passare tranquillamente in quella curva (ha spazi ristretti anche senza macchine)
    3- perchè SONO AUTOBUS PRIVATI dell’Hotel Fleming

    Un’altro problema sono gli Autobus del Gesù e Maria….Incredibile vederli parcheggiati in mezzo a Via Flaminia Vecchia (con un traffico incredibile) come se non ci fosse nessuno in attesa della FLOTTA di bambini che tra l’altro rischiano la vita perchè per entrare devi stare in mezzo alla strada…..

    Il giorno che vedrò i vigili urbani alle 8:30 del Mattino davanti al Gesù e Maria a fare multe alle mamme che si fermano in mezzo alla strada, quel giorno nevicherà in Cambodia!!!!!!

  7. Avete ragione in pieno, ma posso confermare che il GesùMaria apre regolarmente il cancello di Corso Francia e lascia a disposizione delle vetture NORMALI (ai suv è vietato entrare) un lungo viale ed un ampio parcheggio ricavato dimezzando il campo da calcio. Purtroppo c’è chi del suv non riesce proprio a fare a meno, d’altra parte se l’è comprato apposta per buttarlo malamente là su quel marciapiede, con quella finta non curanza tipica “de noantri di ROMA NORD”.. e magari il patto con i vigili l’ha fatto lui…

    In municipio mi è stato detto che il loro piano per risolvere il problema di via Flaminia Vecchia è proprio quello di intensificare il controllo dei vigili per eliminare tutto ciò che intralcia ..macchine sui marciapiedi o in seconda fila..suv…bancarelle…resta il fatto però che il tratto da via nitti a via bevagna è un nodo strozzato dal momento che chi deve attraversare il quartiere, per esempio per portare un figlio alla F Aporti da via valdagno o via tangorra, si arena là, chi viene dalla flaminia nuova e fa tor di quinto si arena là, chi abita in via flaminia vecchia e deve raggiungere corso francia si arena là ..tutti senza avere alternative.
    Mi sembra così assurdo che ci siano professionisti specializzati nel pianificare i sensi di marcia e noi al fleming da 10anni ci mettiamo venti minuti per fare 500 metri. Vorrei raccogliere firme per sollecitare il Municipio a risolvere in qualsiasi modo il problema, spero siate dalla mia.

  8. Un modo ci poteva essere, ma ormai non è più applicabile…

    Non so se avete notato, ma Via Flaminia Vecchia aveva lo spazio per avere 2 corsie di marcia in un senso e 2 nell’altro( che poi a Roma sarebbero diventate due corsie per parcheggiare e due corsie per muoversi in macchina), ma DIVERSI anni fa il Municipio s’è venduto metà strada ai privati e quindi risalendo su via flaminia vecchia tutta la parte a destra sono tutti parcheggi privati ( DEI NEGOZI, veri padroni del quartiere).

    Comunque un modo per risolvere il problema c’è: LA PRESENZA DEI VIGILI URBANI DALLE 8:00 alle 9:30 e da 12:30 alle 14:00 su VIA FLAMINIA VECCHIA.

  9. . . . il tutto condito da buona educazione e rispetto per chi è costretto a muoversi su una sedia a rotelle!!
    Davanti alla F. Aporti e alla Nitti la sostanza non cambia, due passi a piedi per accompagnare i nostri figli non farebbero male a nessuno.
    Per Piazza Monte Leone da Spoleto, credo di essere uno dei pochi abitanti della zona che ricorda di aver giocato in un bel giardino con aiuole, panchine in legno … solo questa è la destinazione logica di questa area ormai ultima per tale scopo disponiobile nel quartiere. Il mercato trasferito di Viale Parioli dovrebbe insegnarci qualcosa !!!

  10. Riprendo l’ultimo messaggio, chiedendo notizie sull’andamento della riunione, sui progetti presentati e sulle decisioni in merito. Come mai nessuno ci informa sulle decisioni prese?
    Stamattina stavano potando gli alberi e il mercato era chiuso. Un silenzio irreale si propagava nell’aria….sembrava di essere tornati agli anni 80 quando il fleming era considerata ancora una zona tranquilla dove vivere.
    Sono a favore del progetto giardino.
    L’hotel Fleming si deve organizzare un parcheggio pullman fuori dall’area residenziale e prevedere un servizio di navetta per i turisti come in molte città italiane e non.
    Qualcuno può informarci sullo stato dell’iter progettuale?

  11. E’ arrivata la lettera…..ce l’ho a casa e la posterò per intero tra due ore……

    Sapete che hanno fatto? Hanno rifatto l’asfalto del vecchio mercato……ecco che hanno fatto….noi chiedevamo un parco capirai

  12. A proposito del Gesù Maria: un mesetto fa PER DUE MATTINE (e dico due!!), intorno alle 8,00, si è visto uno spiegamento di forze dei Vigili Urbani che neanche nelle giornate di derby! Ma io, con italico cinismo, già sapervo come sarebbe andata: e cioè, dopo queste due giornate in cui la nostra municipale ha fatto il muso duro, naturalmente, non si è più visto nessuno, neanche l’ombra di un vigile. Ora io mi dico, ma non sarebbe meglio un’azione meno “forte” ma più continuativa? A che serve, e a chi si deve dimostrare che i vigili fanno sul serio, quando tutti sanno che poi le cose tornano immediatamente come prima, e cioè macchine e Suv in doppia fila che congestionano una strada che è già un delirio di suo?

  13. Pietro, mi scusi, ma la lettera di Imago che c’entra… ?
    La riqualificazione della Piazza è stata votata dal Consiglio.
    Io ho partecipato alla conclusione di quella riunione che Lei riferisce, seppur non invitato. In quell’occasione si è parlato di progetti importanti, ma che sono relativi al lungo termine, al futuro.
    Ottime idee di cui ringraziare con sincero calore gli organizzatori, ma ovviamente non appartengono all’attuale indirizzo politico. O per lo meno non sono giunte ufficialmente a noi.
    L’asfalto nuovo chi lo vuole ? Beh è un mercato municipale e noi dobbiamo comunque garantire la circolazione dei pedoni, sia di chi vende, che di chi compra.
    La potatura, necessaria, è stata realizzata in linea con la direttiva di una risoluzione del Cons. Antonini e serviva a garantire allo stesso modo la circolazione di chi passava nel mercato e ai suoi margini. E’ stata realizzata contemporaneamente ai lavori di riqualificazione per consentire il minor danno al commercio e ai residenti.
    Lucia, io benedico l’intervento del Comandante Bracci davanti al Gesù e Maria, peraltro da me richiesto per anni sul territorio, ma osservo anche che non è possibile destinare con continuità del personale del XX Gruppo ad una sola via.
    Sugli orari, oggi, a fronte dell’esperienza acquisita in questi anni di politica, Le dico che mi rendo conto che non è possibile pretendere un intervento massiccio in certi orari. Ad esempio dalle 9.00 alle 10.30 osserverà che vi sono molti fornitori che si fermano davanti ai negozi.
    Ebbene che alternativa possiamo dare a queste persone che stanno lavorando?
    Nuovi parcheggi? Ma, quando si parla del progetto PUP a Piazza Monteleone, ci accorgiamo che sarebbe una iattura che infatti è osteggiata da molti residenti.
    I SUV in doppia fila?
    Con l’assessore Erbaggi si è deciso di alzare i bordi dei marciapiedi per impedire il parcheggio selvaggio su VFV, ma molti hanno comprato SUV ancora più grossi e ci salgono ugualmente. Sottolineo inoltre che questo comportamento vanifica parzialmente anche l’operazione che ha realizzato gli scivoli per i disabili su tutti i marciapiede della zona, rendendo il passaggio sui marciapiedi davvero complesso per tutti coloro che hanno una “mobilità limitata”.
    Cecilia, lo scontro sul senso unico di Via Valdagno ha comunque portato un risultato.
    L’agenzia per la Mobilità sta studiando un piano generale per l’intera zona e che permetterà di rivedere, in accordo col delegato del Municipio, Scipione, e con noi tutti la mobilità di tutta l’area.
    Però non è vero che il Gesù e Maria consente il passaggio delle macchine da un’uscita all’altra, perchè tale scelta, se realizzata, davvero consentirebbe un passo avanti per la mobilità di tutta la zona. Però nessuno ha mai voluto esercitare le pressioni adeguate per raggiungere questo risultato.
    Una ragione ci sarà…
    G.Mori
    Cons. Municipio Roma XX (PDL)

  14. Un suggerimento per contrastare chi parcheggia sui marciapiedi che siano SUV o no. Si chiamano dissuasori di sosta. Sono delle U rovesciate che inserite nel marciapiede sul lato vicino alla carreggiata stradale impediscono di fatto la sosta sul marciapiede. Ne hanno installati poco tempo fa a Via Bodio e da allora le condizioni del traffico sono notevolmente migliorate. L’unica controindicazione è la pericolosità per i conducenti di motorini che in caso d perdita di equilibrio impatterebbero con un ostacolo pericoloso.

  15. Cons. Mori,
    mi sono chiesto dopo un mese cosa avessero deciso durante la riunione fatta all’Hotel Fleming e nessuno mi dava risposta. La scorsa settimana ho trovato la seconda lettera della IMAGO XX nella buca delle lettere a proposito di Piazza Monteleone di Spoleto e mi sono deciso a postarla visto che anche altre persone, come me, sono interessate al futuro della piazza. (ecco cosa c’entra la lettera)

    “In quell’occasione si è parlato di progetti importanti, ma che sono relativi al lungo termine, al futuro” – Futuro????? ma come futuro???? La piazza è un CASINO ORA!!!!!

    Mi chiedo e le chiedo Sig. Mori,
    avremo mai un parco giochi per bambini a Coliina Fleming? Il Municipio XX c’ha mai pensato?

    Indubbiamente la potatura degli alberi è importante come il rifacimento dell’asfalto, ma questi sono lavori di normale amministrazione CHE DOVREBBERO ESSERE FATTI REGOLARMENTE!

    Io personalmente avrei preferito che questi lavori non venissero fatti e pensavo, DA INGENUO QUALE SONO, che magari quei progetti di RIQUALIFICAZIONE DELLA PIAZZA (Mercato al coperto o Parco Giochi) prendessero piede nell’immediato.

    P.S.: a proposito del Gesù e Maria: “esercitare pressioni” e chi lo dovrebbe fare? Io o lei? Ci spieghi

  16. Pietro, non era una critica, ma avevo osservato il suo collegamento tra riunione e lavori, come se fosse tenuto in piedi da un nesso condizionale.
    Il progetto di Imago è interessante, però la situazione è la seguente:
    La Società Co.Park ha una convenzione col Comune di Roma per una realizzazione di P.U.P. per più di 150 posti auto su quella piazza, con percentuale di box auto pertinenziali al 30 %.
    Qulla convenzione, firmata dalle precedenti amministrazioni, comporta un diritto per la società che può essere eliminato soltanto con la ricollocazione del pup stesso. che dovrà essere comunque preventiva ad ogni altra scelta economico-politica sulla piazza, a meno che non si voglia immediatamente dare la possibilità a quell’organismo di farci subito causa per milioni di euro.
    Equazione politica facile: Rutelli firma i contratti con le aziende (…) e Alemanno paga i danni per aver risolto il problema e violato il contratto.
    Mi ricorda l’equazione sull’area verde di Via Città di Castello. La sinistra firma la compensazione urbanistica con un costruttore romano(…) e poi noi dovremmo trovare immediatamente la soluzione che accontenti tutti.
    Inoltre c’è il problema degli operatori del Mercato di Piazza Monteleone.
    Prima di immaginare un investimento concreto sulla piazza dovremmo ricollocare anche i loro posteggi. Potrebbe essere pensabile trasferirli su Piazza Diodati, ma serve un’operazione complessiva, peraltro già prevista, che preveda la riqualificazione completa di tutto quest’ultimo mercato.
    Anche qui serve tempo.
    Ecco perchè parlavo di lungo termine.

    Le pressioni sulla vicenda Gesù e Maria.
    Io ho cercato di farle. Ma non basta a quanto pare, dal momento che sembra che numerosi altri consiglieri abbiano chiesto il contrario di ciò che io ho auspicato, vale a dire maggiore e più continuo controllo sull’ingresso nord della scuola alle ore di entrata e uscita. (pure la scuola Nitti mi parrebbe degna di attenzione analoga).
    Il Comandante Bracci mi pare una persona seria che ha molta attenzione al rispetto del “principio di legalità” e mi sembra che qualcosa si sia mosso recentemente, ma non basta.
    Tutto si ferma di fronte allo spessore etico di coloro che dovrebbero dare gli indirizzi politici, normativi e organizzativi.
    Non è solo un problema di mobilità, anche di sicurezza. Io ho dimostrato in questi anni che la “sosta selvaggia” nei due incroci a rischio del Fleming (Nitti-VFV e Roccoporena-Loria-VFV) può produrre incidenti e pericolo grave per chi cammina e circola.
    Non mi pare che il mio messaggio sia in contrasto con i valori di Gesù e di Maria, ma tant’è ….

    G.Mori
    Cons. Municipio Roma XX (PDL)

  17. Cons. Mori lei dice “osservo anche che non è possibile destinare con continuità del personale del XX Gruppo ad una sola via”. Bene, benissimo, e che mi dice del caos di Via Riano? Oramai in questa strada stazionano praticamente tutti i vigili che potrebbero invece essere impegnati in bel altro modo! Chi ha immaginato e voluto il doppio senso su quella strada, sapendo che sarebbe ben presto scoppiato il caos? Trony altrimenti non avrebbe aperto? Come si dice, ciccia!! E secondo lei non è una emergenza il traffico che si forma la mattina su Via Flaminia, guarda caso fino all’altezza proprio del Gesù Maria, per poi defluire serenamente, superata la scuola, fino al semaforo di Corso Francia. E perchè, se c’è tutta questa penuria di vigili, sempre al suddetto semaforo ne vengono impiegati due, visto che stanno lì praticamente a fare salotto e a chiacchierare amabilmente, e non se ne manda uno su per via Flaminia a controllare l”entrata delle scuole? Domande senza risposta, o meglio, misteri dell’Amministrazione!!!!

  18. Cons. Mori,

    immagino che nella convenzione con la Società Co.Park ci siano anche segnati i tempi per la realizzazione di quei lavori e il decadimento del diritto in caso di lavori non iniziati o lasciati a metà…….

    e comunque allora che si costringa la Società Co.Park ad attuare i progetti per i quali a firmato. MA LI DEVE FARE IMMEDIATAMENTE!!!!

    NON MI PARLI DI RICOLLOCAMENTO per i banchi…perchè vedo banchi ovunque ormai…ce n’è uno anche davanti al Gesù e Maria che tranquillamente arriva con il suo camion la mattina e si parcheggia (dove tra l’altro è sosta vietata) creando problemi alle macchine e agli autobus perchè proprio in quel punto Via Flaminia Vecchia diventa più stretta. Tra l’altro accanto c’è il FIORARIO MOBILE, quello che quando esco di casa per prendere la macchina mi ha riempito la macchina con i suoi vasi e devo aspettare mezz’ora prima che lui mi faccia uscire dal parcheggio.
    Posso continuare andando a citarne alcuni su Via Flaminia Vecchia, ma ce ne sono dappertutto…..
    Qui poi mi chiedo come mai la Polizia Municipale non gli dice nulla?????

    Infine il Gesù e Maria,
    ma per caso i figli dei consiglieri vanno al Gesù e Maria?????

    La soluzione c’è: un gabbiotto della polizia all’incrocio tra Via Bevagna e Via Flaminia Vecchia…i

    l’altra soluzione è che il Gesù e Maria apre i cancelli e così le macchine entrano da Corso Francia e escono da Via Flaminia Vecchia…..

  19. Perchè non adottare la stessa soluzione di Piazza del Golf a Vigna Clara ???
    Parcheggio, un minimo di spazzio di giochi per i bambini del quartiere e un poco di verde . . . non mi sembra così difficile!
    Il mercato ?
    Si potrebbe ipotizzare uno spazio attrezzato in fondo a Via Roccaporena prolungando la strada stessa fino a Viale Tor di Quinto creando uno sfogo per il traffico della zona.

  20. Perchè non adottare la stessa soluzione ?!?! perchè sarebbe una follia caro Fabio56.
    Per fare quel parcheggio, te lo dice uno che ci abita sopra, ci hanno messo quasi tre anni facendo impazzire la circolazione e i residenti. Te la immagini la piazza più importante del Fleming bloccata per 3 anni ?

  21. Mi sembre che la piazza sia bloccata lo stesso . . . magari sarebbe opportuno fare tesoro dell’esperienza maturata in quella occasione ed evitare tempi così lunghi!
    Che ne pensa il CONSIGLIERE MORI dell’idea di prolungare Via Roccaporena fino al Viale di Tor di Quinto (cosa che tra l’altro era stata già prevista negli anni ’70) ??

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome