Home PONTE MILVIO Ponte Milvio, ora come allora

Ponte Milvio, ora come allora

milvio01.jpg Checco Durante, famosissimo popolare attore e poeta romano deceduto nel 1976, a Dicembre del 1937, in occasione della piena del Tevere, scrisse “Ponte Mollo” poesia dedicata all’omonimo Ponte.

La particolarità è che già allora, ben settant’anni fa, si parlava di lampioni e di promesse d’amore….

No… no… se so’ sbajati… cascà nun me se vede… come pe’ tanti secoli, resto dritto in piede.
Co’ tutto che c’è l’acqua che m’è arivata ar collo, li romani ciavranno ancora Ponte Mollo
a cavallo der Tevere che, co’ la luna, pare che canti ‘na canzona corenno verso er mare.
Lo so, li giornalisti m’aveveno spacciato, ma puro pe’ stavorta er cronista ha sbajato,
me la so vista brutta… so’ stato in agonia, ho rimpianto pe’ un attomo tutta la vita mia.
Quanti ricordi belli!… Quante ne so passate su ‘sto povero ponte de coppie innamorate!
…Er primo che arivava de tutti ‘sti birboni prima d’ogni antra cosa sfasciava li lampioni.
Nun volevano er gasse, la luce, le fiammelle; pe’ trovasse la bocca bastaveno le stelle.
Quante mode diverse!… Prima le polacchette, e poi le veste larghe e poi le veste strette;
ho inteso baci ardenti, risate scrocchiarelle, ma le frasi d’amore erano sempre quelle:
“T’amo!…”, “Te vojo bene!…”, “Sei l’unico tesoro!…”. “Sei l’aria che respiro!…”, “Si tu me lassi moro!…”.
…E poi, se sa, cor sangue che ardeva ne le vene nun sempre tutto quanto annava a finì bene.
‘Na coppia, per esempio, dietro a quell’angoletto misa la prima pietra pe’ fabbricà un maschietto.
…Che pianti! Che tormento! Ma poi tutto er cordojo finiva come ar solito, de corsa a Campidojo:
che ognuno nun sognava antro che d’annà a dì, davanti all’assessore, quer benedetto: “si!…”.
Quante coppie ho rivisto ripassà dopo tanto con un mucchio de fiji che je trottava accanto!…
Poi cor passà dell’anni, li rivedevo stanchi, magari tutti curvi, co’ li capelli bianchi
che, invece de la luna, mo cercaveno er sole, ma ancora se dicevano tante belle parole:
– Ricordi Giggi mio, che belli regazzetti ch’eravamo a vent’anni?…
– Mo semo du’ boccetti, ma er core è sempre giovane…
– Ma me voi bene ancora?
– Tanto, tesoro mio… ma tanto come allora.
Ecco l’amore vero… l’amore che po’ dà la gioia de vive, la gran felicità…
che po’ ridà la forza a n’anima avvilita p’affrontà coraggiosa la lotta co’ la vita.
No… no… coppie: venite… e potete sta certe che questo vecchio amico v’aspetta a braccia operte…
v’aspetto a tutte l’ore… contate su de me: io resto dritto in piede a fa da separé
a cavallo der Tevere che, co’ la luna, pare che canti ‘na canzona corenno verso er mare.
Ecco… er lampione rotto… ‘na coppia tutta ardrente sperduta in mezzo all’ombra… e io, vecchio e cadente,
come pe’ tanti secoli, da dietro ar parapetto, guardo… sorido… abbozzo… e reggo er zoccoletto.

C.C.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome