Multe pazze a Roma

Multe pazze a Roma

Speciale Elezioni 2016

Anche il Prefetto di Roma ha perso la pazienza e ieri ha convocato una riunione urgente sulla storia delle cartelle pazze di questi ultimi mesi che ha raggiunto dimensioni impensabili. VignaClaraBlog ve la racconta.

multa1.jpgLa Gerit SpA, ente riscossore incaricato di recuperare i crediti vantati dal Comune di Roma, da mesi sta spedendo a casa dei romani centinaia e centinaia di verbali, cartelle esattoriali, ipoteche sulla casa e fermi auto. Multe in gran parte contestate dai cittadini perché errate, prescritte, con dati sbagliati, già pagate o, quel ch’è peggio, annullate con sentenza del Giudice di Pace. Un vero e proprio caos che ha visto scendere in campo anche il vice Difensore Civico di Roma a difesa degli interessi e del diritto dei cittadini a non essere vessati in tale modo. Ma andiamo con ordine, chi è la Gerit SpA ?

Dal 1° ottobre 2006, per effetto dell’art. 3 del D.L. 203/2005 è operativa sull’intero territorio nazionale la società EQUITALIA SpA (nome profetico…) , società a prevalente capitale pubblico attraverso la quale l’Agenzia delle Entrate effettua la riscossione dei tributi, e dalla stessa data è stato soppresso il sistema di affidamento in concessione del servizio nazionale della riscossione precedentemente gestito dalle banche tramite proprie società ad hoc costituite.

Idee Regalo

gerit.gifGerit Spa controllata da Equitalia, è quindi l’Agente della Riscossione per la provincia di Roma (nonché per quelle di Livorno, L’Aquila, Siena, Grosseto e Latina) che ha sostituito in tale compito la Banca Monte dei Paschi di Siena Spa (a Roma in via dei Normanni 5), garantendone la continuità del servizio essendo subentrata in tutti i rapporti giuridici, attività, azioni e procedure poste in essere da quest’ultima.

Subito insediatasi, a Roma la Gerit ha cominciato a riesumare migliaia di posizioni lasciate in arretrato dal Monte dei Paschi ed iscritte a ruolo dal Comune di Roma (sia per la necessità di far cassa del Comune di Roma – presumiamo noi – sia per intascare i “compensi di riscossione” dovuti per ogni atto) ma nel far ciò ha fatto scoppiare il caso delle multe pazze consegnando a casa dei cittadini migliaia di ingiunzioni e cartelle esattoriali relative ad infrazioni avvenute anni ed anni prima e che nel frattempo o erano scadute, o già pagate od annullate dal Prefetto o dal Giudice di Pace (NdR: anche noi negli ultimi mesi abbiamo ricevuto tre ingiunzioni di pagamento per altrettante multe già annullate dal Giudice di Pace nel 2001 e nel 2003).

Ma oltre la beffa anche il danno. Primo, perché numerose di queste ingiunzioni sono accompagnate da provvedimenti di fermi e sequestro dell’auto o iscrizioni ipotecarie su beni immobili. Secondo, perché la GERIT ha adottato la tecnica giuridica di considerare la sua richiesta di pagamento solo come una “diffida” od un “sollecito”; negli atti in questione è infatti scritto nelle avvertenze che ” … la presente lettera non costituisce atto autonomamente impugnabile e non si applica quindi l’articolo 7 della Legge 212/2000 che impone l’obbligo di indicare il termine, l’organo giurisdizionale o l’autorità amministrativa cui è possibile ricorrere in caso di atti impugnabili…” . Quale fine Ufficio Legale avrà suggerito questo approccio e cosa significa ? E’ presto detto: una diffida od un sollecito non sono provvedimenti giuridici e pertanto il cittadino, in assenza di un vero atto in senso tecnico-legale, non ha diritto a presentare alcun ricorso e non gli resta che percorrere due strade: avviare un estenuante pellegrinaggio di ufficio in ufficio alla ricerca di notizie e documenti utili a fare chiarezza sul caso o pagare.

Nel frattempo lo stesso Ministro dei Trasporti Bianchi ha avuto parole di condanna sulla gestione delle multe in argomento e vari esponenti politici romani hanno tempestato di interrogazioni, a livello Comunale, il Sindaco Veltroni e, a livello Regionale, il Presidente Marrazzo affinché diano avvio a procedure ispettive sul corretto comportamento della Gerit. Ovviamente anche le Associazioni dei Consumatori si son mosse ed il suggerimento, che ad esempio viene dal Codacons, è si di fare attenzione ma senza eccessi di preoccupazione perché una diffida o un sollecito non debbono spaventare. Il cittadino verifichi la fondatezza di cosa gli si chiede, perché se viene fuori che la richiesta è relativa a una multa già annullata dal Prefetto o dal Giudice di Pace si apre la strada per una salata richiesta di danni all’amministrazione.

Bene, dicevamo che il caso è approdato sulla scrivania del Prefetto di Roma, Carlo Mosca, che ieri ha riunito intorno alla stessa i rappresentanti del Campidoglio, l’Ufficio del Difensore Civico, il Dipartimento delle entrate e soprattutto la Gerit Spa.

Questi gli accordi raggiunti: Per le posizioni ereditate dal Monte dei Paschi Gerit non invierà più fermi o atti esecutivi, ma soltanto solleciti (purchè senza la riserva legale di cui sopra, aggiungiamo noi) in modo da consentire ai cittadini di verificare la propria posizione in tempi distesi e regolarizzarla senza ulteriori oneri. In un comunicato stampa congiunto il Comune di Roma e la Gerit affermano che per gli atti esecutivi e cautelari (preavvisi, solleciti, intimazioni, iscrizioni ipotecarie) già pervenuti i cittadini potranno recarsi agli sportelli di Gerit che, a tal fine, potenzierà la propria presenza sul territorio di Roma con l’apertura di ulteriori 50 sportelli su tre nuove sedi in aggiunta alle attuali di Via Aurelia 477 e via Cristoforo Colombo 271.

logo_ilmessaggero.gifTutto bene quel che finisce bene ? Non sembra stando all’indagine condotta da Il Messaggero il 16 ottobre, secondo la quale dall’Ufficio Contravvenzioni del Comune di Roma continuano ad essere spedite indiscriminatamente nuove cartelle esattoriali al ritmo di 12.000 a settimana… chi la dura la vince ?

VignaClaraBlog.it

11 COMMENTI

  1. Le multe dovrebbero essere contestate immediatamente e, in caso di impossibilità di fermare il veicolo, nel più breve tempo possibile (al massimo 2/3 giorni), non dopo anni.
    Nel caso di multe pazze poi non vedo perchè uno debba perdere del tempo per dimostrare che ha già pagato o che la multa non gli/le riguarda!
    E’ semplicemente inammissibile in una società civile.
    Siamo nel 2007, non nel 1600.

  2. Multe pazze a Roma | VignaClaraBlog.it

    Anche il Prefetto di Roma ha perso la pazienza e ieri ha convocato una riunione urgente sulla storia delle cartelle pazze di questi ultimi mesi che ha raggiunto dimensioni impensabili. VignaClaraBlog ve la racconta.

  3. Multe pazze a Roma | VignaClaraBlog.it

    Anche il Prefetto di Roma ha perso la pazienza e ieri ha convocato una riunione urgente sulla storia delle cartelle pazze di questi ultimi mesi che ha raggiunto dimensioni impensabili. VignaClaraBlog ve la racconta.

  4. Anche a me, ieri, è stata notificata una contarvvenzione per una violazione che avrei compiuto alle ore 9:13 del 14/09/2007 a Roma nei pressi di P.zza S. Emerenziana con il mio ciclomotore (Vespa 50 cc). Si da il caso che io abiti a Mestre, che da un anno non circoli con il motorino in quanto choccato da una caduta avvenuta nel novembre dello scorso anno con trauma alla spalla, che a Roma non ci metto piede dal maggio 2006, che nella stessa mattinata ho effettuato un pagamento con carta di credito presso un supermercato nelle vicinanze di Mestre. MORALE: telefonare alla Polizia di Roma è impossibile ed è stato necessario perdere la mattinata ed alla fine spedire una Raccomandata AR con relativi costi di francobolli e di auto per raggiungere l’Uff. Postale. NELLA SPERANZA CHE LA COSA SI RISOLVA

  5. Salve ,
    mi aggiungo anch’io a quella lunghissima schiera di malcapitati che hanno ricevuto notifiche “strane” dalla Gerit. In particolare mi hanno intimato il pagamento di una contravvenzione (divieto di sosta) del febbraio 1997.
    Io avrei pagato la multa se mi fosse stata notificata nei tempi corretti. E se questo non bastasse, la Gerit scrive all’indirizzo presso l’abitazione dei miei genitori dal quale non non sono redidente dal lontano 1986.
    Alla fine mi ha aiutato il Difensore Civico del comune di Roma ad inoltrare le giusta comunicazioni per richiedere l’annullamento d’ufficio.
    Un bel casino per migliaia di cittadini che perdono tempo nel ritrovare a casa documenti di molti anni fà.
    Sicuramente una discreta percentuale di persone per “paura” pagano comunque a prescindere.
    Questo è raschiare il fondo!
    La speranza è l’ultima a morire.
    Saluti

  6. salve tempo fa mi e’ stata mandata una cartella esattoriale di un totale di 5,000,00 euro di contravvenzioni datate 1994 fino al 2005 ho messo l’avvocato ed ho fatto causa alla gerit perche’ penso che le multe dopo molti anni dovrebbero andare in prescrizione e poi la cartella come sempre succede a tutti viene consegnata al portiere e non a me che possibilita’ ci sono che vinca la causa o anche i giudici sono dalla parte del comune di roma

  7. MULTE PAZZE (PREISTORICHE)
    CONOSCETE UN BUON AVVOCATO CHE SI OCCUPA DI MULTE? ANCHE IO SONO UN CITTADINO CHE SONO INCAPPATO NELLA RETE DELLA GERIT, MULTE VECCHIE DI QUASI 8 ANNI MA COME E’ POSSIBILE UNA COSA DEL GENERE????????

  8. ben 4 anni fa ho pagato una multa di euro 154 poiche’ un vigile a roma a largo ricci si divertiva a compilare verbali falsi senza neanche a sua detta ricordarsi perche ci multava…ma mi e satao consigliato di lasciar correre…e quindi ho pagato. Secondo equitalia ho pagato non dopo 60 giorni come previsto ,ma dopo 61 (poiche’ nel mezzo c’ erano un sabato e una domenica giorni in cui gli uffici postali sono chiusi.)ora mi e’ arrivata la stessa multa e per punirmi di un giorno di ritardo dovro’ pagare ben 238 euro prche’ cosi e’ previsto.secondo loro. la notifica arrivo’ il 15 dicembre quindi le festivita’ sono tre: il 25,il 26;ed il primo dell’anno perche’ questi giorni nn vengono sottratti visto ke son festivi e nn sarebbe possibile pagfare? io guadagno 300 euro al mese (quando sono fortunata) e pagare in questo modo per qualcosa gia’ pagato con sacrificio e’OLTRETUTTO SENZA aver neanche commesso l’infrazione…e’ vergognoso.ke posso fare? grazie

LASCIA UN COMMENTO