Home ARTE E CULTURA Andante con Bus – presto un’interrogazione al Sindaco Alemanno: si apre uno...

Andante con Bus – presto un’interrogazione al Sindaco Alemanno: si apre uno spiraglio?

Da Paolo Masini, consigliere PD del Comune di Roma, riceviamo e pubblichiamo: “Ho parlato di Andanteconbus qualche giorno fa in una trasmissione televisiva alla quale era intervenuto anche il Sottosegretario Francesco Maria Giro. Spero che abbia preso buona nota della mia segnalazione, così come spero che voglia visitare il quotidiano on-line VignaClaraBlog.it per leggere, come ho fatto io con moltissimo interesse, l’articolo di Stefania Giudice. Avrebbe così modo di rendersi conto che forse, piuttosto che aprire 17 nuovi siti archeologici, sarebbe preferibile rendere accessibili quelli esistenti. Cosa che la formula Andanteconbus sarebbe in grado di fare egregiamente.”

“A segnalarmi il servizio di VignaClaraBlog.it che, a quanto vedo, sta suscitando un numero incredibile di commenti (se consideriamo il normale tasso di partecipazione ai blog) – continua Masini – è stata, qualche tempo fa una sua strenua sostenitrice che, assieme ad altri amici, sta prodigandosi per tentarne il recupero. Già questo solo fatto dovrebbe far riflettere sullo straordinario valore di Andanteconbus, capace evidentemente di sprigionare una serie di valori positivi tra i quali, quello che mi sembra il più rilevante, è appunto la voglia di collaborazione o meglio, la sussidiarietá: la capacità cioè di sommare l’impegno di una lunga catena di soggetti, pubblici e privati, ciascuno per la propria competenza specifica. Impegno, si badi bene, non necessariamente di natura economica. Un progetto che avuto modo di seguire e sostenere proprio per la sua valenza culturale e sociale, già da quando mi occupavo di cultura come presidente della Commissione del Municipio Roma XVI prima della mia elezione a livello Comunale. In un momento come questo penso che un atteggiamento solidale di questo tipo debba costituire un modello da seguire. Applicandolo con convinzione se ne potrebbero ottenere benefici importanti non solo per i cittadini ma anche per i teatri e per tutte le attività del tempo libero. “

“Con questa precisa convinzione – annuncia quindi il consigliere – mi accingo a presentare una interrogazione in Consiglio comunale rivolta al Sindaco e all’Assessore alla Cultura. Penso che Vignaclarablog.it stia facendo un ottimo lavoro per sensibilizzare la cittadinanza e credo che lo stesso dovrebbero fare i giornali più attenti agli interessi della Città. A quanto ho potuto capire studiando attentamente i documenti presenti nel sito, il segreto per la riuscita dell’iniziativa (che, è bene considerarlo, una volta a regime, potrebbe autofinanziarsi agevolmente) è un’efficiente rete informativa. Per ottenere questo risultato non occorrerebbe altro che la collaborazione del popolo del web. Come sta appunto avvenendo grazie al quotidiano Vignaclarablog.it”

“Nei prossimi giorni chiederò ufficialmente al Sindaco se non ritenga che l’iniziativa debba essere assolutamente ripristinata e se a tale scopo non ritenga che necessiti il coordinamento di tutte le competenze assessorili che la formula Andanteconbus coinvolge nella sua pratica attuazione. Rammento che a sostegno del servizio realizzato da Andante con..bus – conclude Masini – si erano impegnati ben sei Assessori della precedente Giunta. Poche iniziative penso possano vantare un pedigree altrettanto prestigioso. Grazie per l’ospitalità.”
Paolo Masini, Consigliere Comune di Roma per il Partito Democratico (paolo.masini@comune.roma.it)

NdR: siamo noi che ringraziamo il consigliere Masini per le parole di elogio nei riguardi del nostro lavoro e lo invitiamo a tenerci informati sull’interrogazione e sugli esiti della stessa. Nel frattempo, a chi fossero sfuggiti, segnaliamo i nostri due precedenti articoli:  per leggerli sarà sufficiente cliccare sui relativi link.

21 giugno – Andante con Bus, quando un servizio utile smette di funzionare  – articolo di Stefania Giudice
10 giugno – Perchè non riattivare Andante con Bus?  – Comunicato di F.Scoppola, consigliere XX Municipio

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. Ottimo l’intervento dell’On.le Masini. Allora vuol dire che i nostri problemi non sono soltanto i soliti di cui si parla tutti i giorni e da sempre! C’è anche qualche politico che sa guardare oltre il proprio naso. Del problema della mobilità si parla solo per denunciarne i danni e la impossibilità di rimuoverli. Ma perchè una volta che era stata trovata una soluzione intelligente la si è lasciata morire?

  2. Il Consigliere Masini al quale bisogna essere grati perché si occupa di problemi che i suoi colleghi sottovalutano, dice giustamente che A.c..b potrebbe portare benefici non solo ai numerosissimi cittadini che hanno smesso di uscire di casa la sera ma anche ai teatri e a tutte le altre attivitâ di spettacolo. Allora mi chiedo:come mai i teatri hanno completamente ignorato un servizio che avrebbe permesso a tanta gente di continuare a frequentarli?

  3. non c’entra molto con il pur esauriente intervento del Consigliere Masini ma vorrei fare questa considerazione: tra le categorie considerate meritevoli di sostegno perchè socialmente deboli o discriminate, non sarebbe giusto inserire le persone più o meno anziane, che non hanno possiblità di circolare liberamente costrette ad avvalersi esclusivamente dei mezzi pubblici e quindi, per lo meno di sera, di fatto escluse da tutto quello che offre la città alle persone “normali”? È chiaro che non pretenderei uno dei 600.000 autisti delle macchine blu a mia disposizione, ma lasciare in vita un servizio che poteva risolvere egregiamente il problema sarebbe stato un modo per prendersi cura di un’enorme categoria di “esclusi”.
    Lo tenga presente l’On.le Masini. E’ un argomento in più da tener presente.

  4. Bravo consigliere Masini, finalmente qualcuno che prende a cuore questo piccolo grande problema sociale, anzi di sussidiarietà, un bellissimo principio.
    Ma un grande bravo anche al nostro vignaclarablog che dimostra sempre più di saper trattare i grandi temi con l’approccio giusto, molto più di quanto fanno le altre testate sia locali che nazionali. Quale onore essere stati portati all’attenzione di un sottosegretario ! complimenti ! Masini, non ci molli e ci tenga informati.
    Clara

  5. Quello di cui parla Ilaria è un problema che a mio parere dovrebbe rientrare nelle competenze del Ministero delle Pari Opportunità. Una mia cara amica che ha speso le sue ultime forze per aiutare questa bellissima idea nella quale credeva moltissimo, aveva scritto al Capo Dipartimento di quel Ministero sostenendo che chi non può muoversi liberamente con i propri mezzi, anche senza essere necessariamente immobilizzata o in una situazione di ridotta mobilità, versa in una sostanziale condizione di discriminazione, (lei la chiamava “mobilità negata”) per eliminare la quale un’iniziativa come Andante con..bus poteva portare un utile, prezioso contributo. Si trattava in realtà di una rivoluzionaria forma di trasporto on-demand di cui ancora nessuno ha mai sentito parlare ma che un Ministero proposto al problema delle pari opportunità avrebbe dovuto inserire almeno tra i progetti da prendere in considerazione. A quanto mi risulta purtroppo non è mai arrivata alcuna risposta. Annoto, en passant, che il Direttore Generale di cui parlo è la Prof.ssa Isabella Rauti in Alemanno. Spero vivamente che trovi il tempo di occuparsi di questo argomento, almeno ora che sta diventando di dominio pubblico.
    Cordiali saluti a tutti
    Lucia

  6. Illustre Sottosegretario Giro,
    lo scorso 12 maggio ho scritto alla Sua segreteria pregando di sottoporre alla Sua attenzione Andante con..bus, un’iniziativa che, come sono ormai in molti a ritenere, potrebbe rivelarsi ( o meglio, avrebbe potuto rivelarsi) la soluzione ideale per il problema della mobilità per il tempo libero.

    Come forse gia’ sa, Lei è stata chiamata in causa da una ribalta molto seguita nella zona di Roma Nord.
    Parlo del quotidiano on-line Vignaclarablog.it nel cui spazio di discussione, dopo l’articolo del Consigliere comunale Paolo Masini pubblicato appena ieri sera, sono già apparsi numerosi commenti che dimostrano quanto sentito sia il problema della mobilità connessa al godimento degli spettacoli che la Città offre ai suoi cittadini.
    Non a tutti, mi permetto di sottolineare, ma soltanto a chi può permetterselo.
    Non tanto per capacità economica (anche questo un argomento da discutere) ma, come ha detto acutamente qualcuno, a causa della “mobilità negata”. Quale sia questa categoria lascio alla Sua sensibilità valutare.
    Poiché si tratta di attività resa in parte possibile grazie ai contributi pubblico, come è lecito ritenere, stando alla vibrate proteste per la minaccia di tagli, messe in scena quasi quotidianamente dalla gente di teatro, e sempre amplificate dai giornali, che invece ignorano deliberatamente le nostre opposte considerazioni, ritengo che da parte del Suo Ministero dovrebbe venire almeno una risposta a chi chiede come mai i teatri abbiano lasciato cadere un’opportunità preziosa per i cittadini ma, in definitiva, vitale per loro stessi.
    Spero di leggere presto un Suo commento in risposta a quanto ha dichiarato l’On.le Masini e, se non le ritiene peregrine, alle mie considerazioni. Queste e quelle contenute nella mail del 12 maggio scorso che, ad ogni buon conto, Le invio nuovamente.
    Distinti ossequi
    Vincenzo Bravi

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome