Home ATTUALITÀ Attenzione ai bocconi avvelenati

    Attenzione ai bocconi avvelenati

    contro i bocconi avvelenatiRiprendiamo una notizia apparsa sul Corriere della sera del 17 giugno di particolare interesse per i proprietari di cani della nostra zona

    Sollecitiamo i padroni di cani a fare particolare attenzione ed a mettere le museruole ai cani in modo da impedire loro di mangiare o leccare qualsiasi cosa.

    Chiunque avvisti qualcosa di sospetto, bocconi o persone che lasciano pacchetti sospetti è invitato a segnalarlo su questo blog inserendo luogo e data di avvistamento.

    Fabrizio Azzali

    Testo della notizia apparsa sul Corriere della Sera del 17 giugno

    Tre cani morti e due in condizioni gravi. E’ accaduto questa mattina a Roma dopo che gli animali hanno leccato pezzi di salsicce velenose lasciati da una mano criminale all’interno del parco di Monte Mario, nei pressi dell’istituto Don Orione.

    Gli animali morti sono un pastore tedesco, una cagnetta meticcia e un Breton da caccia. Due i meticci intubati. Secondo i veterinari dello Zoo-Ospedale Forlanini, dove i proprietari dei cani stanno portando i loro animali, le esche contenevano o stricnina o veleni erbicidi. L’effetto sugli animali che hanno ingerito le esche sono stati infatti immediati e devastanti: «I cani – spiegano i veterinari che stanno affrontando l’emergenza – sono morti nel giro di pochi minuti, tra convulsioni, vomito, irrigidimento ed emorragia dalla bocca». Un effetto che non sarebbe stato prodotto se le esche contenevano veleno per topi.

    Disperati, i proprietari dei cani si dicono preoccupati per i rischi che anche i bambini che frequentano il parco possono correre: «Ci appelliamo al sindaco Walter Veltroni, venga a vedere cosa sta accadendo in questo parco, visto che i suoi delegati non pare siano così interessati a difendere i nostri animali, è gia accaduto nel 2003, e anche in quel caso sono morti diversi cani. Dobbiamo aspettare che muoiano anche i bambini?».

    Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia Trionfale. Per il reato c’è la procedibilità d’ufficio: bisogna accertare, spiegano i militari, se l’ingestione è avvenuto proprio nel parco di Monte Mario, che è gestito dall’ente Roma-Natura o nel giardino del vicino istituto Don Orione, una proprietà privata il cui cancello però è spesso aperto.

    Monica Cirinnà, delegata del sindaco per i diritti degli animali, ha lanciato un appello ai proprietari di animali: «Mettete ai vostri cani le museruole». La Cirinnà ha anche reso noto che «nei giorni scorsi esche avvelenate sono state rinvenute all’interno del parco comunale di Saxa Rubra» e proprio per questo «l’ufficio dei diritti degli animali sta allestendo cartelli informativi per i proprietari degli animali che frequentano il parco». Per quanto accaduto stamani a Monte Mario invece la Cirinnà, chiede «l’intervento del servizio di igiene pubblica della Asl RmE competente sia per Saxa Rubra che per Monte Mario».

    Visita la nostra pagina di Facebook

    1 commento

    1. E’ una cosa allucinante. Una vergogna.
      L’unico rimedio è il passaparola, cosa che farò.
      Gente che fa cose simili, meriterebbe davvero l’ergastolo.

      Saluti,
      Mattia

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome