Home ATTUALITÀ Al Tribunale di Roma succede anche questo

    Al Tribunale di Roma succede anche questo

    tribunale-di-roma.jpgNon indugiamo mai nella facile ironia, ma questa va proprio raccontata: 70 udienze, ma l’imputato era morto

    Ci sono volute 70 udienze, in dieci anni di tempo, per arrivare alla conclusione che l’imputato del processo era morto da tempo. L’uomo era deceduto all’inizio del procedimento, nel ’97. Il tribunale di Roma lo aveva dichiarato contumace nominadogli un avvocato d’ufficio, senza preoccuparsi di capire perché non si fosse mai presentato in aula. Ora una ricerca all’anagrafe ha risolto l’arcano….

    L’uomo è morto proprio all’inizio del processo nell’estate del ’97. Aveva nominato un avvocato d’ufficio e poi non si era presentato in aula. Era stato dichiarato contumace dai giudici. Poi, dopo la prima udienza c’era stato il decesso. Nelle udienze successive non vedendo né l’imputato in aula né il suo difensore, i giudici hanno continuato a dichiarare l’uomo contumace assegnandogli un difensore d’ufficio. E così via, per ogni udienza.

    Ad ogni convocazione veniva assegnato un nuovo difensore d’ufficio che però non si presentava mai e mai verificava la reale esistenza del suo assistito. La lentezza dei procedimenti penali ha fatto il resto. Il processo si è trascinato per 10 anni con la solita indifferenza verso l’assenza di quell’imputato. Alla fine ad insospettirsi è stato il pubblico ministero che ha fatto fare una ricerca all’anagrafe scoprendo che l’imputato era morto in concomitanza con l’inizio del processo. (Fonte TGCOM)

    Visita la nostra pagina di Facebook

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome