Home AMBIENTE Un’opportunità per gli under 31 romani: la vendemmia in Australia

Un’opportunità per gli under 31 romani: la vendemmia in Australia

vendemmia.jpgE’ tempo di programmare la partenza per fare la vendemmia in Australia. E’ questo l’invito dei giovani di Confagricoltura rivolto a chi conosce l’inglese, vuole migliorare la propria conoscenza nel mondo del vino e non ha compiuto 31 anni. Il progetto permette un tirocinio – da tre mesi ad un anno – retribuito da 12 a 20 dollari australiani l’ora: si tratta di un’esperienza a costo zero, “un vero e proprio investimento sul proprio futuro professionale” a parere di Marco Saraceno, presidente Anga. “Più di cento giovani viticoltori ed enologi hanno finora usufruito del nostro programma – sottolinea Saraceno – un’occasione da non perdere per i 30 giovani che sceglieranno di approfondire le proprie conoscenze in questo settore con uno stage in Australia”.

 Attenzione: le iscrizioni si chiudono in dicembre e la vendemmia inizia in alcune zone già da metà gennaio in altre a febbraio o marzo.Per partecipare è richiesta un’esperienza certificata nel settore, la buona conoscenza dell’inglese ed aver partecipato ad almeno una vendemmia. Per partire si può utilizzare il visto vacanza lavoro, che permette di unire tre mesi di lavoro vitivinicolo al turismo ed eventuali altri lavori, oppure un altro tipo di visto che permette la full immersion nel mondo del vino australiano, fino ad un anno.

 Quanto costa partire in stage? Circa 1800 $ australiani, ai quali vanno aggiunte l’assicurazione medica, l’iscrizione e il viaggio. Le spese comprendono il seminario di orientamento in cui verrà presentata l’Australia e, in particolare, l’industria vitivinicola del paese (Melbourne o Adelaide secondo il programma prescelto, dove si aprirà un conto corrente e si otterrà il proprio numero di contribuente: le tasse variano secondo il tipo di visto d’ingresso).

 Durante lo stage, oltre che sul campo, è possibile fare l’operatore di cantina (cellarhand), l’assistente di laboratorio, o svolgere entrambe mansioni. Il vino in Australia, rosso o bianco che sia, è comunque un prodotto veramente “high Tech”: in cantina e in laboratorio l’impressione è quella di una “fabbrica” di vino: tutto perfetto, 24 ore su 24. Tante le Regioni dell’Australia dove svolgere il tirocinio: da Barossa Valley a North Tasmania, da Riverina a Limestone Coast. Il regime di lavoro, durante la vendemmia, è certamente impegnativo: anche 10 ore al giorno per sei giorni. Le tecniche enologiche australiane sono molto diverse dalle nostre a partire dal marketing – bottiglie di vino, non storia e tradizioni – alla cultura del lavoro. (fonte IrisPress.it)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome