Home ATTUALITÀ XX Municipio – un ospite non gradito: l’innovazione

XX Municipio – un ospite non gradito: l’innovazione

davanti-al-pc.jpgIl Consiglio del XX Municipio, nella seduta di venerdì 31 ottobre, ha respinto a maggioranza una proposta di risoluzione che chiedeva di trasmettere le sedute di consiglio in diretta web sul sito istituzionale del Municipio.  L’innovazione, è forse un ospite non gradito nella nostra casa municipale ?

Presentata dal Consigliere Andrea Antonini, presidente della Commissione Trasparenza, la proposta, appoggiata dalle altre componenti dell’opposizione, voleva venire incontro alle esigenze dei tanti cittadini che vorrebbero prendere parte attiva alle sedute di Consiglio ma che non possono, per la distanza ma soprattutto per gli orari. Visto che le stesse si tengono di mattina, in orario lavorativo, e che per carenza di personale non è possibile effettuarle in orario serale, perché – ha proposto il consigliere Antonini – non ricorrere alla tecnologia trasmettendole in diretta via web ed emulando quanto già fatto dall’amministrazione capitolina ?  (NdR: da gennaio 2008 è attivo il servizio “Consiglio in linea” che consente di seguire in diretta l’attività del Consiglio Comunale di Roma e di accedere all’archivio delle sedute d’Aula per rivedere e riascoltare in differita le registrazioni audio/video).

Ma la maggioranza ha respinto la proposta motivando il voto contrario col fatto che non erano noti gli impatti economici della stessa sulle casse del Municipio. Sarà pur vero ma, vista la tanta attualità del tema e prima di mettere la proposta nell’agenda dei lavori, non si poteva fare una rapida indagine di mercato ? Volere è potere. Volendolo dunque, avrebbero scoperto che con un investimento una-tantum di non oltre 5mila euro il progetto sarebbe stato realizzabile. Forse anche meno, molto meno chiedendo al Campidoglio di poter utilizzare la tecnologia ed il software già in uso presso il Consiglio Comunale. E così non sarebbe stato possibile frapporre l’ostacolo economico.

Per inciso, vogliamo poi ricordare che se il Municipio l’avesse voluto, il servizio sarebbe già attivo da mesi a costo zero. Il 5 Febbraio 2008 Vejo.it e streaming.jpgVignaClaraBlog.it scrissero infatti al Consiglio Municipale per segnalare la loro piena disponibilità ad implementare in team, a titolo puramente gratuito, un servizio di pubblico interesse consistente nel mandare in onda via internet, con modalità podcasting, le riprese audio e video delle sedute del Consiglio Municipale (leggi VignaClaraBlog del 19.2.08). Ma l’offerta non venne presa in considerazione, si era in periodo pre-elettorale, altri erano gli interessi, la stessa cadde nel dimenticatoio ed ormai  anche i proponenti la considerano decaduta.

Ma torniamo alla proposta di risoluzione in argomento che se fosse stata approvata, sulla scia di quanto già in atto presso diverse amministrazioni pubbliche centrali e locali, sarebbe stato un bel segnale di volontà di rinnovamento nel XX Municipio.
In campagna elettorale tutti i candidati a consigliere od a presidente del municipio hanno cavalcato il tema della trasparenza e dell’innovazione come fosse un indomabile destriero: non sarebbe stato dunque un bel gesto di coerenza politica approvare oggi questa proposta ? Ma tant’è, capita anche al migliore  destriero di diventare presto un ronzino

Visita la nostra pagina di Facebook

24 COMMENTI

  1. I’ll write in italian, so that everyone may understand me, even if I know frieds of mine will like me to write you in our mother tongue! Siete una tv ? in quale canale ? siete una news agency? dove vi troviamo? solo su questo blog?

  2. Una proposta per i curatori di VCB: Sono disponibile “agratis” a riprende in esclusiva le sedute del consiglio da trasmettere sul Vostro BLOG. Si potrebbe chiamare OPERAZIONE TRASPARENZA “FIATO SUL COLLO” ovvero riprendi e pubblica il tuo consiglio comunale. Che ne pensate ? Che ne pensa VICTOR-VICTORIA ?
    Cordialità.
    G.M.T.

  3. Purtroppo presidenti dei municipi, sindaci, assessori e consiglieri sono abituati a gestire il Comune o il MUNICIPIO come se fosse “Cosa Loro” . Non si confrontano con gli elettori che li hanno votati e che non possono essere informati e non possono protestare. Appoggio indiscutibilmente la proposta di Giovanni Maria Tamponi a filmare il NOSTRO consiglio municipale “PUBBLICO”.
    Pamela

  4. Pamela, la invitiamo a riflettere: c’è municipio e municipio, c’è consigliere e consigliere. Ci spiace contraddirla ma non è vero che nessuno consigliere del XX municipio si confronti con gli eletti. A parte gli altri mezzi, sono diversi quelli che usano interagire con i cittadini tramite VCB, Vejo.it o i loro blog personali. Sono poi numerosi, ne sia certa, quelli che, pur confrontandosi meno, comunque ogni giorno leggono, prendono nota delle segnalazioni e si danno da fare. Ne abbiamo prova.

    GMT, attenzione, ci teniamo a chiarire che Vejo.it e VCB si erano resi disponibili a rendere un servizio di pubblica utilità a favore della comunità ma non a sfavore della politica, tutt’altro.Sinceramente dunque: l’approccio fiato sul collo non rappresenta esattamente i nostri intenti..

    Buona giornata
    VignaClaraBlog

  5. Credo di essere stata fraintesa anche perchè nel mio commento ho generalizzato il malcostume che imperversa nei municipi e nei comuni. Pensavo che l’idea di riprendere insieme a GMT le sedute del consiglio poteva essere un buon inizio d’innovazione anche per lo stesso BLOG. Proveremo a contattare i MEET-UP di GRILLO a Roma che sono favorevoli alle nostre iniziative. Grazie lo stesso e buona giornata !
    Pamela

    Vi ricordo l’aforisma di Ralph Waldo Emerson che disse:
    « Una stupida coerenza è l’ossessione di piccole menti, adorata da piccoli uomini politici e filosofi e teologi. Con la coerenza una grande anima non ha, semplicemente, nulla a che fare. Tanto varrebbe che si occupasse della sua ombra sul muro. Dite quello che pensate ora con parole dure, e dite domani quello che il domani penserà con parole altrettanto dure, per quanto ciò possa essere in contraddizione con qualunque cosa abbiate detto oggi. »

  6. alla redazione
    io penso che la trasparenza della pubblica amministrazione sia cosa diversa dal rapporto personale di un consigliere con i cittadini.
    Se sul sito del Minicipio fossero pubblicati di volta in volta gli argomenti di cui si stanno occupando le varie commissioni, e le soluzioni da loro proposte al Consiglio, il cittadino potrebbe, in maniera più democratica, partecipare alle attività del Municipio.
    Mi sembra che sul sito invece di dare più informazioni, come promesso in campagna elettorale, se ne diano sempre di meno , ad esempio, rendendo difficile addirittura trovare le e-mail dei consiglieri.
    un cordiale saluto

  7. In un intervento in aula della consigliera Casasanta – neo portavoce del presidente Giacomini – veniva addotta, quale ragione della bocciatura, la mancanza di fondi.

    Come giustamente stigmatizzato dalla Redazione, si tratta di un provvedimento assai poco costoso – al limite gratuito – e per il quale, ove vi fosse la volontà, si sarebbe potuto utilizzare la stessa “piattaforma” utilizzata dal Consiglio Comunale.

    Forse, se le esigue casse del Municipio fossero utilizzate non solo per fornire prebende ad associazioni di cui gli stessi consiglieri risultano soci fondatori – non sarà per questo che non si vuole il Pubblico Registro degli Interessi? – si reperirebbero più facilmente le risorse.

    Appare quantomeno inquitante il fatto che la stessa consigliera, il cui nome – suo o di suoi parenti – ricorre spesso tra società o associazioni che si aggiudicano servizi o progetti, venga a farci “pistolotti” sulla mancanza di fondi.

    Andrea Antonini
    Presidente Commissione Trasparenza
    366.3332371
    andrea.antonini@hotmail.it

  8. Mi sembrava un buon servizio nella precedente consigliatura la pubblicazione sul sito del XX Municipio dei recapiti dei consiglierei.

    Un’iniziativa credo da recuperare.

    La seduta del Consiglio in diretta o differita ina via è una’idea interessante. Sui costi non saprei cosa dire ma forse ci potrebbe essere un problema concreto di fruizione e utilità. Quanti cittadini sul totale dei residenti in XX saranno realmente nteressati al servizio e avranno tempo e possibilità di seguire tutte le sedute?

    Forse qulacuno conosce i dati sulla diretta in aula del Consiglio Comunale di Roma e Regionale del Lazio? Sarebbe interessante e utile verificare la reale fruizione dei servizi da aperte dei cittadini, togliendo però politici, dipendenti dele istituzioni o giornalisti “costretti” a seguire le dirette.

    Angela

    Egregio Consigliere Antonini,
    gli attacchi personali e a mezzo blog non mi sembrano un gran bell’esempio di stil di fare politica. E’ uno stile che poco rispettoso della responsabilità di rappresentante della cosa pubblica che un politico assume. Mi scusi la franchezza ma il tono del suo ultimo commento mi pare eccessivo e irriguardoso. Poco conforme con il ruolo di Presidente della Commissione trasparenza che lei ricopre.
    Cordiali saluti.

    Angela

  9. Spett.le Sig.ra Angela,
    io credo invece che debba sollevarsi questo perenne velo di ipocrisia per il quale “si dice sempre il peccato e mai il peccatore”.
    In questo momento siamo di fronte a consiglieri che, in materia di trasparenza e partecipazione civica, rappresentano quanto di peggio “la politica” (anche se, secondo me, loro con la politica hanno molto poco a che fare) possa offrire.
    Parliamo di gente che ha “fatto le barricate” contro il Consiglio dei Giovani, ha preso posizione contro le dirette web, osteggia il pubblico registro degli interessi.
    Ed è normale che ciò avvenga proprio da coloro i quali non sono esattamente esempio di trasparenza e da coloro che vedono male qualunque soggetto “terzo” in grado, per ruolo, di esprimere parere sui propri “progettini” (vedi piano regolatore sociale).
    Al Presidente della Commissione trasparenza il compito di verificare la correttezza amministrativa deglia atti; al consigliere Antonini quello di segnalare l’opportunità politica di alcuni avvenimenti
    cordialmente

  10. Prendiamo atto dell’ulteriore commento del Cons.Antonini fermo restando che invitiamo lui, come chiunque altro, ad evitare di trasformare questo strumento in un palco dal quale lanciare attacchi personali.

    Se le accuse mosse sono documentate allora sono fatti, fatti concreti dei quali forse diventa giusto parlarne anche qui, altrimenti restano solo accuse e crediamo che vi siano altri luoghi migliori da dove lanciarle.

    Grazie. Buona giornata
    VignaClaraBlog

  11. E’ gravissima l’affermazione di Antonini. Non capisco perchè il Presidente della Commissione Trasparenza non ha denunciato la Casasanta (portavoce del Presidente) alla Corte dei Conti o nella peggiore delle ipotesi Giacomini non ne ha chiesto le dimissioni. Grazie dell’attenzione.

    Genovesi

  12. Vorrei ricordare al Consigliere Antonini
    – 1) non mi risulta che il presidente Giacomini abbia necessità di un portavoce , e la sottoscritta non si è mai dichiarata tale ( pur condividendo pienamente l’attività della Presidenza Giacomini, come spero sia per gran parte della maggioranza )
    -“2) che , tutti gli atti ufficiali ed istituzionali prodotti dal Municipio , quali risoluzioni , delibere , etc.. sono già pubblicate sul sito , e che anzi la sottoscritta nell’ambito del suo intervento ha richiesto di poter arricchire l’informazione creando anche un apposita sezione per i lavori delle commissioni )
    – 3) che la proposta di risoluzione è stata votata in modo unanime da tutti i membri del PDL presenti !
    – 4) che probabilmente se il Consigliere Antonini non fosse stato assente , avrebbe potuto illustrare ai consiglieri ciò che dichiara sul blog, esattamente come accade quando un consigliere vuole arrivare ad un risultato positivo .
    -5) in merito alle allusioni sulle Associazioni , la sottoscritta ha lavorato nel mondo dell’Associazionismo , come moltissimi altri consiglieri, a titolo gratuito e mai nel ruolo da presidente . Associazioni che lavoravano marginalmente per il Municipio come per la Provincia o Regione . A differenza di altri però , la sottoscritta si è dimessa già da anni , e per la precisazione già dal 2004 .
    Evidentemente , a Lei , Cons. Antonini mancano gli Aggiornamenti !
    Comunque, polemiche a parte , non Le sembra di essere un pò troppo ossessionato da me ?
    voglio consolarla, la mia presenza in consiglio ha un importanza pari a quella di tutti gli altri consiglieri e come Lei saprà le risoluzioni vengono accettate o respinte a maggioranza .
    Forse farebbe bene, ad essere più presente in aula, ad argomentare meglio le sue proposte ( soprattutto nelle premesse) a dare meno spazio alle polemiche ed alla propaganda. Ed un ultima considerazione: a differenza di Lei , io non sono abituata a portare avanti ” tentativi di linciaggio politico” e certamente , mi creda , se volessi potrei farlo nei confronti di molti , lei compreso .
    Distinti Saluti
    Clarissa Casasanta

  13. signora Casasanta, mi consenta di dissentire su un punto. Lei dice che tutti tutti gli atti ufficiali ed istituzionali prodotti dal Municipio sono già pubblicati sul sito: dove scusi, me lo può indicare ? Non vorrei essermi perso qualcosa perchè sono anni che lo attendiamo ma a parte le vostre risoluzioni, di “atti ufficiali ed istituzionali” non ne vedo neanche uno. Forse sbaglio sito ? me lo dica per favore.
    Per quanto riguarda tutto il resto del suo intervento, fate vobis.
    Tanti saluti. Roberto

  14. @Antonini @Casasanta

    Santi politici, santi numi, santi avvocati, santo popolo… ma quale virus ha colpito le vostre menti?gli attacchi personali e a mezzo blog non mi sembrano un gran bell’esempio di stile di fare politica. credo che questo blog sia stato istituito per sollecitarci a riflettere e a discutere e confrontarci su temi politici e sociali , non lo banalizzate con sterili ,fastidiosi e antipatici battibecchi.. Che ne dite?

  15. sono d’accordo con Francesca ed è per questo che vorrei toccare l’argomento in oggetto da un altro punto di vista. Leggo che spesso nel consiglio del municipio si discutono e si si dibattono, si approvano o si respingono documenti dagli argomenti più vari, dalla pace nel mondo alla stradina di campagna da asfaltare. Ora, credo nessuno possa smentirmi se dico che nessuno a questo mondo, nostri consiglieri compresi, nasce con la scienza infusa e quindi mi chiedo: con quale competenza vengono affrontati certi argomenti ? Io sono un’informatica di professione e posso garantirvi che il progetto presentato per la diffusione via web delle sedute di consiglio, in termini progettuali-realizzativi è un banale progettino. Costa poco ed è di sicuro impatto. Perchè è stato bocciato con la motivazione che non ci sono fondi, senza neanche averne appurato il costo reale o, forse senza neanche sapere bene di cosa si parlava e in cosa consisteva ? Non voglio essere maleducata, torno alla mia domanda iniziale: come è possibile che nel consiglio si parli di tutto e di più senza un’appropriata preparazione su ogni argomento trattato ? Gli unti dalla politica sono automaticamente unti dalla scienza ? Non credo. Ma così facendo si prendono madornali cantonate, come quella di cui sto parlando, a tutto danno della politica e del servizio ai cittadini. Mi piacerebbe che Antonini, o la signora Casasanta o qualsiasi altro loro collega avesse la cortesia di rispondere a questo mio dubbio. Grazie e buona giornata.
    Maurilia

  16. Chiudo qui la polemica ricordando a tutti che io non ho alcuna fissazione nei confronti di chicchessia.
    E’ un fatto che il consigliere da me citato ha, di fatto, perorato il rifiuto dell’iniziativa in questione.
    E’ un fatto che il suo – o quello di suoi familiari – nome ricorre di frequente all’interno di società (CAF UGL) o associazioni (Ass.ne LEON) che beneficiano di contributi da parte del Municipio.
    Ripeto quanto già detto: se ravvedessi gli estremi di qualche comportamento indebito, lo segnalerei, come cittadino, agli organi competenti e come Presidente della Commissione Trasparenza, al Consiglio tutto.
    In qualità di Consigliere municipale invece, penso di avere il compito di segnalare ai cittadini anche quanto di “politicamente inopportuno”, soprattutto in considerazione del fatto che lo strumento giuridico che permetterebbe ad ognuno di farsi una propria idea su ciò che accade – Pubblico Registro delgi Interessi – continua a ricevere l’ostracismo da parte del Municipio.

  17. SIGNORA Casasanta, mi consenta di appoggiare il blogger ROBERTO … Mi dispiace contraddirla ma … sono stato sul sito ed effettivamente di “atti ufficiali ed istituzionali” non ne esiste neanche uno. Mi deve spiegare perchè l’ iniziativa del consigliere ANTONINI che avrebbe gradito le riprese audio e video delle sedute del Consiglio Municipale è stata respinta dalla Sua maggioranza. La cosa grave è che ha banalmente motivato il voto contrario della proposta per impatti economici sulla cassa municipale. Purtroppo la realtà è che la trasparenza certe volte … in particolare nel Suo caso … fa male ! Lo so …
    G.M.T.

  18. rispondo alla Signora Maurilia .
    Quello che Lei dice è assolutamente vero , nessuno dei Consiglieri può avere competenza in tutte le materie . Quello che i Consiglieri dovrebbero discutere , posto il bilancio, posti i regolamenti e le leggi di vario tipo, è in realtà una bozza programmatica di indirizzo . Per essere più semplici un elenco di priorità ( dopo ovviamente aver garantito i servizi primari ) . spesso e volentieri ogni Consigliere propone , come è giusto che sia , un documento di natura politica o amministrativa . Nei casi in cui , come quello in discussione , l’argomento è di natura amministrativa/gestionale, è prassi , da parte del consigliere che propone il documento informarsi presso i vari uffici, utilizzare la competenza professionale dei dirigenti. In questi casi nelle premesse della eventuale proposta di risoluzione si inseriscono tutte quelle considerazioni di natura tecnica che rendono indiscutibile la fattibilità della proposta. Purtroppo, e questo lo dico senza polemiche, a tutti noi accade di non trovare in tempo utile la disponibilità degli uffici, o semplicemente accade anche di dare per scontate alcune informazioni . E’ inevitabile che ciò possa accadere; l’importante è , in questi casi , rinviare il documento in commissione ed utilizzare quel tempo per approfondire la materia ed arrichirla con considerazioni specifiche , utilizzando la competenza dei dirigenti che sono pagati anche per questo tipo di lavoro . Sbagliare , se vuole, è umano ed accade a coloro che lavorano . Forse , come hanno detto molti, è il caso di abbandonare ogni polemica e dedicarsi con maggiore impegno al compito per il quale i cittadini ci hanno delegato .
    Grazie

  19. Gentile CASASANTA , volevo ricordarLe che si è dimenticata di rispondere sia a me che a Roberto. Per aiutarLa … le rammento che avevamo formulato gli stessi quesiti. Grazie per l’attenzione !
    G.M.T.

  20. sig.ra Casasanta, la ringrazio per le sue spiegazioni. Dalle stesse capisco che sia la proposta del consigliere Antonini sia la decisione della maggioranza non sono state oggetto di valutazione preventiva da chi tecnicamente ne capisca, in termini di tecnologia, un po’ piu’ di voi. Mi auguro quindi che vogliate rianalizzarla dopo esservi consultati con un tecnico informatico perche’, mi creda, con qualche migliaio di euro di spesa una per tutte e l’impegno di un operatore ad ogni seduta di consiglio fareste una cosa veramente ben fatta dimostrando che quello che vi ha “intimoriti” è stata solo l’incognita dei costi e non quella della innovazione e della trasparenza. Buon lavoro e buona giornata.
    Maurilia

  21. Seguo con molto interesse la vostra animata discussione perché anche dalle mie parti, è già da sei mesi che si parla dell’installazione di una webcam in Municipio (XVII) per seguire i consigli comunali.

    Dopo aver lanciato la proposta dalle pagine del mio Blog, Roma – DelleVittorie – che non va, ho ricevuto più volte rassicurazioni che la cosa presto verrà realizzata, e anche da me, se ne parla proprio in questi giorni…vedremo come andrà a finire.

    Molto interessante l’idea del “Pubblico Registro degli Interessi” che, nel XVII, mi sembra, non sia stato mai proposto…ma lo farò io a breve.

    Da quel poco che ho capito leggendo i Vostri commenti, immagino che sia un documento già impostata ed elaborato…si potrebbe saperne qualcosa in più per poterlo prendere a modello ?

    Un caro saluto ai vicini del XX

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome