Il miglior basket giovanile romano al 6° Memorial Mario Delle Cave

Il miglior basket giovanile romano al 6° Memorial Mario Delle Cave

MARIO-DELLE-CAVE
VignaClaraBlog.it

Per il sesto anno consecutivo la Stella Azzurra Basket di via Flaminia 867, storica società capitolina, ha ricordato Mario Delle Cave, la giovane promessa del basket, il numero 8 nero-stellato, il playmaker che regalava magie, oltre che il ragazzo energico, caparbio e sorridente che a settembre 2011 perse la vita a 18 anni in un incidente stradale avvenuto in viale Tor di Quinto.

Sul parquet dell’Arena Altero Felici, l’edizione-monstre del 2017 ha visto giocare 30 partite nei tre tornei giovanili maschili U18 Eccellenza, U14 Elite e U13 Elite, ai quali hanno partecipato 16 squadre in rappresentanza di 12 società, praticamente il meglio del basket giovanile di Roma e dintorni.

VINCITORI

Ad affermarsi nella categoria maggiore per età è stata l’HSC Roma, che nella finalissima tra le vincitrici dei due gironi eliminatori ha prevalso sul Lido di Roma Basket.

Degna del significato e dell’importanza della tre giorni stellina è stata la partita per il titolo, emozionante e decisa in volata con il successo della squadra di Stefano Bizzozi, imbattuta nell’edizione 2017 del Memorial. 86-83 il punteggio per l’HSC trascinata dalla quasi tripla doppia di Aristide Mouaha, autore di 28 punti+11 falli subiti+9 rimbalzi.

Per il Lido di Roma la soddisfazione di essere arrivata prima nel girone che vedeva la presenza dei padroni di casa della Stella Azzurra di Germano D’Arcangeli, a cui è costato il pass per la finale proprio la sconfitta nella fase eliminatoria contro i lidensi di Matteo Picardi, per poi centrare comunque la salita sul podio il giorno dopo con la netta vittoria nella finale per il 3° posto contro il San Paolo Ostiense Roma (69-41).

La società di casa si è rifatta nel torneo U14 Elite, nel quale la formazione di Claudio Carducci è riuscita a ribaltare in modo evidente il -29 subìto il giorno prima dagli stessi avversari della finale, l’Alfa Omega Ostia, travolta 87-67 nella finale tra le prime due classificate del quadrangolare organizzato in un girone all’italiana.

I padroni di casa nerostellati hanno dovuto invece alzare bandiera bianca nella finale U13 Elite, che ha sorriso nettamente al San Paolo Ostiense con il punteggio di 81-34 ai danni dei giovani ragazzi di Massimiliano Briscese e Dario Dessì.

PREMIO MARIO DELLE CAVE

A consegnare la coppa dei vincitori U18 Eccellenza nella premiazione finale seguita alla finalissima tra HSC e Lido di Roma è stato il papà di Mario, Gianni Delle Cave, che ha consegnato anche il Premio Mario Delle Cave, lo speciale riconoscimento assegnato al giocatore che nel corso del Memorial ha meglio incarnato lo spirito intriso di passione, divertimento e capacità tecniche con cui Mario viveva la pallacanestro, tutte doti riconosciute in questa edizione a Dalph Adem Panopio, il capitano della squadra U18 Eccellenza stellina.

La speciale premiazione ha rappresentato uno dei momenti più toccanti del Memorial insieme alla cerimonia di commemorazione andata in scena alle ore 14 del 7 settembre, giornata inaugurale della manifestazione coincisa con il giorno in cui Mario perse la vita in un incidente stradale nel 2011, cerimonia partita con la chiusura delle porte e lo spegnimento delle luci dell’intero centro sportivo nerostellato e conclusa dal silenzio militare suonato dal vivo da un trombettista al rientro del pubblico dentro l’impianto.

MEMORIAL & ALTRO

Oltre al trentello di partite ufficiali l’evento ha previsto anche altro. C’è stata una prestigiosa parentesi di basket femminile con l’amichevole internazionale affrontata dalla Prima Squadra stellina di Francesco Dragonetto, in preparazione al prossimo campionato di Serie B, contro le americane NCAA di Stanford University.

Sfida che si è giocata mentre in contemporanea sul rinnovato campetto all’aperto antistante l’Arena Felici si stava giocando già da qualche ora la 8 per l’otto, la maxi-gara di 8 ore a cui chiunque poteva partecipare in maniera scanzonata nel ricordo di Mario, 8 come il numero di maglia del talento nerostellato, canotta appesa sulle pareti dell’Arena Felici come le due gigantografie a bordo campo a cui le diverse squadre stelline hanno reso omaggio con il tradizionale saluto al termine del loro impegno nel Memoriall, che è stato anche teatro del Clinic PAO che ha visto l’impianto riempirsi nella mattinata della giornata conclusiva di sabato per la lezione del coach Andrea Capobianco, responsabile del Settore Squadre Nazionali giovanili maschili, e dell’arbitro internazionale Alessandro Martolini.

 

Visita la nostra pagina di Facebook

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO