Home ATTUALITÀ XX Municipio – Giuseppe Molinari fa ambo

XX Municipio – Giuseppe Molinari fa ambo

Non gli avevano nemmeno rimesso l’etichetta alla porta, a che pro? Nel XX Municipio tutti sapevano che nel volgere di pochi giorni sarebbe arrivata la seconda sfiducia per l’ex ex assessore Giuseppe Molinari. Ed infatti eccola qui, è l’ordinanza n.9 del 2.12.2010 del presidente Gianni Giacomini letta in aula Consiglio lunedì 6 dicembre. Due sfiducie in 6 mesi, roba da guinness dei primati.

Ricordiamo sinteticamente (clicca qui per dettagli) che a maggio 2010, Giuseppe Molinari, assessore da 24 mesi della Giunta Giacomini, viene estromesso da quest’ultimo. “E’ venuto meno il rapporto fiduciario” dice in aula il presidente. Molinari ricorre allora al TAR che gli da ragione obbligando il Municipio a reintegrarlo nelle sue funzioni e condannando quest’ultimo a pagare le spese processuali (2mila euro). Il 29 Novembre Giacomini gli riporge quindi la poltrona da assessore ma nel contempo c’è già chi gli scrive la nuova sfiducia.

La nuova ordinanza, a scanso TAR, è ricca di contenuti e motivazioni, l’assenza degli stessi aveva infatti dato l’aggio al Tribunale Amministrativo di accogliere il ricorso dello sfiduciato.
Il cahier de doleances è lungo: i profondi contrasti politici con la maggioranza, le continue assenze dalle sedute di consiglio (“il 50%” quantifica Giacomini), l’imbarazzo creato in giunta per alcune sue prese di posizione, le lamentele dell’opposizione in merito ai suoi modus operandi, le rimostranze del gruppo PdL sul fatto che Molinari non faccia squadra, le iniziative prese in prima persona esulando anche dalle sue competenze, le richieste inviate in Campidoglio per impegnare fondi pubblici senza averlo concertato in Giunta, insomma il registro del Presidente Giacomini è pieno di note ed un bel 5 in condotta a Molinari non glielo toglie nessuno.

E col 5 in condotta una volta si veniva bocciati. Oggi pure, almeno nel XX Municipio. Ed è così che le deleghe al patrimonio , all’urbanistica ed ai PuP dalle mani di Molinari dopo appena una settimana tornano nuovamente in quelle del Presidente che, almeno per ora, le tiene per se. Già, perché nel frattempo Giuseppe Mocci, prima nominato al posto di Molinari e poi uscito in punta di piedi per restituirgli il posto, nell’ordinanza non è stato menzionato. Ma non sarà per molto.

E Molinari? Che si metta l’animo in pace appare poco probabile, che lanci un nuovo guanto di sfida in carta bollata forse. Una cosa è certa: con l’avvicinarsi del Natale lui un ambo l’ha già fatto.

Claudio Cafasso

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome