Home ATTUALITÀ Da oggi cani tutti al guinzaglio, ma non solo…

Da oggi cani tutti al guinzaglio, ma non solo…

godot3.JPGAvvenuta la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, da oggi, 25 Marzo 2009, entra in vigore l’ordinanza del Ministero della Salute per la “tutela dell’incolumita’ pubblica dall’aggressione dei cani“. Eliminata l’inutile black list che catalogava anche razze di cani semi sconosciute senza avere alcun fondamento scientifico, la nuova ordinanza pone l’accento sul rapporto uomo-animale ed introduce la distinzione di responsabilita’ fra il proprietario del cane e chi lo detiene momentaneamente.  Queste le principali novita’ del provvedimento.

Cani tutti al guinzaglio. Da oggi, nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico – fatte salve le aree per cani individuate dai comuni – i proprietari avranno l’obbligo di tenere i cani legati con un guinzaglio lungo al massimo 1,5 metri. Scatta anche l’obbligo di avere con sé una museruola (rigida o morbida) da applicare in caso di potenziale pericolo.

Obbligo della raccolta delle feci. E’ fatto obbligo a chiunque conduca il cane in ambito urbano raccoglierne le feci e avere con se’ strumenti idonei alla raccolta delle stesse.

responsabilita’ civile e penale dei proprietari. Ai fini della prevenzione del rischio di aggressione da parte di cani è stato attribuito un ruolo fondamentale alla responsabilità dei proprietari.Il proprietario di un cane, infatti, è sempre responsabile del benessere e del controllo del proprio animale, pertanto risponde sia civilmente, che penalmente dei danni o lesioni che questi arreca a persone, animali o cose.

Percorsi formativi per i proprietari di cani.  Per favorire la formazione e l’acquisizione di adeguate cognizioni sulla corretta detenzione di un cane e ai fini della prevenzione di danni o lesioni ad altri, i comuni congiuntamente con i servizi veterinari delle ASL e delle associazioni di protezione degli animali, devono mettere a disposizione dei percorsi formativi per i proprietari di cani. tali percorsi formativi, con rilascio di specifica attestazione denominata patentino divengono obbligatori per i proprietari di “cani impegnativi” identificati a livello territoriale.

Registro dei cani impegnativi a cura delle ASL. I servizi veterinari delle ASL, nel caso in cui rilevino un rischio, stabiliscono le misure di prevenzione e la necessità di eventuali interventi terapeutici comportamentali cui devono essere sottoposti i “cani impegnativi” e tengono un registro aggiornato di tali soggetti.

Assicurazione obbligatoria per cani iscritti nel registro. I proprietari dei cani iscritti nel registro devono obbligatoriamente stipulare una polizza di assicurazione di responsabilità civile e applicare contestualmente guinzaglio e museruola al proprio animale quando si trovano in aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico.

(Red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome