Lutto all’Olgiata per la morte di Elisa Scarascia Mugnozza

Lutto all’Olgiata per la morte di Elisa Scarascia Mugnozza

Olgiata
VignaClaraBlog.it

Elisa, la giovane studentessa deceduta assieme ad altre sei italiane nel terribile incidente in Spagna, è la figlia di Giuseppe Scarascia Mugnozza, direttore del Dipartimento per l’innovazione dei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali dell’Università della Tuscia, residente all’Olgiata.

Elisa studiava medicina alla Sapienza e solo da un mese si trovava a Barcellona, nell’ambito del programma Erasmus, per seguire i corsi della Facultat de Medicina-Hospital Clínic dell’Universitat de Barcelona. A confermarlo la mamma.

“Elisa era partita per Barcellona un mese fa – ha dichiarato al Corriere della Sera – aveva appena iniziato questa esperienza, era piena di gioia e entusiasmo, amava tanto lo studio, ancora non sapeva esattamente cosa avrebbe voluto fare in futuro ma era al quinto anno, ci stava pensando, ci stavamo preparando alla laurea, stavamo organizzando. L’ultima volta che l’ho sentita è stato poco prima che partisse per Valencia, era molto contenta di poter partecipare a questa festa delle Palme….sarebbe dovuta rientrare a casa a luglio”.

Elisa Scarascia Mugnozza
Elisa (foto da profilo facebook)

Il papà in queste ore è in Spagna per il riconoscimento del corpo della figlia. E’ partito ieri sera, appena venuto a conoscenza della tragedia.

Una famiglia, quella degli Scarascia Mugnozza, da anni impegnata nell’università. Il papà di Elisa, oltre all’incarico alla Tuscia, attualmente è direttore dell’Istituto di biologia agroambientale e forestale del Consiglio nazionale delle ricerche mentre il nonno,  Gian Tommaso, è stato storico rettore della Tuscia e uno dei fondatori della Crui.

Tutto l’ambiente accademico romano e viterbese si è stretto in queste ore intorno alla famiglia con messaggi di cordoglio.

Aggiornamento: i funerali si terranno giovedì 24 marzo, leggi qui

Visita la nostra pagina di Facebook

Olgiata, Roma, RM, Italia

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO