Home AMBIENTE XX Municipio – Tolli (PD): la voragine a Labaro ignorata dalla Presidenza...

XX Municipio – Tolli (PD): la voragine a Labaro ignorata dalla Presidenza del Consiglio

Marco Tolli, consigliere PD del XX Municipio, reclama dignità ad un problema che angustia Labaro: la voragine apertasi in via Comparini oltre un anno fa ed oggi ancora tale. Chiede che se ne discuta in Consiglio e  con una nota odierna denuncia che “è dal giorno della discussione sul bilancio che giace una mozione presentata dal PD affinchè in tempi rapidi si possa giungere alla conclusione di una vicenda che da un anno caratterizza in modo negativo la vita dei cittadini di Labaro.”

“Già nel Consiglio di lunedì 17 maggio – spiega Tolli – intervenendo sull’ordine dei lavori, ho chiesto le ragioni della mancata calendarizzazione dell’argomento ricevendo forti rassicurazioni da parte del Presidente del Consiglio, Simone Ariola, che si impegnava a portare in discussione la mozione nella prossima seduta. Ciò non è avvenuto, visto che nella conferenza dei capigruppo di oggi è stato deciso di convocare il Consiglio municipale per il 23 maggio senza considerare il testo legato all’emergenza di Labaro.”

“Una semplice dimenticanza o il tentativo di sottrarre la maggioranza da un dibattito imbarazzante?” si chiede il consigliere PD ricordando che “ormai è passato più di un anno da quando il cedimento della pavimentazione stradale di Via Comparini, dovuto alla rottura di una condotta idrica, ha causato l’apertura di una voragine e portato alla luce un reticolo di gallerie sotterranee. E’ da un anno che i cittadini di Labaro subiscono l’inerzia di un Municipio che ha fatto dell’improvvisazione la sua stella polare.”

“Sono passati 5 mesi – incalza Tolli – da quando il tribunale civile ha condannato l’amministrazione e Acea ad intervenire tempestivamente e a pagare le spese legali. Cosa altro deve accadere, dopo la causa sostenuta e vinta dai cittadini, affinchè la giunta comunale e quella municipale decidano di intervenire? Per quali ragioni al Consiglio municipale è negata la è possibilità di discutere di un fatto così rilevante per il nostro territorio?”

“Il Presidente Ariola – conclude Tolli  – dia quindi delle spiegazioni, non tanto a me, ma soprattutto ai cittadini di Labaro che oramai sono stanchi di aspettare.”

Visita la nostra pagina di Facebook

18 COMMENTI

  1. Egregio cons. Tolli, il suo è un attacco indiretto al suo capogruppo che non ha rappresentato le sue istanze?
    I panni sporchi si lavano in famiglia!!!

  2. @Roberto
    forse ho un quoziente intellettivo non sufficientemente alto, ma ammetto di aver impiegato del tempo a capire il suo commento; in ogni caso, a prescindere dal merito di quanto affermato dal Cons. Tolli, la sua interpretazione mi sembra a dir poco forzata.

  3. Cons. Ariola, stia tranquillo , tanto Michele G. Come Urbano ed altri  , sono solo addetti ai lavori che per cercar di difendersi utilizzano nomi di fantasia. Se va a vedere tutti i commenti che fanno hanno informazioni che solo un addetto ai lavori puo’ avere ed intervengono sempre e solo dopo l’ intervento di un cosigliere del Pd a sua difesa… Non capendo che in questa maniera falsano la bella idea di Vignaclarablog…Ormai e’ palese a tutti !!!

  4. @ Franco:
    hai scoperto l’acqua calda caro Franco; questo e’ il bello ed il brutto del 2.0
    per esempio pure tu che scrivi questi commenti potresti essere un addetto ai lavori

    allora cerchiamo di utilizzarlo questo strumento per portare avanti discussioni, contenuti che possano essere utili agli abitanti del XX invece di passare il tempo a togliere e mettere presunte mascherine..

    e qua il punto e’ uno solo: la voragine di Labaro viene ignorata da troppo tempo

  5. Vi sono sempre due modi per eludere i problemi concreti : non rispondere o buttarla in cacciara parlando d’altro.

    La questione di fondo è che da febbraio 2010 la strada in via Comparini è bloccata al traffico. Che , come denuncia Marco Tolli, in accordo con Daniele Torquati, capogruppo del PD in Municipio “Sono passati 5 mesi da quando il tribunale civile ha condannato l’amministrazione e Acea ad intervenire tempestivamente e a pagare le spese legali.”
    E le risposte devono esseare date ai cittadini che abitano a Labaro :
    Cosa aspetta la giunta comunale e quella municipale per intervenire?
    Per quali ragioni al Consiglio municipale è negata la è possibilità di discutere di un fatto così rilevante per il nostro territorio?”

    Si deve organizzare una protesta di popolo di fronte al Municipio per avere visibilità e riosposte concrete ?

    P.S. Il mio nome e cognome corrispondono alla mia identità e non vi è nessun nome d’arte di copertura.

  6. @Franco
    come già era sufficientemente chiaro dagli altri suoi commenti, la conoscenza e la comprensione della lingua italiana non rientra tra le sue competenze: nel mio commento a questo articolo, tutto ho fatto meno che difendere Tolli (e non a caso avevo messo l’inciso “a prescindere dal merito di quanto affermato dal Cons. Tolli”): ho solo detto che ho impiegato del tempo a capire l’osservazione di Roberto (in un primo momento avevo pensato che lui intendesse che Ariola fosse il capogruppo del PD e stavo rispondendo per dire che il capogruppo PD è Torquati e che Ariola è invece il Presidente del Consiglio Municipale) e che comunque mi sembrava un’interpretazione un tantino forzata; è vero che spesso i politici quando dicono una cosa ne sottindeno un’altra (che ovviamente non esprimono esplicitamente), ma non mi sembrava che questo fosse il caso. Aggiungo inoltre che, per non cadere nei loro (dei politici) trabocchetti , in genere è meglio attenersi ad un’interpretazione letterale delle loro affermazioni, cui magari inchiodarli in seguito.

    Detto questo, desumo che lei abbia letto i miei commenti solo in fondo a due articoli di VCB; se si facesse un giro su tutto il sito, scoprirebbe che sono intevenuto spesso e volentieri sulle più disparate questioni e che la mia linea politica non è assolutamente assimilabile a quella del PD (detto chiaro e tondo, le mie simpatie politiche vanno fortemente a sinistra).
    Tra l’altro scoprirebbe anche che in un qualche commento (mi spiace ma non ricordo più sotto quale articolo, anzi colgo l’occasione di invitare la redazione ad inserire sul sito un motore di ricerca per autore dei commenti) avevo già dichiarato che Michele G. è uno pseudonimo che uso un po’ per vezzo un po’ per motivi personali e che la G è proprio l’iniziale del mio vero nome.

    Le informazioni in mio possesso sono quelle di un qualunque cittadino che crede che il primo dovere di ciascuno in una democrazia sia quello di informarsi accuratamente; pertanto se per informazioni che potrebbe avere solo un addetto ai lavori intende le cifre del bilancio del comune di roma al centro dell’altro articolo che ha tempestato con i suoi commenti, le faccio notare che i bilanci sia di enti ed istituzioni pubblici che di società private sono per legge pubblici e che in ogni caso erano state pubblicate su questo sito in coda all’articolo sul comunicato del Consigliere Torquati; se invece sono altre la prego di indicarle esplicitamente anziché muovere fumose ed assolutamente arbitrarie accuse.

    Vista la sua strenua difesa degli esponenti PDL, ci sarebbe piuttosto da chiederle perché lei, anziché fare fantasiose ipotesi sulle identità altrui, non rivela la sua, ma dubito che la cosa interesserebbe a qualcuno; come ha scritto La_Pimpa il punto che realmente ci interessa come cittadini è che la voragine di Labaro (e molto altro…) viene ignorata da molto tempo.

  7. Porgo i miei complimenti per il bel clima collaborativo di tutti coloro che sono intervenuti.
    Noto con piacere che l’arco costituzionale è ben rappresentato, da comari e cavalieri, pronti alla sfida all’arma bianca ed al grido allo scandalo!!!
    L’esercizio più praticato è la difesa d’ufficio, dell’ imputato che a sua volta risponde all’accusatore… ma la parte lesa?? “il cittadino”… chi lo difende??? .
    La Pubblica Amministrazione, non appartiene allo schieramento che la governa, bensi all’utenza ed al cittadino, il compito dello schieramento governativo è stabilire le priorità, individuare le risorse (che sono poche) e nell’ambito delle proprie competenze determinare gli interventi. Il compito dell’opposizione è vigilare e se possibile proporre alla giunta idee alternative o aggiuntive.
    Non mi sembra che questo semplice strumento di democrazia venga adottato in questo Municipio. Partecipazione, condivisione, nuove proposte e soprattutto programmazione, fanno la differenza per una nuova coscienza civica.
    Costruiamo insieme un XX nuovo e migliore.
    Roberto DI MARCO

  8. Caro Marco, almeno per una volta sono dalla tua parte e in aula, sperando che arrivi presto il documento, lo sosterrò a prescindere da quelle che potranno essere le indicazioni.
    Comunque, credo che le sentenze di un tribunale vadano sempre rispettate a maggior ragione se la parte soccombente sia una Pubblica Amministrazione; quindi non si pensi che il ritardo o meno dell’approvazione della mozione possa interferire sull’esecuzione dei lavori, oramai improrogabili.
    Antonio Scipione

  9. Cons. Tolli, il suo comunicato è solo strumentale propaganda e il tentativo di colpire la Presidenza del Consiglio è tipico di chi vuol far vedere all’esterno o ai propri elettori di fare opposizione, mentre all’interno del Municipio si sta ben attenti a non colpire chi il Municipio lo governa veramente!
    …comunque io ho le spalle grosse e come le ho detto pubblicamente in Consiglio IO non sono subalterno a nessuno, neanche al Presidente del Municipio (pur appartenendo allo stesso partito), non so se Lei , dopo aver scritto questo articolo, può dire la stessa cosa!!
    Ma torniamo al vero problema che mi sta più a cuore, via comparini e i cittadini di Labaro.
    Nella conferenza dei Capigruppo, nessuno mi ha chiesto d’inserire all’odg il documento inerente la richiesta di un finanziamento per interventi di ripristino
    voragine via comparini.
    Lo sa qual’è il motivo? Perche il Municipio ha già chiesto un finanziamento di 500mila euro nel piano investimenti e sono già in corso da tempo a seguito anche delle disposizioni del Tribunale civile di roma del 15/12, riunioni tra Municipio ed Acea per organizzare i lavori secondo competenze.
    Solleciterò personalmente Acea ed Ufficio tecnico municipale affinchè siano eseguiti a regola d’arte e con la massima celerità i lavori necessari.
    Cons. Tolli, Per qualsiasi ulteriore chiarimento circa la Conferenza dei Capigruppo da me presieduta, può chiedere al suo CApogruppo.
    Cordiali saluti, Simone Ariola – Presidente del Consiglio Municipio Roma XX

  10. Leggendo l’intervento del Presidente Ariola, mi viene il dubbio che quanto ipotizzato da Roberto nel primo commento corrisponda al vero…

  11. Presidente Ariola,

    dopo aver assunto un impegno preciso davanti a tutto il Consiglio, successivo ad un mio intervento sull’ordine dei lavori, ha scelto di non calendarizzare (per la seconda volta consecutiva) la discussione sulla voragine di Labaro.

    E’ lei a ricordarci con molta frequenza che l’ordine del giorno è definito dal Presidente del Consiglio, sentiti i capigruppo. Spettava e spetta quindi a lei programmare la discussione senza intervenire sui contenuti del testo. Avendo lei assunto questo impegno pubblico e confidando sulla sua parola non ho sentito alcuna necessità di far intervenire il mio capogruppo. Sbagliandomi: da oggi in avanti terrò presente che la sua parola non costituisce per me una certezza.

    Le ricordo che non le compete intervenire sui contenuti del testo se non come Consigliere in fase di discussione e voto. Se la mozione non è condivisa viene bocciata dal consiglio e non ostacolata preventivamente dal Presidente del Consiglio. In ogni caso, se si deciderà a programmare questa discussione ci confronteremo e in quella sede il Presidente Giacomini dovrà spiegarci come mai, passati 5 mesi dalla sentenza, ancora non si interviene. Dovrete inoltre chiarire come mai non si è ricorso all’istituto della somma urgenza dato che oramai è diventata per voi prassi consolidata.

    Avremo modo di discutere e prendere posizione sull’argomente, ovviamente se ci verrà data la possibilità.

    Avevo usato una formula dubitativa (“Una semplice dimenticanza o il tentativo di sottrarre la maggioranza da un dibattito imbarazzante?”), il suo intervento mi ha dato alcune risposte.

    Marco TOLLI

  12. Cons. Tolli, non si deve giustificare! Penso che come dice il sig.Michele e il sig. Roberto,
    Lei dovrebbe prima risolvere i problemi all’interno del suo gruppo politico, poi se vuole continuare ad arrampicarsi sugli specchi cercare invano qualche colpevole!

  13. .. ringrazio gli intervenuti nostri rappresentanti politici, che hanno cercato, certo ognuno dalla sua visuale di darci uno spaccato del perchè e del percome accadono certe cose ……

    .. mi piacerebbe se possibile richiedere ai nostri rappresentanti in municipio, specialmente al presidente e alor signori consiglieri di darci lumi concreti (tabelle ? ) sulla situazione del bilancio approvato nei giorni scorsi in municipio, e che ha generato molti dubbi nella cittadinanza.

    Non so se il canale è quello giusto … ma in uno dei primi post si face riferimento anche a questo e purtroppo NOI CITTADINI, NON abbiamo le risposte ai dubbi che abbiamo se non attraverso mere esternazioni di fantapolitica … che in un municipio (forse al Senato e Alla Camera dei Deputati potrebbe) NON DOVREBBERO ESSERCI.

    Grazie per i chiarimenti che potrete darci.

  14. … ovviamente il termine fantapolitica non voleva offendere nessuno ma era un modo per descrivere lunghi discorsi che alla fine per noi poveri mortali spiegano poco o nulla.

  15. Sono costretto ad intervenire per chiarire, ma soprattutto per difendere il mio gruppo da inutili e strumentali polemiche sul fantomatico disaccordo tra me e il Consigliere Tolli.
    Devo chiarire che la richiesta di inserimento del testo su via Comparini è stata fatta sia da parte mia che da parte del Capogruppo Sel Alessandro Pica, mentre il Capogruppo Antoniozzi ha richiesto di trasformare i testi in risoluzioni. Inoltre è inutile ricordare che, da regolamento, è il Presidente del Consiglio che ha la possibilità di porre il veto anche in disaccordo con la maggioranza della conferenza di Capigruppo. Quanto sto dicendo è testimoniato dai due verbali della conferenza dei Capigruppo.
    Non vorrei mettermi davanti al computer a scansionare altre pagine di verbale come ho fatto con le tabelle di bilancio per sbugiardare Antoniozzi.
    Quindi invito il Presidente Ariola a non giocare al “gioco delle tre carte” cercando far emergere pagliuzze inesistenti dentro gli occhi altrui piuttosto che guardare le travi che ha il gruppo del PDL.
    Inoltre mi permetto di dare un ulteriore spunto di riflessione che il Cons. Tolli si è dimenticato di dire: gli ordini del giorno su Via Comparini e Via Concesio erano due ordini del giorno che il gruppo del PD ha presentato COLLEGATI all’approvazione del bilancio e come tali si sarebbero discussi se l’intero gruppo del PDL, per l’ennesima volta, non fosse uscito dall’aula facendo cadere il numero legale. Naturalmente in seconda convocazione è successa la stessa cosa. In queste due occasioni sia io che il Cons. Tolli, nonchè tutto il gruppo del PD, eravamo presenti in aula, la prima e la seconda volta, pronti a discutere e a votare.
    Ormai è chiaro che il PDL è diviso, la prova inconfutabile sono le otto sedute di consiglio andate deserte prima dell’approvazione del bilancio vergogna, ma addirittura cercare di celarla puntanto il dito su una inesistente divisione dell’opposizione è un tentativo abbastanza goffo.
    Per quanto riguarda il bilancio ho proposto alla redazione di pubblicarlo per intero, ma penso che sia problematico metterlo in web per via del peso in formato elettronico.
    A tale propostito propongo a VignaClaraBlog di organizzare un’assemblea di confronto tra i gruppi politici sul tema del bilancio, magari da tenersi nell’aula di Consiglio la quale può essere messa a disposizione dal Presidente Ariola.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it

  16. …cons. Torquati, solo per precisare che le mie dichiarazioni riguardavano la conferenza dei Capigruppo di martedì 17 Maggio. Il verbale, se vuole, può essere scannerizzato!!!!!!!!!

  17. Ma una risposta puntuale sul tema della voragine il Consiglio e la giunta municipale possono darla ?

    1. la voragine è stata provocata a febbraio 2010 da una perdita d’acqua prolungata che ha fatto cedere la strada di via Comparini fino a una grotta sottostante (15 metri di altezza e 259 m2 di superfice).

    2. Si sono buttate oltre 100 bettumiere di cemento senza aver verificato l’adeguatezza dell’operazione e non risolvendo nulla.

    3. il 15 Dicembre 2010 il Tribunale di Roma ha ordinato a Roma Capitale e Acea Ato 2 di eseguire urgentemente, in solido tra loro, tutti i lavori elencati nella relazione del consulente tecnico d’ufficio (CTU), condannando altresì l’amministrazione alle spese legali.
    4. Un governo di prossimità che svolga il proprio compito deve intervenire per garantire i diritti dei cittadini e deve farlo immediatamente.

    Il resto sono chiacchere che servono solo a confermare il discredito di una classe dirigente che governa il municipio in modo poco efficace.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome