Meteo Roma, è allerta arancione. Nel XV pronta l’Unità di Crisi

Meteo Roma, è allerta arancione. Nel XV pronta l’Unità di Crisi

pioggia
VignaClaraBlog.it

Domenica 10 e lunedì 11 settembre sulla Capitale e sul Lazio forte peggioramento delle condizioni meteo con temporali e punte di oltre 60-80 millimetri di pioggia.

In particolare, la giornata di domenica sarà caratterizzata da forti piogge con precipitazioni elevate e prolungate. Per tale motivo Il Centro Funzionale dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile  ha classificato l’allerta meteo come arancione (il terzo livello di gravità su una scala di quattro) su tutto il territorio regionale.

Tale classificazione prevede la possibilità di effetti al suolo particolarmente significativi sul versante idrogeologico come frane, smottamenti e fenomeni di instabilità di versanti, in ragione di una particolare intensità puntuale e rapidità di evoluzione dei fenomeni atmosferici.

Anche sotto il profilo idraulico è concreta la possibilità di effetti significativi quali, ad esempio, l’innalzamento dei livelli dei fiumi, allagamenti di seminterrati e locali al pianterreno in coincidenza di zone di deflusso delle acque meteoriche, allagamenti di sottopassaggi ed infrastrutture situate in zone di compluvio delle acque, con conseguenti disagi alla viabilità.

Unità di Crisi nel XV

Nel XV Municipio, per affrontare al meglio le eventuali emergenze, dalle 7 di domenica mattina sarà aperta l’Unità di Crisi Locale ubicata in via Caprilli, nella sede del XV Gruppo della Polizia Locale di Roma, mentre fin dalle 6 del mattino, presso la sede dell’Ufficio Extradipartimentale Protezione Civile di Roma Capitale, sarà in funzione il Centro Operativo Comunale composto da rappresentanti del Campidoglio, della Polizia Locale, di Ama, Acea e Atac.

A renderlo noto è il presidente del XV, Stefano Simonelli, sottolineando che i volontari della Protezione Civile sono stati preventivamente allertati e sono già operativi dalle 24 di sabato. Assieme a loro, è stata allertata l’impresa del Municipio XV che è pronta ad intervenire anche con canal jet.

Per quanto riguarda le zone più a rischio alluvione, come Labaro e Prima Porta, il presidente fa sapere che nei giorni scorsi – in sintonia con quanto chiesto dal locale Comitato 31 Gennaio – sono stati sollecitati interventi preventivi ed è stato richiesto al SIMU un presidio continuativo presso l’impianto di Via Procaccini e il reperimento di due idrovore mobili aggiuntive, con trituratore, da 10mila litri.

Visita la nostra pagina di Facebook
CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. Nella mia strada allagata all’inverosimile, dove cercavo insieme ad altri 2-3 malcapitati di liberare i tombini, non si è mai visto nessuno.si sono allagate case androni e garage. Questi sono fatti.

  2. Solo proclami…. l’unità di crisi… abbiamo visto come hanno gestito la crisi.. su via della Farnesina tutti i tombini otturati e la mondezza che galleggiava visto che ormai da tre mesi hanno tolto i cassonetti rotti senza sostituirli…

LASCIA UN COMMENTO