Home ATTUALITÀ Ponte Flaminio – crolla una lastra di marmo e resta abbandonata sul...

    Ponte Flaminio – crolla una lastra di marmo e resta abbandonata sul marciapiede

    Lungo più di 250 metri e largo 27, da oltre 70 anni si innalza maestoso da una riva all’altra del Tevere collegando Vigna Clara con i quartieri Flaminio e Parioli. Parliamo del Ponte Flaminio (in origine ponte XXVIII Ottobre) progettato negli anni 30 da Armando Brasini e Aristide Giannelli e oggi comunemente conosciuto come il viadotto di Corso Francia.

    Da alcuni anni, la struttura monumentale, è vittima di graffiti ed affissioni di striscioni, per lo più ad opera di buontemponi innamorati. E’ purtroppo assai facile scorgere tra le colonne, le lupe e le aquile di marmo, scritte come “Sei tutta la mia vita, ti amo” o “Amore mi manchi tanto”  ed altre sciocchezze simili, come documentato nell’inchiesta di VignaClaraBlog.it di qualche mese fa (leggi qui).

    Tuttavia, oggi, il ponte sembra vittima di un altro problema: qualche mese fa, dal lato di viale Tor di Quinto, dove si prende la rampa in direzione Fleming/Flaminia, è crollata una lastra di marmo travertino lasciando scoperto il calcestruzzo sottostante. Per fortuna, il pannello marmoreo, pur essendo caduto sul marciapiede, non ha lasciato feriti e non ci sono quindi state vittime.

    [GALLERY=1313]

    La cosa grave è che, malgrado le numerose segnalazioni, la lastra, ormai a pezzi, giace ancora ai piedi del ponte “protetta” da una poco-credibile rete rossa (quella che si usa per i lavori stradali) che, da un lato, è completamente schiacciata per terra ed è quindi molto facile scavalcarla per chi voglia appropriarsi di un souvenir marmoreo rischiando magari i prendersi un secondo crollo dritto in testa.

    Claudio Colica

    © riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

    Visita la nostra pagina di Facebook

    2 COMMENTI

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome