Home ATTUALITÀ Caro Umberto Bossi, si ‘na cosa nun te piace mejo cambià aria

    Caro Umberto Bossi, si ‘na cosa nun te piace mejo cambià aria

    Caro Umberto Bossi, te stamo a chiede ‘na cortesia in romanesco, a te che te piaceno tanto li dialetti.
    Noi semo d’accordo che a te ‘sto Paese che se chiama Italia nun te sconfinfera, tante vorte nun piace nemmanco a noi. Ma te chiedemo de facce ‘na cortesia, nun lo ripete ogni tre per due, che veramente ce li stai a fa a peperini.
    Nun te piace l’inno, vabbè, Mameli è sorpassato, ma nun insiste cor va pensiero, che lo conosci a malapena te e nun rispecchia er valore de sta patria nazione. L’hai detto ‘na vorta, abbasta e avanza. Nun te piace manco er Tricolore, vabbè, questo passa er convento, mo’ nun poi arivà te da lassù e dicce che è “antico”.
    Noi speramo che li consiji nun te li dia Renzo “er Trota”, che quer regazzino ciavrebbe bisogno de un tutor a parte, detto in confidenza fra noi che amamo er dialetto. A me mi padre si m’avessero bocciato tre vorte alla maturità m’avrebbe dato du sganassoni e m’avrebbe detto “va a lavorà”. Ma i tempi sò cambiati, oggi si dài un buffetto a un fijo rischi de esse convocato da quelli der telefono azzuro, quindi un pò te capimo pure.
    A noi ce dispiace che l’Italia nun te piace, caro senatore nostro. Però, fatte consijà n’attimo. Si noi gente normale annamo ar cinema e er film nun ce gusta, lasciamo la sala. Si ‘na spiaggia nun ce piace perchè è sporca, cambiamo aria. E arzamo i tacchi pure quanno ‘stamo a na festa e se sentimo de troppo.
    Capita l’antifona?
    Massimiliano Morelli

     precedenti articoli correlati
    Roma ladrona, fra un me ne frego e un ce l’ho duro

    Visita la nostra pagina di Facebook

    5 COMMENTI

    1. Seeeeee ,,,,, bona notte !!!! Ecchè er Bossi vorrebbe fare con ‘sta Italia poverella ?
      Unisci, dividi, attacca e stacca, come dice pure la barzelletta di quello ci aveva tre palle e che annava dar dottore ppe fassene toglie una e poi ci aripenzava e s’arifardiva, e er dottore je dice con voce grave “essì, attacca e stacca, e mica se ppò ffà!”.

      E infatti, non sono stati proprio i settentrionali che l’hanno fatta così all’Italia? Ma avete mai scorso la lista dei Mille di Garibaldi ? Erano tutti polentoni, mica ci era dentro un romano o un napoletano, e che però ci avevano raggione ad andare a libberare gli italiani del meridione dai tiranni borbonici e papalini, essì che era una azione di grande valore etico e morale, mica come oggigiorno che se c’è un barcone in mare pieno de disgraziati, i comannanti delle navi e de li pescherecci se girano dall’altra parte ppè ffa finta de gnente ,,,,

      Comunque a ripenzarce, m’è venuto uno scrupolo: non è che magari ci abbiamo già una quinta colonna der Bossi al Campidoglio ? Ma me ricordo male oppure con spirito leghista e revisionista er nostro sinnaco Alemanno l’anno scorso in settembre è annato a Porta Pia a mettere una corona per ricordare i gendarmi papalini morti per difendere er Ghetto dove Papa Pio IX ci aveva ficcato dentro tutti li giudei ?

      Povero Garibaldi e poveri tutti quei ragazzi polentoni e romani che nel 1849 avevano portato il tricolore a Roma, abolito la pena di morte, dato il voto a tutti, uomini e donne e per i quali Mameli aveva scritto scritto il suo inno e poi ci è morto,,,

      So passati 160 dalla Repubblica Romana di Garibaldi, Mazzini e Armellini e a noi ce tocca avè a che ffà co ‘sti nani che non sanno niente di storia, e non ppe caso ci hanno i fiji ignoranti che non riescono a passare l’esame di maturità oppure dato che non ci hanno altro da ffà, vanno a sputà sentenze a Porta Pia…

      Annamose in vacanza che è mejo sennò s’avvelenamo er core ,,,,

    2. Ma il fatto che io capisco il tuo dialetto grazie alla TV ed al cinema e tu non conosci (forse) neppure una parola in milanese (torinese, veneto ecc) non è che il cinema (di una volta) e la TV (ora) siano romano-centrici?

    3. Ma che ne so io,,, emmica sono accurturato ….

      secondo me, tu in una altra vita eri compare di Ciceruacchio, ecco perchè capisci il romanesco. Beh, potrebbe esse, no ?

      però, aripenzandoce, mi sa tanto che ci hai raggione. Nun sarà colpa di Alberto Sordi, Gigi Proietti, Carlo Verdone e Christian De Sica se fanno ride più di comici della bergamasca o de Belluno e li vedemo spesso alla televisione?

      Chissà che share di ascolto ci avrebbe una fiction fatta in un villaggio della Valtellina o dell’Aspromonte …

      Lo so che non è politically correct, ma poi il romanesco lo capischeno tutti, è un dialetto aperto, solare, simpatico. Ma a parte a Bossi, a chi non piacerebbe avere una anima romanesca e avere quella filosofia che te guarda da 2000 anni di storie e misfatti e te dice: che ci hai da guardà? eppoi, per parlà i dialetti delle valli del norde ti devi fare fare passare il ferro da stiro bollente sulle labbra e ffà venì la boccuccia a culo de gallina sennò li suoni giusti nun te vengheno,,,

      no…. lassa stà, senti a me, nun è una questione de complotto o di occupazione militare dei comunisti a Via Teulada, er romanesco se parla dde ppiù perchè più semplice e facile, è come l’inglese, du frasi, du fregnacce e te fai capì anche con l’accento sbajato, ma tu penza invece a provà a parlà er cinese: ci hai mai provato?

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome