Home ARTE E CULTURA Al MAXXI Lucy Orta e Teddy Cruz, come trasformare la creatività in...

Al MAXXI Lucy Orta e Teddy Cruz, come trasformare la creatività in impegno civile

maxxi44.jpgEcologia, sviluppo sostenibile, dialogo interculturale, città a misura d’uomo, coesione sociale. Sono i temi al centro dell’incontro con LUCY ORTA, artista e performer britannica di fama internazionale e TEDDY CRUZ, architetto che da San Diego indaga i temi dell’abitare. Oggi, sabato 13 novembre, al MAXXI alle ore 16.30. Con loro, il geografo Franco Farinelli.

Un inedito incontro, dunque, che accomuna arte e architettura nella denuncia dei più scottanti temi sociali e umanitari di oggi e che trasforma la creatività contemporanea in impegno civile. Come nel lavoro Antarctit Village – No Borders. Dome Dwelling di Lucy e Jorge Orta esposto al MAXXI, sui temi della diaspora, della libera circolazione tra i popoli e dei rischi ambientali, parte del più ampio progetto che ha visto la coppia protagonista di una spedizione in Antartide dove, nel 2007 ha dato vita a un vero e proprio insediamento temporaneo di 50 tende da essi stessi progettate. E in quello di Teddy Cruz che, nel piccolo padiglione realizzato per il MAXXI con coni spartitraffico dal titolo Cultural Traffic: from the Global Border to the Border Neighbourhood riflette sulla zona della frontiera Tijuana-San Diego e sulle politiche dell’emigrazione, del lavoro, della sorveglianza e di tutti gli elementi che caratterizzano la città contemporanea.

L’incontro è acura di Pippo Ciorra e Gabi Scardi.  Ingresso €4.00, ingresso all’incontro + mostre in corso €11.00

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome