Home AMBIENTE Roma – Persiste il freddo intenso: arriva la neve?

Roma – Persiste il freddo intenso: arriva la neve?

Non è improbabile che nei prossimi giorni fiocchi di neve scendano su Roma, dopo meno di un anno la Capitale potrebbe nuovamente imbiancarsi come accaduto lo scorso 12 febbraio. Lo dice l’agenzia Adnkronos alla quale il colonnello Paolo Ernani, meteorologo, ha così dichiarato: “il freddo sull’Italia e’ causato dalla discesa di consistenti nuclei di aria glaciale: e’ come se il polo nord fosse sceso alle nostre latitudini ed il gelo che ora sta interessando più direttamente le regioni adriatiche (ma le temperature basse si registrano anche sul resto del Paese), dovrebbe durare fino al 18 dicembre circa”.

Visita la nostra pagina di Facebook

13 COMMENTI

  1. La pioggia se incontra strati dell’atmosfera più caldi evapora se invece attraversa strati con temperatura di 0° o inferiore si trasforma in neve. Se le temperature a Roma continueranno a rimanere cosi basse è probabile che eventuali piogge diano origine ad una bella nevicata. Semplice no?

  2. Giustissimo Francesco, è la stessa cosa che hanno detto questa mattina al TG3. Rischio neve fino a sabato su tutto il Lazio, Roma compresa, proprio a causa dell’incontro fra la pioggia e le basse temperature. La neve a Roma è sempre emozionante ! Cari saluti.
    Cristina

  3. No, non è cosi’ Francesco.
    La pioggia non potrà mai trasformarsi in neve, mentre è possibile il contrario.

    Alle nostre latitudini le precipitazione durante il periodo invernale nascono sempre sotto forma di neve ed eventualmente poi si trasformano in pioggia quando attraversano strati d’aria con temperature positive.

    Per la neve a Roma non è sufficiente che al suolo ci sia una temperatura attorno alla zero, ma è necessario che tutta la colonna d’aria presente tra le nuvole e la città abbia temperature attorno allo zero. Basta infatti uno strato d’aria anche di poche decine di metri con temperature positive per far sciogliere il fiocco. Una volta sciolto il fiocco non si ricompone piu’ e continua la sua discesa verso il suolo sotto forma di goccia d’acqua.

    Se successivamente incontra nuovi strati d’aria con temperature sotto zero, l’acqua gela dando origine a quel fenomeno chiamato comunemente gelicidio o piogga congelatesi, fenomeno pericolosissimo per la circolazione in quanto crea sul terreno
    un sottile strato di ghiaccio.

    A titolo di curiosità aggiungo che con colonne d’aria particolarmente secche (dew point sotto zero) c’e’ la possibilità che i fiocchi di neve arrivino al suolo anche con temperature positive, dell’ordine di 1, 2 o 3 gradi.

  4. Hai ragione Simone; non sono un esperto ma so che le precipitazioni nella stagione fredda e alle medie-alte latitudini nascono come cristalli di neve dalla base di nubi dove la temperatura è costantemente sotto lo zero. Ho parlato di pioggia per non infilarmi in una discussione troppo tecnica. Se lo strato d’aria tra le nubi in arrivo e il suolo sottostante sarà sotto lo zero mi sembra ovvio però che i fiocchi di neve toccheranno anche il suolo di Roma. Giusto?

  5. Si, in quel caso sarà neve al 100%.
    Stamattina intanto toccata la minima dell’anno con -6°C. E’ possibile che in alcune zone della città si sia scesi anche sotto, ma quello è il dato ufficiale dell’aeronautica militare.

  6. Francesco, se gli strati d’aria tra le nubi e il suolo sono tutti sotto zero la neve arriva integra a terra.
    E’ possibile che la neve giunga al suolo anche con temperature positive ma dew point (temperatura di rugiada) deve essere negativo.
    Adesso per esempio qui in zona ci sono 2 gradi con dew point di -6°C.
    La neve, forse ancora per poco, è ancora possibile dunque.

  7. Niccolo’, diciamo che il meteorologo non è lavoro cha fa per lei 🙂

    Comunque nevicata pesantissima in questa zona, la parte della marina all’inizio di via italo panattoni è uno spettacolo bianco.
    Il verde, le colline intorno, sembra di essere in alta montagna.

  8. mio figlio che segue delle lezioni di universita a viterbo e dalle 13 che sta fermo sulla cassia altezza cura di vetralla sono le 18 e per due fiocchi di neve sta ancora là.meno male che la protezione civile era all’erta per la neve .FACCIAMOLI CONGELARE NOOO.DOVE SIETE PROTEZIONE CIVILE???????

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome