Home ATTUALITÀ Collina Fleming: e’ far west in via Flaminia Vecchia

Collina Fleming: e’ far west in via Flaminia Vecchia

flaminiavecchia.jpgDal Consigliere del XX Municipio Giorgio Mori riceviamo e pubblichiamo il resoconto di una serie di sconcertanti episodi avvenuti ieri, 5 agosto, in via Flaminia Vecchia nel quartiere Fleming. Cosi’ li racconta a VignaClaraBlog.it: “Per l’ennesima volta mi trovo a narrare fatti avvenuti nel XX Municipio, in particolare nella zona facente riferimento al quadrante Fleming-Vigna Clara. Quanto voglio esporre attiene ad aspetti delicati che coinvolgono la politica territoriale e non solo e che appartengono alla quotidianità del nostro ruolo di consiglieri e politici territoriali.”

“Dopo decine e decine di richieste di intervento e segnalazioni al XX Gruppo di Polizia Municipale mi trovavo ieri, 5 Agosto, nel traffico quasi bloccato di Via CLICCA x INGRANDIREFrancesco Saverio Nitti l’incrocio con Via Flaminia Vecchia. In quel momento – racconta Mori – si stava svolgendo un intervento dei Vigili Urbani in relazione all’abusivismo commerciale che coinvolge la zona. Le forze dell’ordine, in borghese, avevano infatti fermato un extracomunitario che stava vendendo abusivamente sul marciapiede e, nel contempo, stavano sanzionando il venditore itinerante che, come consuetudine, occupava con l’auto l’incrocio e, con due stand pieni di vestiti, il marciapiedi.”

“L’extracomunitario aveva appena tentato la fuga ed era stato investito da un auto cagionando dunque un incidente e danni a sè stesso. A seguito dell’incidente la circolazione era quasi bloccata ma l’indifferenza degli automobilisti all’intervento delle forze dell’ordine era palese. Nel frattempo l’abusivo (quello italiano) che era stato costretto ad abbandonare l’incrocio, nel mentre ringraziavo le forze dell’ordine aveva compreso il mio ruolo istituzionale e quindi si tratteneva per coprirmi di insulti ed offese. Solo una buona dose di calma e pazienza mi impediva di reagire. Le offese erano per me, per i miei antenati e la mia futura stirpe …”

“La nostra zona però è ricca di ipocrisia, ma anche di volgare opulenza che porta, nell’immaginario di alcuni, a trasformare gli autori di illeciti in vittime ed anche eroi” commenta Mori che prosegue spiegando come “alcuni cittadini erano compiaciuti ed altri invece inveivano contro di me perché, in fondo, chi lavora, seppur illecitamente, non darebbe fastidio a nessuno e semmai non andrebbe a delinquere nelle strade. ‘Lascialo stare, poveraccio’ mi diceva qualcuno”.

“Qui sta proprio uno dei punti chiave della differenza tra i vari modi di intendere la politica ed il rispetto della collettività – chiosa Gorgio Mori dichiarando di non conoscere il soggetto passivo dell’intervento e certamente di non auspicare un danno economico alla sua famiglia e alla sua vita. “Ho invece rappresentato il fatto che una serie di illeciti, commessi contemporaneamente e con reiterazione quotidiana, possono generare gravissimi danni per le persone e per le cose, se non prevenuti”.

Ma il fatto non finisce qui. “In quel momento – continua Mori – passa di lì il cantante Renato Zero che porge 50 euro al venditore abusivo, ritenendo forse di fare un atto di carità magari in compensazione ad un immaginario torto ricevuto. Preferendo evitare la discussione mi spostavo per evitare inutili polemiche contenendo il mio impulso di sconcerto verso quello che consideravo un gesto assolutamente ipocrita e disattento alle conseguenze. Io ho sempre pensato che ogni azione debba essere meditata anche in relazione alle conseguenze dannose che possono essere superiori alle nostre ‘buone volontà’. Purtroppo, dopo pochi secondi, i fatti mi davano ragione”.

“Mentre stavamo parlando, una signora che proveniva da Via Città di Castello non si ferma in tempo nell’incrocio (perché l’incrocio non consente CLICCA x INGRANDIREassolutamente la visibilità, essendo saturo di auto in doppia fila) ed una moto a tutta velocità la colpiva in pieno. L’autista della moto volava in aria, per circa 4-5 metri, proiettato, con una incredibile capriola a quindici metri dal mezzo, oltre l’auto. L’impatto devastante ha fatto temere il peggio. L’unica grande fortuna è che la polizia ha assistito al sinistro e l’intervento dell’ambulanza è stato tempestivo nonostante il traffico bloccato dalle consuete doppie file” .

“Non sono a conoscenza delle conseguenze del sinistro, ma credo che la vittima si sia fortunatamente salvata. Resta il fatto che ancora una volta si è rischiato la tragedia in Via Flaminia Vecchia e questa volta proprio davanti agli occhi dei Vigili Urbani che, a dir il vero, stavano operando in modo esemplare per quello che riguarda la repressione dell’abusivismo commerciale. Resta lo sconcerto per il comportamento di parte della cittadinanza in relazione a situazioni che sono, in tutta evidenza, illeciti che comportano rischio per la circolazione e danno al commercio legale. Dagli operanti ho poi scoperto che non è la prima volta che questo accade. A Grottarossa, alcuni mesi or sono, durante un intervento sull’abusivismo commerciale, alcuni partecipanti ad un tavolino politico avevano violentemente preso le difese dei commercianti abusivi, impedendo di fatto che I Vigili facessero il loro dovere”.

“L’intervento di ieri è però un segnale importante che, ne sono sicuro, – conclude Mori – sarà seguito da una politica più attenta a tutte le zone del XX Municipio e che dovrà comportare certamente una ridiscussione e rivalutazione dello strumento del ‘Vigile di Prossimità’ nell’intero territorio municipale.”

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. Queste persone caritatevoli, questi benefattori che prendono le parti dei venditori abusivi (alcune volte anche in maniera violenta come qualche tempo fa sulla via Tuscolana) hanno davvero un cuore grande e si battono contro il cinismo e la cattiveria, davvero gratuita, dei vigili.

    Sono il popolo del not in my backyard, la cui carità pelosa è elargita a piene mani perche’ tanto a loro non costa niente.
    La vendita di merce falsa e nel piu’ completo abusivismo mi arreca un danno ?
    No ? E allora che facciano pure, cosa volete che sia!

    Se nei pressi avessero avuto un esercizio commerciale e fossero stati intaccati i propri interessi, sarebbero saltati su a sbraitare. Ma cosi’ vuoi mettere, non costa niente e faccio anche la figura del filantropo.

    In paesi civili i cittadini si sarebbero congratulati con le forze dell’ordine per un’operazione di questo tipo.

    In italia passa renato zero e lascia 50 euro al venditore abusivo.

  2. Carità pelosa pensando di lavarsi la coscienza.
    Tutte le forme di illegalità devono essere represse ed eliminate ma ancora esistono persone che si ergono a paladini di chi quotidianamente opera illegalmente.
    Che queste persone operino loro stesse illegalmente ma non così vistosamente?
    Direi di si visto il transfer, di competenza anche degli psichiatri, che palesano.
    Sono malati e basta.Che si curino o vengano curati.
    Inoltre ogni sostegno diretto o indiretto all’illegalità è pura e semplice complicità.
    Se un guizzo di intraprendenza dei Vigili li avesse indotti a identificare i sostenitori dell’illegalità e girare le loro generalità all’autorità giudiziaria probabilmente non assisteremo più a queste difese che offendono chi della legalità ha fatto un principio base di vita.
    Noto con soddisfazione che solo il Consigliere Mori è presente fisicamente sul territorio e non esita a denunciare pubblicamente queste cose.
    Ma gli altri Consiglieri dove e sopratutto come vivono?
    In quanto al noto cantante perchè magari non spiega attraverso questo blog come è entrato in possesso venti anni orsono di un villino all’olgiatella 2 da cui è letteralmente scappato dopo le proteste dei vicini che secondo l’innefabile dovevano adeguarsi ai suoi ritmi di vita che consistevano nello scambiare il giorno per la notte?

  3. Avanti così verso la battaglia a favore della legalità. Contro abusivi piccoli o grandi che siano (vedi Via Mastrigli).
    Gli abusivi portano via lavoro ai commercianti regolari.

    Il passo più grande da fare ora è la battaglia contro i parcheggiatori abusivi.

    AVANTI COSI’.

  4. Un “farwest” annunciarto! Circa un mese fa, in risposta alle problematiche notturne di Ponte Milvio, invitavo il consigliere Mori ad incontrarci all’angolo di via Nitti con via Flaminia Vecchia, per verificare la “criticità” di quello spazio, sia per ragioni di traffico che di commercio ambulante. Ma la precaria situazione locale, non deve limitarsi all’angolo “incriminato”, ma a tutta la Flaminia Vecchia, dalla sede del XX Municipio fino al Piazzale di Ponte Milvio. In questa via, che taglia a metà Collina Fleming-Tor di Quinto
    debbono affrontarsi immediatamente le tematiche relative all’ arredo urbano, viabilità, sicurezza, commercio ambulante … Non è più tempo di discutere sulla presenza o meno dei vigili urbani, ma necessita una collaborazione ed un coordinamento tra i residenti e gli operatori commerciali, in modo da creare una “task force” di verifica e controllo delle emergenze giornaliere, con successive proposte operative agli organi istituzionali di competenza.
    C’è un’occasione da non perdere, che ho già evidenziato al consigliere Mori, il “Progetto culturale: Costantino il grande, nella flaminia antica, verso Ponte Milvio 2012” (già sottoposto all’attenzione dell’Assessore Perina del XX municipio). Gli eventi e le iniziative culturali, per la rievocazione storica dei 1.700 anni della battaglia di Ponte Milvio, potrebbero rappresentare la premessa, per una azione territoriale di riqualificazione della via Flaminia Vecchia, come strada di “eccellenza” per il passaggio di Costantino, in questa zona, il 28 ottobre 312.
    Oltre alla mia disponibilità immediata, penso che numerosi residenti del Fleming, possano essere interessati ad una proficua collaborazione.
    Per il programma delle manifestazioni costantiniane, consultare “www.scuolarestauro.it” sezione “attività collaterali-costantino”.

  5. dal post di giorgio mori la cosa che salta agli occhi è che i vigili in prima istanza avrebbero dovuto sanzionare, rimuovere, sequestrare le macchine che sostavano in doppia fila : piaga perenne di questa città.
    Ma si sa, è più facile prendersela con i deboli …

  6. Eccala’ puntuale è arrivato il post sui vigili cinici che invece di multare
    le italianissime doppie file se la prendono con gli inermi e deboli extracomunitari.

    Ma sapete quale è il colmo ? Che questa classe politica, in maniera più o meno trasversale, ha capito che di Serenelle in giro ce ne sono tante ed elettoralmente pesano di piu’ dei Simone, dei Cesare e dei professor Vigna.

    E cosi’ vige una sorta di lassismo indulgente, quasi che un intervento contro i poveri venditori di merce contraffatta possa essere controproducente dal punto di vista del consenso.

    Perche’ poi queste Serenelle votano tutte e si ricordano benissimo che quella volta i vigili mandati da Alemanno invece di multare le auto se la sono presa con due stranieri che… lavoravano.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome