Home ATTUALITÀ Tomba di Nerone – Una campanella in ricordo dei Caduti sul fronte...

Tomba di Nerone – Una campanella in ricordo dei Caduti sul fronte Russo

Inaugurato il 13 Novembre 2010 (leggi qui) il restauro del monumento funebre a Publio Vibio Mariano, più comunemente conosciuto come Tomba di Nerone, ha dato il via ad una serie di migliorie, commemorazioni e cerimonie che stanno portando alla rinascita di quello che fino a qualche mese fa era un pezzo di quartiere degradato e, spesso, pericoloso. Passando, il 23 Gennaio 2011, per l’inaugurazione del monumento in onore dei caduti in Russia nel 1943, (clicca qui), oggi , 21 Aprile 2011, si è tenuta un’altra cerimonia organizzata dal Comitato Nikolaevka (o Nikolajewka) durante la quale è stata montata una campanella con delle incisioni in ricordo dei caduti sul fronte russo donata all’omonimo parco.

La cerimonia che, come le precedenti, si è caratterizzata per una forte solennità militare – religiosa, si è svolta intorno alle 10.30, in poco tempo, in silenzio ed indisturbata. A partecipare sono più le forze dell’ordine, i militari, gli alpini, ed i membri del – sempre presente – comitato di quartiere, che i semplici civili ed abitanti della zona che sono per lo più i familiari dei caduti e dei dispersi.

[GALLERY=1431]

La presentazione è stata veloce e silenziosa, priva di amplificazione ed interrotta di tanto in tanto dalla sirena di qualche ambulanza: “Inauguriamo la martinella, in onore dei caduti e dei dispersi in Russia in questo parco fortemente voluto dal comitato Nikolaevka, con questa campana creata dalle fonderie pontificie di Agnone e con il braccio (recante la scritta S.P.Q.R.) della ditta Ferri Battuti di Corso Francia. Ci auguriamo che con questa, sia completato il nostro omaggio ai caduti di cui qui abbiamo alcuni eredi come il figlio della Medaglia d’Oro Gianluigi Ianicelli. Ci auguriamo che questa campana possa suonare sempre a festa e mai più per la guerra.”

[GALLERY=1432]

La parola è stata poi data all’Assessore all’Urbanistica del XX Municipio, Giuseppe Mocci, che, dopo aver ringraziato la Polizia, i vigili urbani, i Carabinieri, il Comitato di Quartiere e l’associazione russa, ha aggiunto: “Oggi ci troviamo ad una manifestazione molto importante per il suo simbolismo ed è giusto che venga benedetta ed inaugurata questa martinella. Il sacrificio di tante persone non verrà dimenticato perché Roma non dimentica”.

[GALLERY=1433]

l’Assessore ha poi fatto una velocissima descrizione di quella che è stata la storia di Roma, in occasione del suo duemilasettecentosessantaquattresimo compleanno sottolineando l’importanza di questa data. “Roma non è solo una città al livello di territorio e di urbanistica, Roma è stata un idea ed è stato faro e lume per tutto il mondo.”

Mocci ha poi portato i saluti del Presidente Gianni Giacomini, il quale si trovava all’inaugurazione del nuovo centro anziani presso Isola Farnese e, facendo a tutti gli auguri per la festività del Natale di Roma, ha ricordato che il dovere dei cittadini e delle istituzioni è quello di rendere sempre migliore il quartiere e la città.

Claudio Colica

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome