Agosto al MAXXI, biglietto speciale a 5 euro

Agosto al MAXXI, biglietto speciale a 5 euro

MAXXI di sera
foto Musacchio Ianniello courtesy Fondazione MAXXI
VignaClaraBlog.it

Vacanze romane al MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo che, per il mese di agosto 2017, propone un biglietto speciale a 5 Euro e tante mostre imperdibili, con apertura straordinaria fino alle 22 ogni giovedì (attiva già da giugno) e tutti i giorni (escluso il lunedì), visita al museo più aperitivo a 10 Euro, per  unire il piacere dell’arte a quello dello stare insieme, chiacchierando e degustando negli spazi della caffetteria/bookshop TYPO e  del ristorante LINEA (a partire dalle 16:30 fino alle 21, giovedì fino alle 22, biglietto acquistabile fino un’ora prima la chiusura del museo).

Tra le mostre, quelle dedicate a due maestri indiscussi dell’architettura mondiale, Zaha Hadid e Yona Friedman, ma anche la monografica che ripercorre 50 anni di carriera di Piero Gilardi e The Place to Be l’esposizione dedicata agli artisti, i fotografi, gli architetti della Collezione permanente, tra cui Alighiero Boetti,  William Kentridge (con i disegni per il fregio sulle banchine del Tevere), Mario Merz (con il suo celebre Triplo Igloo), Maurizio Cattelan, Gilbert & George, Sol Lewitt, Michelangelo Pistoletto, i maestri della fotografia Helmut Newton (esposto il suo unico progetto dedicato al paesaggio, 72 ore a Roma: una serie di 46  fotografie scattate a Roma in 3 giorni) e Letizia Battaglia, Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Paolo Portoghesi, Pier Luigi Nervi, Alvaro Siza, Toyo Ito e molti altri.

L’ITALIA DI ZAHA HADID (fino al 14 gennaio 2018)

A cura di Margherita Guccione (Direttore MAXXI Architettura) e Woody Yao (Direttore Zaha Hadid Design),

organizzata in collaborazione con Zaha Hadid Design, Zaha Hadid Architects e la Fondazione Zaha Hadid, la mostra è un racconto dell’intenso e duraturo rapporto dell’architetto con il nostro paese a partire da progetti come il Terminal Marittimo di Salerno, ilMessner Mountain Museum a Plan de Corones, City Life a Milano e, naturalmente, il MAXXI.

Allestita negli spazi della più spettacolare galleria del museo, la Galleria 5 con la grande vetrata che si proietta sulla piazza, la mostra esplora a 360 gradi l’opera e  il pensiero di Hadid: dai bozzetti pittorici e concettuali ai modelli tridimensionali, dallerappresentazioni virtuali agli studi interdisciplinari, insieme a oggetti, video,  straordinarie fotografie di Helen Binet, capaci di rivelare lo sforzo costante di ricerca pionieristica e sperimentale.

Un’ampia sezione  è dedicata al rapporto di Zaha con il design made in Italy. Dai divani per B&B Italia e Cassina alle sedie, le panche, i tavoli per Sawaya & Moroni; dalle lampade per Slamp, ai vasi e i centrotavola per Alessi e le librerie componibili per Magis, con incursioni nel mondo dell’alta gioielleria con l’anello B.zero1 e della moda con l’esclusiva borsa  disegnata per un evento charity di Fendi.

YONA FRIEDMAN. Mobile Architecture, People’s Architecture (fino al 29 ottobre 2017)

Yona Friedman (Budapest 1923), architetto visionario, figura dirompente e creativa al di fuori di ogni confine disciplinare, dal pensiero straordinariamente attuale, è protagonista della mostra a cura di Gong Yan e Elena Motisi che,  dopo essere stata presentata nel 2015 al Power Station of Art di Shanghai, arriva a Roma in una nuova veste, pensata appositamente insieme all’architetto.

Per Friedman – che nel 2016 ha realizzato per la Serpentine Gallery di Londra una struttura modulare che sembra disegnata nell’aria – chiunque può progettare e realizzare la propria architettura attraverso strutture mobili semplici e flessibili, dalla casa alle “città spaziali” che fluttuano al di sopra delle città reali.

Per questa mostra, la sua celebre Ville Spatiale (1958 – 62), tema centrale della sua opera, si sposta su Roma: una griglia aerea sul territorio, con corridoi e abitazioni progettati da chi le abita, riprodotta in un grande modello di 9 metri di lunghezza in dialogo con alcune visioni inedite dedicate alla città di Roma e al MAXXI realizzate per questa occasione.

E ancora lo Street Museum (2017), che accoglie 16 oggetti dei cittadini, scelti perché significativi per loro e che, esposti nelle teche della struttura, diventano “opera”.

Completano l’esposizione disegni inediti degli anni Sessanta, le sue strutture mobili e “improvvisate” insieme alle istruzioni per realizzarle, fotomontaggi, video e una selezione di film d’animazione.

NATURE FOREVER. PIERO GILARDI (fino al 15 ottobre 2017)

I visitatori potranno inoltre immergersi nella natura fantastica e avvolgente di Piero Gilardi, grande maestro dell’arte contemporanea e attivista militante, da sempre impegnato in battaglie per i diritti civili e la salvaguardia dell’ambiente.

La mostra è un viaggio fantastico tra installazioni interattive – come Inverosimile, la vigna che si anima soffiando –  e animazioni politiche, “tappeti natura” e fotografie, video, documenti, che racconta i 50 anni del suo percorso.

Visita la nostra pagina di Facebook
CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO