Home ARTE E CULTURA “La mia storia, la mia estate” di Lucia Favoccia

“La mia storia, la mia estate” di Lucia Favoccia

Per la nostra rubrica cibo per la mente oggi parliamo di Lucia Favoccia. 50 anni, nata e sempre vissuta a Prima Porta, ha lavorato nel settore della cosmesi. Poi un bel giorno l’ispirazione, prende carta e penna e pensa di scrivere un libro in cui raccontare il suo vissuto, fatto di esperienze comuni a tante donne, esperienze spesso mai denunciate.  Alla Albatros Edizioni il suo manoscritto piace, viene pubblicato col titolo “La mia storia, la mia estate”  e riscuote successo.

Dalla prefazione del libro, redatta dall’editore, ne apprendiamo la sintesi: “La maturità di una donna provata in tanto dolore, stagione dopo stagione, estate dopo estate. Un matrimonio naufragato prima, un amante paranoico poi, infine un falso amico, il più cattivo, il più violento: il tempo è come scandito dall’alternarsi di luciafavoccia.JPGmeschini senza vergogna che manovrano la vita di Lucia logorandola, piombandola in un estenuante e crudele destino. Ma in questo gioco macabro ella non perde mai la speranza: è il suo sole a darle forza, è da lui che attinge la luce, l’energia, l’intramontabile vitalità. Come un girasole Lucia ruota attorno alla sua stella e stagione dopo stagione, estate dopo estate, l’incubo si rischiara in un’alba nuova.”.
“Pagine coraggiose, sofferte, bagnate di lacrime, quelle vergate dall’esordiente Favoccia – dice ancora l’editore – pagine intrise di coraggio, scritte a cuore aperto, dirette, immediate. Pagine specchio di tante storie silenziose, che troveranno sostegno e sollievo nel vissuto ivi racchiuso.”

Un libro è cibo per la mente. Se non sapete cosa donare a voi stessi o ad un amico, regalate cibo per la mente: è un sano nutrimento.  (red.) 

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Un libro pieno di coraggio,
    il coraggio di una gran donna che ha lottato, ed è riuscita a voltare pagina!
    Prendiamo esempio!
    Grazie per l’emozione che mi hai trasmesso.
    Brava,brava,brava.
    Sabrina

  2. Brava,
    voltare pagina è una delle cose più difficili,
    ma tu ovviamente hai saputo farlo nel modo migliore.
    Grazie per le belle emozioni che regali in questo libro.
    Sabrina

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome