Storie d’amore e di pennarello

Storie d’amore e di pennarello

lucchetti Ponte Milvio
Speciale Elezioni 2016

Agli inizi del ‘900 a Ponte Milvio i duri di periferia si davano battaglia a colpi di coltello per i begli occhi di una donna. Oggi il coltello è stato sostituito dal pennarello e le battaglie tramutate in languidi sospiri d’amore. Dopo il sorriso la riflessione: da quando non si pulisce più Ponte Milvio?

Una volta storie d’amore e di coltello oggi storie d’amore col pennarello.

Poche parole e tante foto prese a caso fra le centinaia e centinaia di scritte che ricoprono le spallette di Ponte Milvio dove, fra l’altro, son tornati a fiorire anche i lucchetti.

scritte-a-ponte-milvio-7.JPG

 scritte-a-ponte-milvio-2.JPG

scritte-a-ponte-milvio-15.JPG

scritte-a-ponte-milvio-5.JPG

Ma l’amore, si sa, ti stordisce. Ti fa perdere la testa, ti fa sognare, ti fa volare. Non ti fa dormire, non ti fa mangiare, ti illude e ti disillude. Ti toglie il lume della ragione.

E l’amore, si sa, a volte ti fa diventare anche uno sciocco perfetto.

scritte-a-ponte-milvio-8.JPG

scritte-a-ponte-milvio-9.JPG

scritte-a-ponte-milvio-10.JPG

Cambiano i tempi ma non cambia Ponte Mollo. Nel 1937, Checco Durante, famosissimo popolare attore e poeta romano deceduto nel 1976, scrisse la poesia “Ponte Mollo” nella quale faceva dire al ponte : “…su di me ho inteso baci ardenti, risate scrocchiarelle, ma le frasi d’amore erano sempre quelle: t’amo!…te vojo bene! …sei l’unico tesoro!…sei l’aria che respiro!…si tu me lassi moro!…”

 scritte-a-ponte-milvio-1.JPG

scritte-a-ponte-milvio-3.JPG

scritte-a-ponte-milvio-4.JPG

scritte-a-ponte-milvio-11.JPG

Negli anni correnti canta invece Vinicio Capossela: “….Che cos’è l’amor, chiedilo al vento, che sferza il suo lamento, sulla ghiaia del viale del tramonto…” ma a lamentarsi, qui a Ponte Mollo, più che il vento sono le vecchie spallette col marmo ricoperto da scritte melense che nemmeno Cyrano De Bergerac si sarebbe sognato di scrivere alla sua Rossana.

scritte-a-ponte-milvio-12.JPG

 scritte-a-ponte-milvio-13.JPG

scritte-a-ponte-milvio-14.JPG

Una volta storie d’amore e di coltello oggi storie d’amore col pennarello. Che però dopo un po’ andrebbero anche cancellate perchè Ponte Mollo è Ponte Mollo e si merita un pizzico di rispetto in più.

Claudio Cafasso

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

VignaClaraBlog.it
CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. Capisco gli ardori giovanili ma ridurre Ponte Milvio così è proprio uno scempio, una coltellata al cuore tanto per restare sul tema ! Alcune scritte sono datate 2013, ma da quando non viene pulito ??

  2. E’ un indice del livello di civiltà di alcuni giovani. Diversi anni fà io ero contrario anche ai lucchetti. Ma allora andavano di moda e quindi c’erano autorevoli voci a favore…E adesso ci becchiamo anche i pennarelli. Degrado

LASCIA UN COMMENTO