“Mondo cane” a Roma Nord

“Mondo cane” a Roma Nord

cane-cacca
VignaClaraBlog.it

Tutte le scene che vedrete in questo film sono vere e sempre riprese dal vero. Se spesso saranno scene amare è perché molte cose sono amare su questa terra. D’altronde il dovere del cronista non è quello di addolcire la verità, ma di riferirla obbiettivamente“.

Così si legge nei primi fotogrammi di Mondo cane, un film documentario del 1962 diretto da Gualtiero Jacopetti, Paolo Cavara e Franco Prosperi.

Presentato e premiato al 15º Festival di Cannes, dopo aver vinto un David di Donatello e dopo una nomination all’Oscar, il film ottenne un grande successo internazionale diventando un cult-movie della cinematografia italiana.

E a volte i film ritornano, come – tanto per restare in tema – tanti ritorni al futuro. E’ per questo che abbiamo scelto le parole che introducono le immagini del film, perchè “il dovere del cronista non è quello di addolcire la verità, ma di riferirla obiettivamente“.

E a descrivere a VignaClarablog.it la verità del “mondo cane” dei nostri giorni, ambientato a Roma Nord, è Ruggero Marino, giornalista, scrittore e poeta residente sulla Cassia, uno dei massimi esperti di Cristoforo Colombo e della scoperta dell’America grazie ad una ricerca personale e continua che va avanti da circa 26 anni.

Ma in questa sua “lettera al direttore” non ci sono caravelle e spedizioni, niente mari in bufera e terre nuove. C’è qualcosa più terra terra, ma proprio in terra…

“Egregio Direttore, faccio una doverosa premessa. Non sono un animalista ma nella mia casa sono transitati tre cani, una dinastia di gatti, compresi gatti di strada. Ho avuto anche  tre tartarughe. A fare parte dello zoo casalingo si sono alternati inoltre due criceti, uno scoiattolo e perfino un’oca. Nella casa delle vacanze abbiamo allevato una merla ed una cornacchia cadute dal nido. Non posso essere quindi tacciato di non sopportare le bestie.

E a questo punto mi consenta uno sfogo. In un apologo da mondo-cane, Italia-cane e da paese-cane.

La mattina a volte mi reco in un  piccolo parco con tanto di laghetto fra l’Olimpica e via di Tor di Quinto. Il parco è finalmente tornato alla decenza. Panchine nuove, cestini per i rifiuti nuovi, lampioni, vialetti con la ghiaia, il verde riportato ad una crescita non più incontrollata. E infine un’ampia area cani, con indicazioni e decaloghi, a caratteri cubitali, bene in vista all’entrata del giardino.

Per la verità l’area cani esisteva già, con confini precisi ed altri cartelli. Il tutto fu divelto dai proprietari degli animali, che preferivano far scorrazzare le loro bestiole, anche quelle di razze considerate pericolose, in totale libertà e senza guinzaglio.

Con risse ricorrenti fra gli animali, senza contare a volte la paura di alcuni bambini e qualche assalto a chi correva sulla pista attorno alla pozza d’acqua, attento a non inciampare nelle deiezioni, che costellavano i prati.

Come se non bastasse le bestiole erano libere di tuffarsi nel laghetto, a volte a caccia dei volatili: gabbiani, cormorani, papere … con i nuovi nati atterriti, perché non erano in grado di volare, ma di fare solo qualche saltello con le ali. C’erano anche pesci, che qualcuno pescava con la lenza … Ogni tanto veniva un’auto della polizia o una coppia di poliziotti a cavallo. Mai vista fare una multa.

Ora, come detto, tutto è stato ripristinato e nel migliore dei modi. Si potrebbe mantenere l’oasi nel pieno decoro con un minimo di civiltà e di reciproca tolleranza. Le persone avrebbero il loro spazio, i cani il loro. Ma non è così.

I cani fanno i cani ed è giusto. Il guaio è  che non sono più dei padroni a portare a spasso i cani, ma sono i cani a portare a spasso i padroni che invadono a loro piacimento tutto il parco in assenza di guinzagli e museruole.

Trovo che questo mondo-cane nella capitale del Paese sia un esemplare paradigma dell’imperante malcostume italiano

La mia casa è a San Godenzo, in una zona residenziale abitata da media o alta borghesia. Anche qui non si può staccare lo sguardo dai marciapiedi a scanso di … infortuni che porterebbero … fortuna oltre al cattivo odore.

La zona era chiamata Poggio delle rose. Un tempo, ora è Poggio degli escrementi e delle deiezioni canine che potrebbero essere fatte nelle caditoie sotto i marciapiedi. Mentre proprio all’uscita dei palazzi muretti e asfalto sono quotidianamente rinfrescati da rivoli di orina. Due scale costellate di feci  (in 150 metri ne ho contate 15) e che collegano la via, fatta a ferro di cavallo, furono ripulite solo grazie alla nevicata.

La battuta pecoreccia sul paese di m … sarebbe troppo scontata. E il refrain del giorno e della notte inoltrata non è il via vai delle auto, ma l’abbaiare dei cani. Nel trionfo della maleducazione. Se questo accade in città, fra persone mediamente acculturate, figuriamoci nei borghi. Dove a volte i cani scorrazzano liberi, inseguendo le auto. Guai ad andare inermi a piedi. Qualche volta ci scappa anche il morto.

Sia chiaro, lo ribadisco, io non ce l’ho con i cani, ma con i padroni dei cani. Se provi a protestare vieni additato con il “dalli all’untore” e ci manca poco che ti diano del “fascista”. In una sorta di animalismo mafioso, in una sorta di solidarietà fra padroni, che da clan si fa autentico branco basato sul menefreghismo, sulla prepotenza, sulla sopraffazione: rafforzate dall’impunità. Nell’inedito contagioso riaffacciarsi di un Dna paramafioso foriero di tutti mali dell’Italia.

Non a caso i cani sono diventati il cavallo di battaglia di una rossa animalista, che ha riconquistato posizioni perdute grazie alla crociata per salvare i cani beagle di “Green hill”. La vivisezione e le torture che venivano inferte a quei cuccioli sono abominevoli, ma i servizi televisivi tipo presa della Bastiglia mi sono sembrati eccessivi. Senza contare che in uno stadio per la salvezza dei cento beagle è comparso persino uno striscione.

Penso che, oltre al resto, si stia perdendo il senso della misura. Ha mai visto, Direttore, durante una partita di calcio megacartelloni contro lo stupro dei bambini, contro la violenza sulle donne, contro i ragazzini-soldato, contro il traffico di organi, contro la fame nel mondo, contro gli eccidi ricorrenti …?

Perché, mi domando, c’è più attenzione, maggiore sensibilità per un cane che per un umano? Può spiegarmelo un sociologo o meglio uno psichiatra? Perché ci si comporta in questo modo e poi ci si fa il segno della croce?

A fronte di questa specie di neopaganesimo, che mette sul piedistallo il cane-oro rispetto all’uomo, perché la Chiesa tace? Qualcuno diceva “ama il prossimo tuo come te stesso”. Oggi forse è il caso di dire “ama il cane tuo come te stesso. E fregatene del prossimo”. Nel trionfo dell’egotismo e dell’egoismo.

Spesso, lo si ripete, gli animali sono migliori degli uomini. Verissimo. Ma allora perché i loro padroni non migliorano, invece di imbestialire, grazie alla vicinanza dei loro animali? Non è solo attraverso i grandi sistemi che si rimette in marcia un Paese.

Una casa  si costruisce a partire dal basso, non dal tetto. A volte sono più necessari i piccoli passi, le abitudini quotidiane, il reciproco rispetto. Gli esempi potrebbero essere un’infinità, la questione dei cani ne è uno soltanto. Ma si sta dilatando a dismisura in maniera inquietante.

Qualcuno potrebbe a questo punto affermare che a combattere il fenomeno ci pensano le leggi. La civiltà, quella vera, per la verità, non dovrebbe avere nemmeno bisogno delle leggi. Le norme ci vogliono, ma dovrebbero costituire l’estrema “ratio”. Sì, ma intanto servono e ci sono, si potrebbe ancora obiettare, siamo la patria del diritto. Sì, del diritto inapplicato.

Perché questo è un paese-cane che, purtroppo, si morde la coda. Perché questo, egregio Direttore, questo non è un paese solo da riformare. É un paese da rifondare. Mi creda.
Suo Ruggero Marino”

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. Vigna Clara è sporca come tante altre zone di Roma.
    via nemea o via nesso sono un gabinetto per cani e l’odore che si leva dal marciapiede è orribile. Siamo un popolo da terzo mondo. I cani vanno tutelati ma se i padroni fanno fatica a raccogliere , li facessero sporcare a casa loro. E spero che non si comprino più un cane una volta che qs passerà a miglior vita.

  2. Io amo molto gli animali, specialmente i cani, ne ho quattro dei quali tre di grossa taglia (uno è un maremmano). Concordo in pieno con l’amico Ruggero Marino, sono i padroni dei cani ad essere maleducati. Chi ama veramente il proprio cane non lo impone a nessuno e soprattutto non impone le sue deiezioni.

  3. Ho due cani, e paradossalmente nelle aree cani ci vado il meno possibile perché il rischio di imbrattarsi e di far contrarre malattie ai propri cani è altissimo, perché ad ogni annusata(dentro e fuori le aree) data a feci ‘aliene’, il pericolo che il cane ‘ospiti’ suo malgrado parassiti intestinali di altri cani malati è altissimo, e se non ha un ottimo sistema immunitario ci lascia la cotenna. Quindi per tutti quelli che si astengono dal raccogliere perché tanto, nessuno guarda, il concetto che possono pagare(e far pagare) un prezzo molto alto per la dimenticanza (…) va declinato in maniera chiara. Il Parco cani Alpinismo viene gestito da noi possessori di cani, ci sobbarchiamo spese e oneri per tenere sempre intonsa tutta l’area adibita ai cani, pagando addetti che curano il prato, raccolgono deiezioni, tengono in ordine tutto. Fuori da quel piccolo paradiso succede di tutto. Però dico peccato, perché le occasioni per dare segni di ‘civiltà evoluta’ (anche se secondo me è il minimo sindacale raccogliere una cacca del proprio cane) e di rispetto per il prossimo le abbiamo, e le snobbiamo. E il risultato è che siamo nella m***a, pragmaticamente detto.

  4. Io ho tre cani che amo , ma quando li porto a passeggio mi rendo conto che se fossi una persona a cui non piacciono gli odierei ancor di più, è impossibile fare due passi senza sporcarsi, la puzza per strada è terribile!
    Perché non ci si rende conto che lasciando i loro bisogni per strada si alimenta solo l’intolleranza?
    Ci vorrebbero controlli e multe salatissime per chi non raccoglie!

  5. Confermo: via Besso, via Bandini e limitrofe sono latrine a cielo aperto. Dire che il tema sia la scarsa dignità ed educazione di alcuni possessori degli animali è, ormai, quasi pleonastico. Grande inciviltà e nient’altro. Senza tenere in conto i rischi sanitari conseguenti. Gli operatori Ama sono impotenti. Il cane lo si passeggia anche dietro ai mezzi della pulizia strada. Così, tanto per sfregio. Un Paese civile?
    L.

  6. Le leggi ci sono: nazionali, provinciali, regionali, comunali.. ma non ci sta chi DEVE farle rispettare!!
    L’educazione in questi casi si puo solo “insegnare” a suon di multe salatissime..unico argomento che viene ascoltato. Ho visto cartelli minacciosi e cartelli spiritosi per invitare i padroni dei cani a ripulire i marciapiedi, ho personalmente tentato piu volte su via Flaminia di far raccogliere i bisognini a padroni “distratti” rimediando o assurdi “non è mica stato il mio” oppure insolenti” fatti i c…. tuoi” quindi credo che l’unico modo per risolvere il problema siano LE MULTE SALATISSIME

  7. Il problema non è Roma ma Roma Nord, dove (presunti) signori e signore non reputano di doversi sporcare le loro mani per raccogliere gli escrementi dei loro (amati) cani. Questa mattina, nell’area cain “la rotonda” di Via della Farnesina, ho dovuto richiamare una signora che vedeva il suo mastino evacuare facendo finta di nulla.
    Basta andare in una area cani, autogestita, di quartieri più civili come Tiburtina/Pietralata, per trovare cartelli informativi, cestini svuotati, erba tagliata e gente cortese che saluta anche se non ci si conosce.
    Vi invito a fare un salto all’area cani di Via Achille Tedeschi. Provare per credere.

LASCIA UN COMMENTO