Home ATTUALITÀ Con Lucilla Galeazzi torna all’Auditorium la musica popolare italiana

Con Lucilla Galeazzi torna all’Auditorium la musica popolare italiana

Appena tornata dal tour australiano con più di 10 date tra Sydney, Melbourne e Brisbane, e da una lunga serie di concerti in Europa, soprattutto in Francia, Lucilla Galeazzi, “la voce della musica popolare italiana”, venerdì 18 febbraio alle 21 presenta all’Auditorium Parco della Musica il suo ultimo disco prodotto da Helikonia dal titolo “Ancora BELLA CIAO”, come a dire riportare la musica popolare (dopo la stagione dei gruppi, delle orchestre, della musica ska e chi più ne ha più ne metta) all’estetica del folk revival.

Voce sapiente e chitarre sapienti per ridare forza alle melodie, troppo manipolate da strumentazioni, per tornare all’eleganza del minimalismo, alla forza degli interpreti, all’emozione del contatto tra interprete e pubblico.

Una voce intrigante, ricca di armonici e di passione per raccontare i percorsi dell’anima di un’Italia che impasta le nostre coscienze ancora oggi, malgrado la cultura dilagante dei mass- media e delle veline. Una teatralità ed una capacità di racconto che ammalia ancora oggi per simpatia e giocosità.

Il percorso

Lucilla Galeazzi vanta una lunga e fruttuosa collaborazione con due grandissimi maestri: Giovanna Marini e Roberto de Simone. Con loro e con i loro spettacoli conosce prestigiose scene nazionali ed internazionali (Les Bouffes du Nord di Peter Brook a Parigi, L’Opera di Berlino ed Hamburg, L’Opera di Napoli, Lyon, New York, ecc.ecc) in più di 20 anni di lavoro comune.

Numerosissimi gli spettacoli di musica popolare italiana realizzati con i maggiori cantanti e musicisti presenti sulla scena nazionale e internazionale: Ched Kaleb, Elena Ledda, Fausta Vetere, Aria Del Mar Bonet, Pino De Vittorio, Mercedes Sosa, Nando Citarella , Ambrogio Sparagna, Carlo Rizzo, Alfio Antico, Riccardo Tesi, Mauro Pagani, Raiz, Teresa Salgueiro (Madredeus) e Aicha Redouane.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome