Home ATTUALITÀ Hopersoleo – Il leopardo va in guerrilla

    Hopersoleo – Il leopardo va in guerrilla

    Hopersoleo guerrilla marketingDa qualche giorno nella nostra città sono apparse locandine e volantini come quello descritto nella foto. Su questi avvisi un ipotetico allevatore di Leopardi afferma di aver smarrito un leopardo specificandone Nome, Razza, Caratteristiche, Ultimo avvistamento, Dove cercare, Come prenderlo ed invitando i lettori ad approfondire l’argomento sul sito http://hopersoleo.wordpress.com/. Alcuni indizi fanno però subito capire che si dovrebbe trattare di una azione di Guerrilla Marketing, una forma di promozione pubblicitaria non convenzionale e a basso budget ottenuta attraverso l’utilizzo creativo di mezzi e strumenti aggressivi che fanno leva sull’immaginario e sui meccanismi psicologici degli utenti finali. Controllando infatti il nome a dominio hopersoleo.it sul database dei nomi a dominio italiani http://www.nic.it/cgi-bin/Whois/whois.cgi si scopre che questo dominio è intestato alla società Xister srl azienda particolarmente attiva nel settore dell’Ambient e del Guerrilla Marketing. Ad avvalorare questa tesi le pubblicità apparse sul quotidiano La Repubblica, sulle ricerche di Google e l’accuratezza grafica con la quale è stato costruito il sito che non sono certo alla portata di un allevatore di Leopardi. E’ comunque incredibile come tante persone abbiano abboccato all’amo, pardon al dente, del felino ovviamente.
    Per approfondire l’argomento Guerrilla Marketing ecco due link interessanti: http://www.guerrigliamarketing.it/ e http://www.bloguerrilla.it/.

    Visita la nostra pagina di Facebook

    11 COMMENTI

    1. Visto l’impegno economico profuso mi sembra strano che non abbiano registrato anche i domini:
      – hopersoleo.org
      – hopersoleo.info
      – hopersoleo.eu

      Il fatto di aver inserito il sito di “hopersoleo” nella directory di wordpress.com è dovuto sia alla ottima indicizzazione che il contenitore wordpress.com ha sia al desiderio di farlo sembrare un sito di un privato.

      Un risultato lo hanno comunque ottenuto. Quello di far parlare dell’iniziativa.
      E non è poco.

    2. Oltre al blog, realizzato in tempi record dopo la recente scomparsa… sembra che il “disperato” proprietario del felino abbia anche attivato una campagna di online advertising con banner e annunci pay per click!

      Ma non solo… per essere sicuro di ritrovare l’amato quadrupede, ecco spuntare

      La pagina di Flickr di Leo: http://www.flickr.com/photos/25471812@N06/
      La pagina di Facebook di Leo: http://www.facebook.com/people/Leo_Leopardo/1225005564
      Il canale di YouTube di Leo: http://www.youtube.com/user/hopersoleo11
      La pagina di Myspace di Leo: http://www.myspace.com/hopersoleo
      La Google Map con i luoghi degli avvistamenti di Leo http://www.hopersoleo.com/map/
      Ma qui si sono traditi!

      La mappa infatti non è pubblicata sotto il dominio di wordpress come il resto del blog, ma sotto il dominio http://www.hopersoleo.com

      Basta consultare un qualsiasi servizio di WhoIs online, per sapere chi ha registrato il dominio:

      http://www.whois.net/whois_new.cgi?d=hopersoleo&tld=com

      Dominio registrato da Xister Srl – Agenzia creativa di Roma specializzata in new e unconventional media.

      Premesso che fosse del tutto improbabile che un leopardo si aggirasse veramente per le strade di Roma, ci troviamo di fronte ad un’ottima azione di Guerrilla Marketing Online!

      L’azione è stata veramente ben progettata: messaggio indubbiamente virale, ottimo utilizzo del web come mezzo di comunicazione, ottimo utilizzo dei social network, e soprattutto, ottimo utilizzo del passa parola!

      Non ci resta che attendere per conoscere quale prodotto verrà pubblicizzato!

    3. che tristezza….
      bè, io ho vent’anni e mi ritrovo a dover parlare cm un’anziana signora…ma dove siamo finiti?
      avete letto i commeti sul sito? decine di bambini (ma anche persone un pò più grandi) si sn prodigati per aiutare leo e il suo padrone, investendo soldi e tempo (ricordiamo che per un bambino anche 3-4 euro di fotocopie sono un sacrificio), per non parlare della delusione che subentrerà quando scopriranno di essere stati presi in giro e quello che ne conseguirà…sarò svenevole, sentimentale e qualunquista, ma, sinceramente, questa cosa mi distrurba un pochino. 🙁
      nessuno ha commentato la parte umana di tutta la faccenda, ma solo la triste furbizia dell’azienda in questione, e anche questo mi rattrista un pochino.

    4. @Miriam
      Certo è che la prossima volta che vedremo un cartello di smarrimento di una animale (cane o gatto che sia) il pensiero ad una ipotetica “fregatura” sarà automatico.

    5. Miriam , ma chi ha detto che solo le anziane signore/i debbano e possano dire cose “saggie e pacate”.
      Va bene pure a ventanni , non ti abbattere.
      Mi dirai che queste società di marketing non fanno nulla per caso.
      Avranno studiato quindi i comportamenti delle persone e si saranno adeguate di conseguenza.
      Toccherebbe poi a noi discernere i brands “positivi” da quelli “nefasti”.
      Mi sembra che però purtroppo la maggior parte delle persone rimane coinvolta dai messaggi pubblicitari più o meno subliminali.

      Quindi se uscirà un nuovo prodotto legato a questo fatto, boicottiamolo.

    6. Ma che bella iniziativa di guerrilla complimenti…provo ad indovinare ed anticipare la fase svelata…non è che magari dietro ci sia una bella zienda che so di auto oppure di moto?
      Semplice curiosità da profano….

    7. Domenica 11 maggio alle 21,30 su Rai Uno viene svelato chi è Leo?
      Cosi scrivono sul sito. Controllando il palinsesto di Rai Uno, Domenica 11 maggio alle 21,30 inizia un episodio della Fiction “Il commissario De Luca”.
      Ritenendo improbabile che all’interno della fiction si possa parlare di Leopardi smarriti mi viene da pensare che l’appuntamento sia con uno Spot TV che manderanno in onda prima dell’inizio della Fiction.
      Staremo a vedere.
      Voci non confermate ipotizzano che si tratti di una vettura del gruppo Chrysler.

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome