Home ATTUALITÀ L’editoria on-line fa paura? L’accusa della carta stampata: è concorrenza sleale

    L’editoria on-line fa paura? L’accusa della carta stampata: è concorrenza sleale

    In riferimento alle parole espresse durante il recente Congresso nazionale della FNSI, Federazione Nazionale Stampa Italiana, dal suo segretario Franco Siddi sul tema della concorrenza nei confronti della carta stampata da parte delle testate online e dei blog, interviene Marcel Vulpis, presidente di AIGOL, Associazione Italiana Giornali On-Line, per dichiarare:  “Si tratta di una presunta concorrenza sleale che non trova conferma, sotto alcun punto di vista, nel panorama attuale tricolore”.

    “L’apertura del mercato dell’informazione e la crescita delle testate online devono essere vissuti come opportunità, non come elementi ostili. L’editoria online è una “risorsa” da tutelare, non un presunto nemico da osteggiare. L’unica concorrenza sleale – continua Vulpis, che invece tocchiamo quotidianamente con mano è quella delle provvidenze per l’editoria (spesso a pioggia), di cui la carta stampata gode da anni e che, invece, l’online non ha mai conosciuto.
    Siamo felici, però, che l’FNSI, per voce del suo segretario, parli di “concorrenza sleale”, perchè, a questo punto, andremo a fondo per capire, nei fatti, chi la esercita concretamente (e soprattutto chi si trova in “posizione dominante” rispetto ad altri competitor).”

    “AIGOL nasce per tutelare gli editori online italiani. C’è da recuperare un gap con la carta stampata tradizionale. Fino ad oggi, ha beneficiato di troppi privilegi. I tempi sono maturi per la rivendicazione di una serie di diritti a favore soprattutto dell’online” conclude Vulpis.

    Visita la nostra pagina di Facebook

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome