Home ATTUALITÀ XX Municipio – Antonini (CPI) sul caso Cerquetta dice “Alemanno come e...

XX Municipio – Antonini (CPI) sul caso Cerquetta dice “Alemanno come e peggio di Veltroni”

“Alemanno? Come e peggio di Veltroni”. Il confronto lo fa Andrea Antonini, consigliere del XX Municipio e coordinatore regionale di Casapound Italia, che al sindaco di Roma contesta la decisione di aver trasferito a La Cerquetta, sulla Cassia (leggi qui), un centinaio di ex occupanti del Regina Elena. Secondo Antonini infatti, “Alemanno, a due anni dalla sua elezione a sindaco di Roma, una carica a cui e’ arrivato spinto dall’urgenza della richiesta di cambiamento che proveniva dai cittadini della Capitale, non ha fatto assolutamente niente sul fronte dell’emergenza abitativa, se non continuare, sulla scia del suo predecessore, a portare avanti quella politica dei ‘residence’ che non fa altro che arricchire i costruttori, ostinandosi in un atteggiamento di favore, se non di sudditanza, nei confronti dei soliti noti di Action e del consigliere comunale Andrea Alzetta”.

”La questione del Regina Elena da questo punto di vista e’ eloquente – sottolinea Antonini – Senza nemmeno ascoltare cosa il Municipio XX avesse da dire in merito, il sindaco ha deciso di trasferire le famiglie, in gran parte straniere, sgomberate dopo un’occupazione durata poco piu’ di un anno, in un residence di proprieta’ di Armellini, presumibilmente, peraltro, dietro pagamento di un congruo canone. Una soluzione certamente dispendiosa, che per sua natura non solo non risolve un problema strutturale della citta’, ma non fa che creare ulteriori situazioni di degrado e pericolo sociale, come e’ gia’ avvenuto in tutti i quartieri della Capitale dove sono state create strutture analoghe”.

”Una situazione cosi’ paradossale che e’ stata stigmatizzata anche dai consiglieri del Pd del XX Municipio, che appena due anni fa erano schierati con la politica filo-Action di Veltroni e non si scandalizzavano nemmeno quando all’organizzazione di Alzetta venivano assegnati incarichi istituzionali come la gestione dello sportello casa, e che oggi, forti di quell’ipocrisia massima che li contraddistingue, prendono posizione – conclude Antonini – contro il trasferimento nel nostro quartiere delle famiglie sgomberate”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome