Home ATTUALITÀ Campidoglio – sospesa la licenza per 3 mesi al tassista disonesto

Campidoglio – sospesa la licenza per 3 mesi al tassista disonesto

taxi.jpgRaddoppiare indebitamente la tariffa, da 51 a 102 euro per il tragitto Ciampino-Ospedale S.Andrea, è costato parecchio al tassista disonesto che qualche giorno fa si è approfittato della buona fede e della fretta di due clienti. Il sindaco gli ha sospeso la licenza per tre mesi.

Il fatto. Tutto è accaduto lo scorso martedì 16 febbraio quando, giunti all’Ospedale S.Andrea di via Grottarossa provenienti dall’aereoporto di Ciampino, i due clienti si sono visti chiedere 102 euro anziché 51 come indicato dal tassametro. Chieste spiegazioni si sono sentiti dire che la tariffa raddoppia “quando l’arrivo è fuori le mura di Roma”. Andavano di fretta e senza discutere hanno pagato. Ma al loro ritorno a Ciampino si sono rivolti alla Polizia ed hanno scoperto di essere stati truffati. Sono scattate le ricerche ed il tassista romano, di 61 anni, è stato rintracciato e denunciato per truffa.

La sospensione della licenza. E mentre la denuncia per truffa prosegue il suo corso nel frattempo è giunta la meritata punizione da parte del Sindaco Alemanno che, d’accordo con l’assessore alla Mobilità, Sergio Marchi, ha firmato un’ordinanza con la sospensione della licenza per tre mesi. “Questo provvedimento è dovuto alla gravità del comportamento di questo conducente. La categoria dei tassisti – sottolinea Alemanno – è formata nella sua quasi totalità da persone oneste e con grandi professionalità. Non possiamo accettare che l’immagine di Roma e anche quella dei tassisti siano danneggiate da chi pensa di poter fare il furbo. Auspico che la durezza di questa ordinanza possa costituire, per quei pochi truffatori che credono di potersi arricchire con questi mezzucci, un monito chiaro che questa Amministrazione non tollererà abusi o truffe di sorta”

Cosa dirà il Codacons? Carlo Rienzi, presidente Codacons, la più agguerrita e nota associazione a tutela dei consumatori, aveva infatti tuonato “il tassista deve essere punito con il ritiro definitivo della licenza” suggerendo al Campidoglio di attivare continui controlli sulla categoria “utilizzando finti turisti che registrino variazioni anomale del tassametro o aumenti ingiustificati delle tariffe”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome