Home ATTUALITÀ Cassia – Rischiosa la rotatoria della Fondo Valle su via di Grottarossa

Cassia – Rischiosa la rotatoria della Fondo Valle su via di Grottarossa

Cristiana B., tramite le pagine di VignaClaraBlog.it, vuole portare all’attenzione del XX Municipio una situazione di potenziale pericolo ancora rimediabile. Così ci scrive: “Desidero segnalare il gravissimo pericolo costituito dalla rotatoria in costruzione che collegherà la strada di Fondo Valle a via di Grottarossa: infatti, le vetture provenienti dalla Flaminia quando arrivano all’uscita della rotatoria in direzione della Cassia sono costrette ad evitare con difficoltà di entrare nella carreggiata opposta.”

“Cosa accadrà – chiede Cristiana – quando di notte arriveranno a velocità sostenuta i ragazzi delle discoteche poco distanti? Occorre aspettare l’ennesimo incidente mortale per eliminare quest’assurdità o si può correre ai ripari adesso, prima che vengano completati i lavori?”

Visita la nostra pagina di Facebook

23 COMMENTI

  1. Dal primo giorno che hanno “attivato” la percorrenza sulla rotatoria ho subito pensato che fosse PERICOLOSISSIMA.. anche per le persone che da Grottarossa vanno verso Via della crescenza.. infatti.. sulla discesa che precede la rotatoria questa risulta essere INVISIBILE.. io me ne sono accorta solo perchè a terra c’erano ancora le strisce gialle e ho capitoc che c’era qualche cambiamento! Putroppo la piccola centrale elettrica che la precede rende INVISIBILE tale rotatoria e per chi non frequenta la strada tutti i giorni potrebbe essere davvero un problema quando verrà aperto il collegamento con Largo Sperlonga!! Ma l’ingegnere che l’ha progetttata è lo stesso che ha progettato il ponte che collega via due ponti con via della crescenza ??????? Ma una cosa fatta bene non si poteva fare??????… creare una rotatoria alla fine di una curva (per chi viene da Due ponti) e alla fine di una diesca (per chi viene da grottarossa) è PERICOLOSA anche per me che non ho mai studiato ingegnieria!!

  2. Io abito in zona e, sinceramente, tutta questa pericolosità non la vedo proprio… Se oggi la rotatoria non si nota subito, è dovuto al fatto che ci stanno ancora lavorando e la segnaletica permanente non è ancora posizionata.
    Secondo me la rotatoria è stata creata in modo che si sia costretti a ridurre la velocità,dato che questa non deve superare i 30 km/orari ; in più, essendo in prossimità di un’uscita di una strada privata dell’Asisium doveva considerare la messa in sicurezza di tale sbocco sulla strada..
    Se poi chi guida pensa a fare altro,ad esempio stà al telefono, può capitare di imboccare la corsia sbagliata, ma questo può accadere in tutti gli incroci…
    P.s. : i ragazzi delle discoteche andassero piano e vivranno a lungo….

  3. Basta andare piano, l’ho percorsa diverse volte e non mi è sembrata pericolosa se si rallenta l’andatura, anzi andando piano si evita anche di falciare chi cammina o attraversa la strada in prossimità del parco

  4. Percorro normalmente via di Grottarossa e devo dire che la rotatoria non è assolutamente pericolosa, anzi sono più pericolosi e discesoni e vedremo quando apriranno la strada del fondovalle. Monza è alle porte per gli idioti che bevono, si drogano e parlano al telefono.

  5. Considerati i vincoli esistenti, che hanno impedito di realizzarla “centrandola” su Via di Grottarossa, la rotatoria è quanto di meglo si potesse fare. Viceversa, la vera situazione di pericolo è rappresentata dalla mancanza della rotatoria a Via Due Ponti/Via della Crescenza/Via Oriolo Romano; si hanno notizie se e quando sarà realizzata?

  6. le rotatorie rallentano il traffico, questo è vero e molte persone non le amano. Sono comunque preferibili agli impianti semaforici e ai semplici incroci o innesti a T. Viva le rotatorie!

  7. condivido assolutamente il parere di SoleLuna e Cristiana B. sono stata da poco in corsica e li’ le rotatorie alle volte hanno l’unico scopo di rallentare l’andatura. ma sono studiate meglio. io capisco che sia necessario andare molto piano perche’ si e’ in prossimita’ dell’ingresso al parco ma qui ti obbligano a una vera e propria gincana (che spero in un futuro prossimo sia BEN SEGANALATA) che in moto non e’ affatto divertente. e lo sara’ ancora di piu’ con la pioggia e l’asfalto bagnato. ma si sa.. basta vedere come (e con quali obbiettivi) studiano gli studenti di ingegneria per capire cosa diventeranno :((

  8. Condividendo il post di Raimondo, torno di nuovo sull’argomento, riportando una cosa accaduta proprio questa mattina : stavo andando a piedi al mercato settimanale,camminando dalla parte della centrale elettrica, ed avevo davanti a me due signore di mezz’età : quando sono arrivate all’altezza della rotatoria, hanno iniziato a disquisire, dicendo le stesse cose dei primi due post (forse erano proprio le signore suddette…scherzo…); si lamentavano anche del fatto che nel momento in cui avrebbero aperto la fondovalle, sarebbe stato un grosso problema per i pedoni,ecc.
    Non conoscendole non sono intervenuto nel discorso, ma la cosa mi ha fatto pensare alla MALEDUCAZIONE STRADALE DEI PEDONI, e mi ci metto naturalmente anch’io in mezzo a loro. Dico questo perchè i pedoni che devono raggiungere il mercato del mercoledì,non devono camminare sul lato della centrale elettrica, dove non esiste un marciapiede, così da non attraversare poi la strada di fondovalle, ma devono camminare sul marciapiede adiacente al parco per poi attraversare la strada sulle striscie pedonali all’altezza dell’entrata del mercato.
    Chiudo con una battuta : fino ad oggi sapevo che in Italia c’erano 60 milioni di commisari tecnici della nazionale di calcio, tra ieri ed oggi ho scoperto che ci sono altrettanti architetti ed ingegneri !! Facciamo fare ad ognuno il proprio mestiere, e cerchiamo di essere rispettosi gli uno verso gli altri.

  9. Forse non mi sono spiegata bene perché io sono favorevolissima alla rotatoria che trovo un sistema civile per evitare incroci, semafori ed eccessi di velocità. Ma, visto che la rotatoria è stata aggiunta successivamente al progetto iniziale (per una richiesta specifica che condivido) e visto che non poteva essere centrata a causa dei vincoli esistenti, ritengo assolutamente necessario evitare il rischio (causato dall’attuale conformazione della sponda destra) per chi viene da via della Crescenza di immettersi nella corsia opposta. Tale rischio non dipende solo dalla velocità, in quanto lo corre anche chi viaggia ad una velocità assolutamente entro il limite. Comunque ricordo a tutti che i ragazzi delle discoteche non solo potrebbero essere i nostri figli, fratelli, amici, ma soprattutto potrebbero essere i conducenti della vettura che ci viene addosso sbagliando carreggiata!!!

  10. Mi sembra che si stia disquisendo di “lana caprina..” .
    Lei dice che è favorevole, ci sono dei vincoli di costruzione, ma lo ritiene rischioso… Il codice della strada e le scuole guida insegnano che quando si arriva all’imbocco di una rotatoria bisogna mantenere SEMPRE LA DESTRA e non superare i 30 km/h (quindi quasi a passo d’uomo). O si viene dalla Cassia o da via della Crescenza bisogna percorrerla sempre a destra,come tutte le rotatorie d’Italia…
    Tutti possono sbagliare carreggiata, lo fanno anche sulle autostrade con tanto di segnali di divieto, ma se uno non si rende conto di andare contromano, è meglio vada in giro con i mezzi pubblici.

  11. Non capisco perchè lei, signor Desiati, debba essere così sarcastico nei riguardi di chi esprime un parere diverso dal suo. Con la solita storia che in Italia tutti sono allenatori della nazionale lei vuole zittire chiunque osi dire la sua sulla rotatoria chiedendo rispetto verso chi l’ha progettata. E un po’ di rispetto per chi trova difficoltà ad usarla ? Quello no, perchè è uno dei 60 milioni di allenatori ! Per favore, faccia parlare anche gli altri e consideri che il fato è sempre in agguato, anche di dei più provetti guidatori che potrebbero imboccare contro mano quella strada senza volerlo, solo magari perchè poco visibile.

  12. @ Clara : io posso permettermi di fare una battuta sarcastica perchè è veniale, ma non mi permetto di criticare qualcosa a prescindere, non mi permetto di criticare una progettazione e realizzazzione di un’opera senza conoscere le motivazioni che hanno portato a quel posizionamento.
    In più io non zittisco nessuno, questo blog dà appunto la possibilità di confrontarsi, sempre che se ne abbia le capacità e nel pieno rispetto reciproco. Mi sembra che nei post precedenti altri hanno avuto da ridire sulla preparazione professionale di chi realizza queste opere, non io.
    Se fosse così pericolosa e si trovi difficoltà a percorrerla, mi chiedo come mai finora non è accaduto nulla???
    BASTA CONOSCERE E RISPETTARE IL CODICE DELLA STRADA….

  13. Troppo semplicistica questa ultima affermazione, se così fosse non dovrebbe mai accadere un incidente stradale e invece ogni giorno c’e’ chi muore sulla strada anche conoscendo a memoria il codice della strada!

  14. Ma è così difficile rispettare le regole di una vita civile?? o non si ha tempo per farlo?? Vabbè che la moda di quest’estate (a proposito, dov’è??), è quella di protestare su tutto e con tutti, ma se ognuno di noi tornasse al suo ruolo e cercasse di vivere questo momento di crisi generale con maggior senso di responsabilità personale, sarebbe un bene per tutti.
    Si stà facendo di una rotatoria una questione di vita o di morte, si paventano rischi mortali per i nostri figli che vanno in discoteca, ecc. , ma se così fosse allora dovremmo togliere ad esempio tutti i muri o gli alberi dove purtroppo molti di loro sono andati a morire. Cerchiamo piuttosto di far capire loro il il valore della vita, ma anche per questo non abbiamo tempo.. la colpa è sempre di qualcun’altro.

  15. Condivido pienamente le preoccupazioni di Cristiana B. sulla rotatoria all’incrocio tra via di Grottarossa e la nuova Via di Fondovalle. A mio avviso la rotatoria è pericolosa perché restringe eccessivamente ed improvvisamente la carreggiata (forse basterebbe ridurre l’aiuola centrale) e soprattutto all’uscita verso la Cassia è fatta in maniera tale da indurre per un eccesso di curvatura chi proviene da via della Crescenza ad immettersi sull’altra corsia, anche se rispetta il codice della strada. Vorrei pregare inoltre il signor Michele Desiati di smetterla di fare il grillo parlante: sembra che solo lui conosca le regole e le problematiche della costruzione delle rotatorie: o è un esperto e allora sia più dettagliato e ci illumini o è un semplice utente come noi e allora accetti anche i nostri pareri. Perché altrimenti sembra o il progettista o il costruttore della rotatoria che difende tanto strenuamente.

  16. Vedo che non ci si riesce a confrontare se non dando appellativi agli altri… io dico ciò che penso e non zittisco nessuno, mentre loro si affrettano a farlo ripetutamente. Questo fà capire che non si può parlare con civiltà e rispetto.
    Io non devo difendere nessuno, ognuno può dire ciò che pensa, e come lo faccio io lo facciano pure gli altri,senza problemi e senza offendere, e dato che io non l’ho fatto , la preghiera la rimando al mittente. Potrei dare appellattivi come è stato fatto per me, ma essendo una persona educata, mi proibisco di farlo.

  17. @Michele: Su quella rotatoria non ci sono ancora stati incidenti perchè ancora non è stata aperta la strada di fondo valle.. quindi chi percorre Grottarossa al momento deve solo rallentare e fare la rotatoria il più piano possibile. Con l’apertura della strada e con la fila di macchine alla riapertura delle scuole provenienti sopratutto da Tomba di Nerone vs Grottarossa per andare al raccordo vedrà che casino si verrà a creare e quante mattina Grottarossa verrà paralizzata anche solo per uno stupido tamponamento (E’ ovvio che le macchine provenienti dalla via di Fondo Valle dovranno dare la precedenza alle macchine che perocorrono grattoraossa con file lunghe ed interminabili ed il furbo di turno che prova a mettersi in mezzo ci sta sempre). E’ semplice dire ” Basta essere più civili e rispettare le regole”; putroppo però non sempre è così.. altrimenti tutti i morti sulle strade causati da manovre azzardate non ci sarebbero!

    Io continuo a dire che quella rotatoria peggiorerà solamente il traffico su via di grottarossa e sopratutto che è pericolsa visto che è stata creata in prossimità di una curva.

  18. Mi complimento per la risposta del signor Michele e per la sua educazione, soprattutto perché non è civile solo a parole, ma anche nei comportamenti, tuttavia il pericolo della rotatoria purtroppo rimane.

  19. @ Sole : per quello che dici, tu non sei d’accordo su tutto il progetto della fondovalle che da 20 anni andava avanti, ora che finalmente sono riusciti a farlo, non và bene… allora perchè hanno lottato per averla?? Il casino a Grottarossa, io che ci vivo, lo vedo tutte le mattine, i tamponamenti accadono sempre e , come su tutte le strade, potrà accadere anche lì, è naturale . Pensi che un incrocio a vista o un semaforo vada meglio?? Io penso di no, le rotatorie servono appunto a non creare intasamenti di traffico, poi che ci siano i furbi(e qui sono molti,o pensano di esserlo) anche questo purtroppo è fisiologico. Tutto il resto è pura accademia fino a quando la strada non sarà aperta e si vedrà se funzionerà o meno, e in tal caso, chi ne ha la responsabilità dovrà intervenire.

  20. Un po’ di informazioni documentali sulle rotatorie è reperibile qui http://www.lags.corep.it/documentazione.html . Nella Parte I sono interessanti, nonché curiose, le foto del primo 900 a pag. 12 e gli accenni storici. A pag. 15 sono riportate le statistiche sulla pericolosità delle varie tipologie di componenti stradali, misurate in morti, feriti e costi sociali annessi. In ogni caso penso che sia ragionevole aspettare che i lavori siano completati e la strada sia aperta al traffico prima di dare giudizi basati, forse, su percezioni più o meno personali.

  21. E chi ha mai detto che non sono d’accordo con la strada di fondo valle?? Non sai i problemi che risolve a me!!

    Dico solo che è normale che il traffico su Via di Grottarossa sopratutto in uscita verso il raccordo aumenterà; tutto si potrebbe risolvere se aprissero per esempio l’entrata/uscito dal S.Andrea!! Chi viene dalla Cassia o Tomba di Nerone avrebbe TRE ALTERNATIVE

    1. Fare la via cassia
    2. Fare la strada di Fondo Valle e prendere il raccordo dalla Cassia
    3. Fare la normalissima Via della Crescenza e prendere il raccordo all’ospedale

    Lasciando come unica alternativa la cassia è normale che tutti passeranno per Grottarossa e per chi come me ci abita e la mattina va a prendere FINALMENTE il raccordo sulla Cassia in pieno inverno anzichè impiegarci 20 MINUTI ce ne impiegherà 40!!

    P.S = Sincermanete di tamponamenti su via Grottarossa quest’inverno non ne ho visto neanche uno. A parte l’incidente del bus 😀

  22. Non mi permetto affatto di sostenere che la rotatoria sia stata progettata male! Ci mancherebbe, perché so benissimo quanti step avrà dovuto superare il progetto prima di essere approvato. Il problema è che la serie di vincoli imposti dal cancello del Parco Papacci, dalla centrale elettrica, dal cancello della scuola privata (e probabilmente anche da altri fattori che non conosco) hanno imposto una certa conformazione alla rotatoria che purtroppo crea un problema già adesso che ancora non è aperta la strada di fondo valle. Ho fatto un piccolo esperimento personale che vi consiglio di ripetere. Mi sono messa sul marciapiede limitrofo al parco osservando le vetture provenienti da via della Crescenza in direzione della Cassia: tali vetture DOPO aver superato i triangoli spartitraffico (andando ai 30km orari consentiti) finendo la curva della rotatoria per riimmettersi sulla strada per un istante sono costrette ad occupare l’altra carreggiata. Da quello che ho visto mi è sembrato di capire che questo dipenda soprattutto da due fattori: il primo che l’uscita della rotatoria è stata ritardata per evitare che fosse proprio davanti al cancello del parco Papacci; il secondo che il perimetro della centrale elettrica ha impedito di allargare la strada per evitare questo problema. Adesso spero di essere stata sufficientemente chiara, perché mi auguro che venga trovata una soluzione non da architetti e ingegneri che hanno fatto il loro lavoro nella maniera migliore possibile vista la situazione, ma dalle istituzioni che devono trovare il modo di evitare questo pericolo, magari espropriando una fetta di terreno alla centrale elettrica oppure in qualche altro modo che i tecnici potranno suggerire. Grazie a tutti per la pazienza e fatemi sapere comunque la vostra opinione, se possibile anche quella di qualche amministratore (o è chiedere troppo?)

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome