Home ATTUALITÀ Week-end romano per Gheddafi: anticipato di 36 ore l’arrivo

Week-end romano per Gheddafi: anticipato di 36 ore l’arrivo

Le sorprese sono il pezzo forte di Muammar Gheddafi. Doveva arrivare a Roma domani  sera ed invece ha anticipato il viaggio: sbarca all’aeroporto di Ciampino alle 12.30 di oggi, sabato 28 agosto. Massimo riserbo sul programma per il weekend romano, senza alcun impegno ufficiale in agenda.

Fonti libiche – riferisce Adnkronos – parlano di programma «privato», escludendo incontri con imprenditori e banchieri. Ma non escludendo affatto possibili bagni di folla nelle strade della Capitale o più generici «incontri con la gente». «Il leader ama fare queste cose…», raccontano le stesse fonti.

Il programma della visita, ancora in via di definizione e suscettibile come al solito di stravolgimenti all’ultimo momento, prenderà il via ufficialmente lunedì pomeriggio e come già anticipato da VignaClarablog.it (leggi qui) si svolgerà tutto nel territorio del XX Municipio.
Il Colonnello presenzierà infatti alle 17 ad un convegno all’Accademia libica, in zona via Cortina D’Ampezzo, sui rapporti tra l’Italia e il Paese nordafricano e ad una mostra fotografica che rappresenta la storia della Libia dagli anni precedenti l’invasione italiana fino alla firma del Trattato di Amicizia.
Poi si trasferirà alla Caserma dei Carabinieri di viale Tor di Quinto dove sarà ospite di Silvio Berlusconi e dove in serata avranno inizio i festeggiamenti veri e propri. Prima dello spettacolo equestre, davanti ad 800 invitati, dei trenta cavalieri berberi in sella a trenta cavalli giunti appositamente dalla Libia, il presidente del Consiglio offrirà al leader libico l’iftar, il pasto di fine digiuno del mese di Ramadan, il cui menù è al momento top secret.

L’Italia dei Valori intanto annuncia contestazioni. Lo riferisce sempre Adnkronos : “Seguiremo passo passo il teatrino del beduino dalla via Cassia fino alla corsa dei cavalli libici – avverte Stefano Pedica – Gheddafi troverà almeno noi a contestarlo non per odio ma per dignità patriottica”

Fervono intanto i preparativi in zona Tor di Quinto. Da ieri mattina sono iniziate le operazioni di cancellazione delle scritte presenti sulle mura esterne di ponte Flaminio (corso Francia). Impegnati nell’operazione 5 operatori della Squadra decoro Ama, supportati da idropulitrici e da un elevatore meccanico che consente di rimuovere le scritte dall’intera superficie interessata. Da ieri sera inoltre alcune squadre di agenti della Polizia Municipale in borghese pattugliano viale Tor di Quinto concentrando la loro attenzione nelle aree dove si verificano gettiti abusivi di rifiuti ingombranti e calcinacci. La sorveglianza e’ stata disposta l’Ufficio decoro del Dipartimento Tutela Ambientale e Protezione civile del Comune di Roma. (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome