Home ATTUALITÀ Cassia – una domenica di furti, risse, aggressioni: tre arrestati

Cassia – una domenica di furti, risse, aggressioni: tre arrestati

cella.jpgE’ stata una domenica sera impegnativa quella di ieri, 27 dicembre, per le forze dell’ordine in servizio di prevenzione e controllo del territorio sulla Via Cassia. Furti, aggressioni agli agenti, risse, tre arresti ed una denuncia a carico di un minorenne: questo il consuntivo della serata registrato da Polizia e Carabinieri.

All’altezza di Via Due Ponti, gli agenti della Questura di Roma hanno arrestato un 18enne romano, responsabile di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il tutto è accaduto dopo che i poliziotti, transitando in Via Cassia, avevano notato un ciclomotore con due persone a bordo procedere con i fari spenti. All’intimazione di accostare i due hanno aumentato la velocita’ cercando di fuggire. Ma l’asfalto bagnato li ha traditi: caduti dallo scooter i due hanno continuato la fuga a piedi. Ne è nato un inseguimento al termine del quale uno degli agenti e’ riuscito a bloccare il passeggero del ciclomotore, mentre l’altro agente ha inseguito il conducente che una volta raggiunto gli si e’ scagliato contro procurandogli lesioni giudicate guaribili in 7 giorni. In commissariato i due hanno confessato di aver rubato il ciclomotore qualche giorno prima. Il primo, minorenne, e’ stato denunciato per concorso in furto di ciclomotore e successivamente affidato alla madre; il secondo e’ stato arrestato per concorso in furto e per violenza, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

All’altezza di Tomba di Nerone due sudamericani invece sono stati arrestati dai carabinieri della locale stazione intervenuti sul posto dopo una chiamata al 112. Era in corso una rissa ma al loro arrivo alcuni dei rissanti si sono dileguati, altri invece hanno aggredito i carabinieri che, dopo una breve colluttazione, sono riusciti a bloccarli. Gli arrestati sono un pregiudicato dell’Ecuador di 35 anni e un incensurato peruviano di 28 anni. Ancora da chiarire i motivi, presumibilmente futili, che hanno scatenato la rissa. Nella colluttazione i due carabinieri hanno riportato lievi lesioni, sono stati medicati all’ospedale ”San Pietro” e giudicati guaribili in 5 giorni. I due arrestati, che dovranno rispondere all’autorita’ giudiziaria di rissa e resistenza a pubblico ufficiale in concorso, sono stati trasferiti nel carcere di Regina Coeli.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome