Home ARTE E CULTURA Dalla Colombia alla Cassia: il maestro dei pupazzi al Teatro Patologico

Dalla Colombia alla Cassia: il maestro dei pupazzi al Teatro Patologico

Dopo il grande successo ottenuto con le compagnie provenienti dagli Stati Uniti, dall’Australia e dalla Gran Bretagna, il Teatro Patologico di via Cassia 472 è lieto di ospitare da mercoledì 29 giugno a sabato 2 luglio (ore 21.00) e domenica 3 Luglio (ore 17.30)  In Retrospect, diretto dal maestro colombiano Federico Restrepo con la compagnia Loco7 (U.S.A./Colombia). L’evento Internazionale chiude una stagione da record, che ha visto protagonisti 44 spettacoli, alcune anteprime, ed eventi importanti.

Il Teatro Patologico ha deciso di concludere la stagione con questo meraviglioso spettacolo, che ha già affascinato il pubblico Newyorkese, e che per la prima volta verrà ospitato in Italia.

In Retrospect di LOCO7 Dance Puppet Theatre Company è uno spettacolo che parla dell’amore nelle sue differenti espressioni: tra amanti, all’interno delle famiglie, nei rituali devozionali, all’interno delle arti e nella mitologia legata a differenti culture.

Il lavoro multidisciplinare porta in scena storie ed immagini vivide attraverso l’utilizzo di grandi marionette, di maschere, di pupazzi, della danza, della parola, della musica, di video proiezioni e di un disegno luci unico nel proprio stile che danno vita ad un lavoro scenico finale che riflette la vasta gamma di sentimenti che concernono l’amore: dalla massima gioia fino al profondo dolore.

Loco 7 è una compagnia in residenza a La MaMa di New York. L’artista coreografo colombiano Federico Restrepo presenta una forma di danza molto personale ed originale, mescolando elementi di teatro, all’uso di marionette e pupazzi di diverse dimensioni, oggetti e immagini video. Il tutto viene accompagnato dalle musiche originale della compositrice Elisabeth Swadows, vincitrice di numerosi premi e co-creatrice, insieme al regista Andrei Serban, di numerose storiche produzioni del Teatro La MaMa.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome